Il Romito del Pelizzone (storie di un’eremita dalla nostra parte…)

planetrario 3

L’eremita e astronomo Melchiorre Clementi detto “Il Romito del Pelizzone” nel 1750, lascia l’eremitaggio del Pelizzone ma continuò a scrivere, oltre al suo celebre lunario “Il Planetario”¹, le cronache dei fatti che più di altri aveva sentito raccontare nel corso dei suoi frequenti spostamenti territoriali. Tali scritti furono tardivamente recuperati, ordinati successivamente da Padre Sereno² di Castelnuovo Fogliani. Questo proposto è un’esortazione al rispetto della nostra madre terra. Attuale? Continua a leggere “Il Romito del Pelizzone (storie di un’eremita dalla nostra parte…)”

Un solitario e un pescatore per le valli piacentine…

solitario 2015 3DUE PAROLE SU QUESTO TIPO DI LUNARI

L’antico e vero “Solitario Piacentino” del 2015 giunge al 220° anno di pubblicazione, un bel record. Purtroppo invece ci siamo persi per strada “Il Planetario” e “Il Doppio Pescatore di Chiaravalle”.   Continua a leggere “Un solitario e un pescatore per le valli piacentine…”

Il festival di Castell’Arquato…

castell'arquato 1 1A Castell’Arquato proprio nel secondo dopoguerra, si svolse il festival di questi cantastorie dei quali nessuno più parla e forse neppure forse ricorda ma che è documentato in due “Cinegiornali Luce”, quelli che proiettavano in tutte le sale cinematrografiche prima di ogni proiezione. Ma quelli erano gli anni della ricerca del moderno a tutti i costi e anche questo evento venne travolto e abbandonato(…)…

Per leggere l’intero articolo clicca qui!

Il Romito del Pelizzone scende a Fiorenzuola…

planetrario 3
Il Romito del Pelizzone al secolo Melchiorre Clementi (immagine ripresa dal planetrario dello stabilimento tipografico giuseppe pennaroli)

IL ROMITO DEL PELIZZONE SI PRESENTA…

L’anno 1742 ho fondato “Il Planetario” un lunario agricolo, scientifico, astronomico delle valli dell’Arda, dell’Ongena e della Valle di Tolla.

I pellegrini, i viandanti, gli ambulanti  che passano da queste parti, percorrendo  l’antica Via dei Monasteri,  si fermano presso i ruderi della vecchia chiesa di Santa Maria dove si possono riposare, con occhio vigile perché la zona è pericolosa a causa dei briganti che il giorno è difficile vederli. Continua a leggere “Il Romito del Pelizzone scende a Fiorenzuola…”