Terme di Bacedasco, cronaca lieve di una speranza perduta …

ICONA VALDARDA HISTORY-3 (trascinato)LE TERME DI BACEDASCO, AL TERMI AD BAZASCdi Sergio Efosi
Qualche anno fa al Palio della Zobia di Fiorenzuola gli amici di Cortina di Alseno rappresentarono “al termi ad bazasc”, ovvero le Terme di Bacedasco.

Ironizzarono, e giustamente, su una promessa mancata. Continua a leggere “Terme di Bacedasco, cronaca lieve di una speranza perduta …”

Terme di Bacedasco: un patrimonio popolare in malora…

recuperiamo le termeSulle Terme di Bacedasco abbiamo detto già tanto ma non abbastanza…Oggi anche Libertà ne parla con due articoli ben impostati che evidenziano tre cose. Continua a leggere “Terme di Bacedasco: un patrimonio popolare in malora…”

AL TÈRMI AD BAZASC: ovvero BACEDASCO PARK

Lo scorso 18 febbraio 2010 il blog federato ” valdarda comunitas blog ” ha pubblicato un articolo relativo alle terme di Bacedasco che, in parte, riportiamo ( se vi interessa potete collegarvi al sito citato tramite il nostro banner laterale ).

Nell’ articolo sono inseriti nostri commenti corrispondenti ai numeri tra parentesi (1), (2), (3)

……………………………………………………………………………………………………………

Quest’anno i vincitori del palio della Zobia di Fiorenzuola erano di Cortina di Alseno e rappresentavano ” al termi ad bazasc “, le terme di Bacedasco.

Giusto ironizzare su una promessa mancata …in diverse occasioni!

Giusto ricordare, se pur scherzosamente, che di terme grandi così a Piacenza non ne avevamo mai viste……per tutti, famiglie e giovani.

In realtà il territorio delle fonti, dell’ unica fonte, era appartenuta al territorio agrario confinate tra le due rivalissime frazioni arquatesi di San Lorenzo e Bacedasco fin dalla sua scoperta verso la metà degli anni 1800.

La fonte era sul confine tra i due paesi a margine del rio acqua puzza  e si raggiungeva dalla strada dei frati ( quelli di San Lorenzo) scendendo nella valle del rio citato per circa 300 metri tra boschi di Gaggie, salici, sambuchi, e Pioppi selvatici.

Tutt’intorno campi, vigneti, ottimi vigneti, boschi secolari grndissimi e ” bucolici”, calanchi, zone geologiche uniche, rii, animali selvatici e pochi insediamenti umani.

Nei primi anni 60, non c’erano terme, non c’era nulla al di fuori di una piccola fontanella tra i rovi dalla quale scorgava “l’acqua püsa ad san lurenz” che i ragazzi dei paesi raggiungevano in bicicletta per andarla a bere perchè ” faceva bene”…H²O sulfurea, salso-bromo-iodica ottima!

Poi la nascita, attorno alla metà degli anni 60, della società delle Terme, subito frequentatissime anche per ”  l’originale ” allestimento termale.

Una sorta di Eurodisney ante litteram: il treno che ti porta nel parco con tanto di…… Continua a leggere “AL TÈRMI AD BAZASC: ovvero BACEDASCO PARK”