Sentieri di montagna: escursionisti a piedi, in bici…e a cavallo statevene a casa

sulla via dei monasteri regi in Mignano di Vernasca
sulla via dei monasteri regi in Mignano di Vernasca

Perché non permettere a quad, fuoristrada e motocross di utilizzare gli stessi sentieri di collina e montagna…insieme ai camminatori? Pensate che non sia possibile? Beh…tra pochi mesi ( la prossima primavera) si terranno le nuove elezioni locali e regionali e allora questa proposta potrebbe prender piede. A proporlo pare siano stati alcuni consiglieri della maggioranza di centrosinistra in Regione. Qualcuno potrebbe obiettare: già ora questi mezzi meccanici transitano abitualmente nei sentieri e quindi dove starebbe la novità? Continua a leggere “Sentieri di montagna: escursionisti a piedi, in bici…e a cavallo statevene a casa”

I grandi sentieri di Vezzolacca…

clic per ingrandire

Una nuova pagina del blog “valtolla& valdarda country” è dedicata ai sentieri di Vezzolacca con brevissimi consigli di percorso scaricabili in PDF.

La cartina è stata redatta dal CAI di Piacenza dopo aver segnalato, pulito e/o tracciato i sentieri in collaborazione con la locale proloco.

Si tratta di sentieri conosciuti, facili da percorrere in ogni stagione che permettono, in taluni punti, viste spettacolari.

Valtolla-valdarda: il giro del mondo tra mille sentieri

sentieri di Vezzolacca...

Il CAI (Club Alpino Italiano) come ben sanno gli amici della montagna si prodiga anche sul fronte della “sentieristica” e lo fa bene….

Gran parte di quanto è segnalato nei boschi, nei crinali, nella montagna e alta collina in genere con il classico segnavia bianco e rosso è merito del CAI!

Molti di tali sentieri se ci sono ancora, se sono percorribili e se  sono monitorati lo sono grazie alla collaborazione Comuni-Istituzioni- CAI!

Molti dei nostri bellissimi sentieri altovaldardesi da Vezzolacca a Vigoleno, dal monte Moria al passo dei Guselli, dal Menegosa a…. sono parte  del “progetto”, come lo sono tanti altri del territorio piacentino, del CAI.

L’ottima “via  francigena di montagna” denominata   “la via degli abati” è frutto anche del loro instancabile lavoro (volontario!).

Dal 2012 hanno un progetto ambizioso: realizzare un grande “anello” sentieristico provinciale che quando sarà ultimato permetterà, in diverse tappe segnalate,  di poter fare il giro dell’Appennino piacentino tra boschi, crinali, passi montani, pascoli e paesi. In poche parole…. una meraviglia!

Chissà che non vi siano anche pro-loco, volontariato locale organizzato o gruppi di operatori turistici che decidano di intervenire concretamente nell’iniziativa, di farsi coinvolgere….insieme al CAI! Perché, questa iniziativa, rappresenta concretamente un tassello base per costruire  quello che si chiama “ sistema integrato”. Questa è la concretizzazione dell’infrastrutturazione base per il turismo montanaro piacentino.

 Chissà…..!!