La festa della castagna tipica di Vezzolacca

clicca per ingrandire (valtolla keynote)

DOMENICA PROSSIMA 26 SETTEMBRE DALLE 10 ALLE 19 SI SVOLGE LA FESTA DELLA CASTAGNA TIPICA DI VEZZOLACCA.

La più grande estensione di castagneti della valtolla/valdarda, dal Monte Canzolino al Monte Palazza passando per Luneto, il monte Lucchi e il monte Mu… Continua a leggere “La festa della castagna tipica di Vezzolacca”

VALTOLLA E AGRICOLTURA LOCALE A KM ZERO

La domanda è: ma in valtolla si riuscirebbe a istituire un agrimercato?…un mercato a Km zero? 
 Nel perimetro lievemente allargato della valtolla ci comprendiamo, naturalmente, i territori interi dei comuni di Lugagnano, Vernasca e Morfasso e una parte di Castell’Arquato e zone attigue.

 In questo contesto possiamo parlare di 2 agricolture, montana e collinare e di 3 grandi settori produttivi: zootecnico, viti-vinicolo e silvo-pastorale.   

ovviamente le schematizzazioni lasciano sempre molto a desiderare e rischiano di far passare nel dimenticatoio le nicchie di produzione che in una zona piccola e particolare come la nostra possono assumere una certa importanza. 

Ci riferiamo alla orticoltura/frutticoltura praticata con un certo successo senza grandi ausili di trattamenti chimici ( spesso quasi in assenza totale..se non del tutto): patate, pomodori da mensa o da conserva casalinga, cipolle, verze, uva da tavola, noci, castagne…tante castagne, frutta antica, ecc….che potrebbero, se le organizzazioni agricole locali e i Comuni fossero disponibili, divenire un settore più strutturato con il fine di implementare un mercato a km zero che, crediamo, sia un ottima iniziativa. 

Crediamo anche che, a livello istituzionale locale, potersi fregiare di una simile opportunità non sia da sottovalutare…ma di agricoltura non ne parla nessuno…..se non per parlare di vincoli, ……. Continua a leggere “VALTOLLA E AGRICOLTURA LOCALE A KM ZERO”

GEROVITAL…NATURALE!

L’uomo ha sempre cercato di carpire i segreti della vita per allungarla.

Siamo affascinati dal sapere che, come riporta la Sacra Bibbia, i nostri progenitori antichissimi vissero centinaia di anni.

I patriarchi, benedetti da Dio, vissero anche oltre 960 anni.

Nella genesi, pre diluvio universale, Adamo, il primo uomo, visse 930 anni; Matusalemme visse per 969 anni; Set, il terzo figlio di Adamo, visse 912 anni……Noè, che all’ epoca del diluvio aveva …solo…600 anni….visse fino a 950 anni.

Ma anche dopo il grande diluvio…non scherzavano: Sem 600 anni; Eber 464……ecc……fino ai ” modesti ” Isacco che visse 180 anni e Abramo 175 anni.

patriarca di 500 anni che dorme..

Poi, Bibbia permettendo, la vita media si è abbassata di molto……e fino a pochi anni or sono era di circa 70 anni nei paesi ” occidentali”.

In questi ultimi secoli di progresso scientifico, tecnologico e sociale, l’uomo le ha tentate tutte per allungare ancor più la vita media e di grandi risultati ne ha anche ottenuti ….ma sempre pochi rispetto a quanto si affermava prima.

Certo l’alimentazione, la medicina, i servizi sociali …..hanno permesso un innalzamento, ulteriore, dell’età media ma il ” gerovital ” , l’elisir di lunga vita dei nostri patriarchi, non lo abbiamo proprio scoperto.

A proposito: sapete che è il gerovital?…..Fu scoperto dalla dottoressa rumena Ana Aslan nel 1954.

Secondo la stessa dottoressa non è solamente un prodotto che rallenta l’invecchiamento, ma addirittura fa ringiovanire…ecco il segreto…fa ringiovanire.

Il suo migliore e reale pregio ” fu psicologico”  perché la sua inventrice capì che la qualità della vita nel mondo occidentale stava nettamente migliorando  e che occorreva proporre qualcosa per illudere la gente che si potesse allungare la vita facilmente, grazie a una medicina.

Il successo fu enorme ma i risultati…..

MA IL GEROVITAL NATURALE  CI SAREBBE, INVECE A LIMONE DEL GARDA E, ORA, ANCHE NEL NOSTRO APPENNINO PIACENTINO.

A Gramizzola ( Ottone) vivono 3 fratelli, due uomini e una donna, che di anni ne hanno complessivamente 300 e da sempre vivono in questa zona a ridosso del Monte Dego bevendo ( e qui rispunta un miracoloso gerovital naturale )  acqua dal fontanino del paese…niente acqua minerale…solo quella che sgorga da chissà quanto tempo nel fontanino di pietra del paesino citato.

Il sindaco di Ottone ha dichiarato che, in Ottone, una cosa è certa: non c’è inquinamento, l’acqua è veramente buona e pura e,  pur in presenza di fenomeni franosi e di altre menomazioni sociali e amministrative, ….” l’aria è senza polveri sottili che ci fanno ammalare” …..La frase riportata è questa!

Noi in valtolla abbiamo l’acqua buona che sgorga da tanti fontanini a Vezzolacca, a Rocchetta, a case Bonini, ecc…. ma anche le polveri fini che ( come dice il Sindaco di Ottone) ci fanno ammalare!….

Anche la valtolla potrebbe avere di più, merita di più, merita rispetto!…la valtolla è bellissima!…..Vorremmo diventasse anche il nostro ” gerovital”.

I patriarchi li abbiamo anche noi…ma son di legno: il castagno di 500 anni di Vezzolacca e il melo rastaiola  di 100 anni sempre a Vezzolacca….lunga vita ai patriarchi!