CHE CI VENGO A FARE …?

La domanda sorge spontanea….ma a Castell’ Arquato che ci vengo a fare?

Se ricerco pace e tranquillità vado più sù in alta valdarda, in valtolla dove vi sono immensi boschi……immensi e spettacolari!

Vado al parco provinciale, al monte Santa Franca, al Mengosa, alla Palazza, al Mu, al Lucchi ….In valtolla….solo in valtolla! Se volessi  far divertire i miei figli vado al castello di Gropparello…magnificamente gestito da  imprenditori che ne ha fatto un’ attrazione importante per i ragazzi che fantasticano sul medioevo ( il castello offre buona ospitalità anche ai genitori).

Vengo a Castell’arquato per visitare i musei? Quello delle balene ( il paleontologico), quello del castello ( la rocca viscontea), quello di Luigi Illica?

Vengo sicuramente a visitare la piazza monumentale….un capolavoro!

In poche parole me la cavo in una giornata scarsa. Un pò pochino!

Iniziamo, allora,  a vedere i pro e i contro dell’eventuale visita.

PRO

la piazza monumentale, la collegiata e il suo museo, il museo paleontologico, quello Illichiano, la galleria d’arte moderna nella ex pretura.

PRO… con qualche riserva

l’ enoteca ( non è un winebar, non è una moderna enoteca-bar….ma è meglio di niente), la rocca viscontea e il suo museo ( ovvero un occasione persa…ma veramente persa).

CONTRO

il torrione chiuso e la fontana del duca, via Sforza Caolzio priva di ogni attrattiva ( qualche limitata lodevole presenza commerciale e basta…poi quelle vecchie chiese così lasciate andare…)….l’ostello chiuso…chiuso ( che grida vendetta)! i giardini della rocca…oddio che miseria!, la boschina….la mitica boschina con il suo parco delle driadi!

ALTRE ATTRATTIVE? POCHE….EFFIMERE, SCONOSCIUTE!

Qualcuno si era “montato” la testa e, pensando di essere ad Assisi o a Gubbio, ha fatto dei disastri!

Spese elevate….poca attenzione al Budget……eppure alcune manifestazioni era azzeccate..potevano essere il motore per sviluppare il  turismo per davvero quello che porta anche lavoro.

Non so cosa costassero le iniziative letterarie o l’antiquariato ma erano, sicuramente, eventi importanti e da paese turistico ( non lo era di sicuro il mercato del forte). Sicuramente non servivano eventi che costassero ” troppo ” !  Lo ripetiamo: siamo a Castell’ Arquato!

Molti criticano Grazzano ma forse non sanno che continuano ad andarci migliaia di persone … che fanno ” un paio di vasche “, curiosano per negozi ( perché li nel cuore del paese ci sono), mangiano un panino, una pizza e poi se ne vanno…..ma ci vanno in migliaia!

A Castell’Arquato si ha l’impressione che si voglia spostare tutto in basso! chissà se è solo una sensazione! Si ha forse paura di affrontare il problema?

Ma così non si rischia di buttare, come si suol dire, ” l’acqua sporca con il bambino”? Gli arquatesi hanno forse paura a confrontarsi con questo BABAU?

Una stagione turistica va ” costruita, le strutture valorizzate, le infrastrutture REALIZZATE! …certo nel tempo!

Non può il più bel paese della provincia non avere neppure un posto letto per gli ospiti ( o solo una manciata).

CONTINUEREMO AD OCCUPARCI DELLA QUESTIONE CON ALTRI POST!

valdarda in revue...
valdarda in revue...