Vietare le feste popolari in valtolla? Vietare le feste in val d’arda? Vietare le sagre nelle valli piacentine?

clicca per ingrandire ( valtola iPhoto)

 Si discute come limitare fortemente e drasticamente le feste popolari estive organizzate dall’associazionismo locale (pro-loco, avis, circoli ricreativi, ecc…)  per non “danneggiare” i commercianti e i ristoratori di collina e montagna.

Siamo al paradosso!

Una volta si attacano gli agriturismi, un’altra le sagre paesane organizzate dalle pro-loco ( non si attacano più le feste dell’unità perché sono quasi sparite) e tra un po’ quelle organizzate da …Avis, Aido, circoli Anspi, cacciatori, pescatori ecc….

Indubbiamente si tratta di una problematica seria e non liquidabile con delle battute.

Non compete sicuramente ad un blog fare chiarezza sulla vicenda ma proviamo a fare qualche considerazione.

In montagna, negli anni scorsi,  si sono favorite la nascita delle varie pro-loco per “dinamizzare” i paesi soprattutto in estate.

Ci è capitato da ormai 6/7 anni di partecipare ad alcune feste popolari estive in valtolla (media e alta valdarda) molto, moltissimo partecipate  e renderci conto che, nelle medesime giornate,  ristoranti, pizzerie e bar erano frequentatissimi al punto tale che rifiutavano clienti oppure ci si doveva “accontentare”.

Questo lo abbiamo verificato quando le pro-loco e/o le varie associazioni di volontariato svolgevano la festa della patata, delle castagne, della polenta, dei cacciatori, del tal paese, del tal prodotto, ecc..……quindi non si esageri nel dire che tante feste popolari danneggiano il commercio, che lo porteranno alla morte e altre amenità varie..

Tante feste, spessissimo, sono l’unica occasione che hanno i Paesi di farsi conoscere, per realizzare socialità che non possiamo permetterci di non considerare assolutamente necessaria in tutte le occasioni possibili.

Non è sicuramente colpa delle pro-loco se in montagna i pubblici esercizi chiudono!

Non scherziamo! Le varie pro-loco non sono così onnipotenti…

Non è per la festa della polenta di Castelletto o per quella delle patate di Vezzolacca che i 3 o 4 ristoranti della zona chiudono o, come tutti auspicano, progrediscono!

Non è per la festa delle castagne di Castell’Arquato  che  i baristi  chiudono ovvero progrediscono!

Non è per la festa del vino di Bacedasco o di chiavenna o per la festa del bosco di Vernasca che falliscono i commercianti della zona!

Che vi sia l’esigenza di coordinare può darsi ma se lo scopo è ridurre drasticamente le poche iniziative dell’associazionismo  e “annichilire” il volontariato NO GRAZIE!

Quanti quintali di vino, salame, coppa, castagne, patate e altri prodotti locali si smaltiscono in queste feste??…..E quante in più ne consumano anche i ristoranti della zona proprio durante le feste paesane organizzate dall’associazionismo che attira tanta gente anche per gli stessi commercianti??

Quanta  acqua minerale,  birra e altri prodotti provenienti da commercianti locali (sic!) si “smaltiscono” in questi periodi in queste feste tanto criticate e che si vorrebbe limitare?

Non ho mai visto una festa locale che non venda centinaia e centinaia di bottiglie di Gutturnio, di Monterosso e di Ortrugo oppure di salame piacentino e altre bontà.

Non è economia buona anche questa? So per certo che molte  pro loco con i pochi guadagni che hanno realizzato  grazie alla partecipazione popolare alta alle loro feste  e al grande lavoro di numerosi volontari hanno ridipinto chiese,  ristrutturato mistadelli,  ripristinato sentieri, fontane, posizionato panchine, ecc….

Per concludere: potrebbe essere un idea  coinvolgere maggiormente i commercianti nelle varie pro loco…se ci stanno…..se sono disponibili con lo stesso spirito altruistico che tutti noi abbiamo.

Potrebbe essere un idea quella di coordinarsi maggiormente per vallate senza voler, per questo, limitare “congruamente o non… ” nessuno.

Qui non c’è da limitare …qui c’è da fare!

4 pensieri riguardo “Vietare le feste popolari in valtolla? Vietare le feste in val d’arda? Vietare le sagre nelle valli piacentine?

  1. Il problema ,che a me tocca particolarmente,è abbastanza delicato.Se da un lato in certi paesini sperduti le feste servono per portare turisti, nella parte commerciale della provincia sono veramente troppe. Non sono totalmente daccordo nel voler abolire le feste basterebbe cercare di far fare la ristorazione ai locali e la festa potrebbe occuparsi solo di salumi formaggi vino e danze (come era fino a pochi anni fà) e cercare le feste con più tradizione,alcune sono veramente ridicole.
    Un ‘altra cosa,non sono daccordo con chi mi dice che le feste portano gente nei paesini; vengono il giorno della festa per seguire un’orchestra particolare,per fuggire dal caldo …ma poi durante l’anno non li vedi più,non è forse meglio cercare di portare gente tutto l’anno che in tre giorni ,ma questo riguarda i commercianti,tutti,che a volte sembrano scocciati di avere foresti nel paese.

    1. grazie a luca per il commento molto interessante.
      alcune tue considerazioni sono da approfondire (…far fare la ristorazione ai locali…. vengono il giorno della festa…)..
      considera che in montagna e nell’alta collina, nella nostra, non vi sono molte strutture ricettive ( salvo rari esempi) ma occorre lavorare per “costruire” l’ambiente favorevole, iniziative di attrazione, eventi, ecc….molti temi sui quali riflettere.
      ciao a presto.

  2. E’ proprio così,ho dei miei clienti che mi hanno parlato molto bene di feste fatte in paesini dispersi ma aimè una volta tornati,a festa finita per una gita non hanno trovato niente assolutamente niente i volontari della festa venivano da altri paesini e li era deserto.
    Io sono ristoratore masi possono trovare accordi per le parti

  3. Coinvolgere i commercianti locali nell’organizzazione delle medesime feste e sagre dovrebbe essere la soluzione. In molte località le associazioni dei commercianti hanno un ruolo di rilievo nelle stesse proloco. La cosa più importante è riuscire a promuovere il territorio, unica via per consolidare ed incrementare i flussi turistici

Rispondi a Gutturnio Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...