La grande maratona della via degli abati….

atleta pellegrino ...

 

L’antico camminamento di crinale che congiungeva Pontremoli in Lunigiana con Bobbio in Valtrebbia passando per il Monte Lama, il punto più alto della “Abbots way ” si potrà percorrere in maniera permanente a piedi…come al tempo….

Un pezzo importante della via dei pellegrini romei che dal 600 D.C. hanno iniziato a percorrere questa “alta via”, che univa il nord Europa  con Roma, che è stata denominata” la via degli abati” sarà inaugurato il prossimo fine Aprile-inizio Maggio con la quarta edizione della marcia che si svolgerà in due tappe da Pontremoli a Bobbio.

“The AbbotsWay ” il 30 aprile e il 1° maggio ( per chi farà le due tappe) si snoderà sul percorso antico di 125 km ( il 90 % fuoristrada).

Partenza da Pontremoli alle ore 6 del 30 aprile con arrivo a Bardi dalle ore 12 con pranzo e successivo pernottamento.

La seconda tappa parte il 1° maggio alle ore 8 da Bardi (ritrovo alle ore 7) con arrivo previsto a Bobbio dalle 14,30.

Paesaggi da favola, alture indimenticabili, panorami mozzafiato…

E’ stata disposta e presentata una carte del percorso ( con altimetrie e punti tappa) la cui definizione  è stata possibile grazie alla collaborazione di una équipe formata da Cai, storici e cartografi in collaborazione con l’istituto Tramello ( non possiamo dimenticare lo storico prof. Mistraletti e il prof. Schiavi..)

La novità è che si è annunciata  regolare segnalazione e manutenzione (sic!!).

Gli iscritti alla supermaratona sono già oltre 300 (200 faranno tappa unica che parte il 30 aprile alle 5,30 da Pontremoli con il primo arrivo previsto per le ore 21 a Bobbio…ma si viaggia tutta notte).

Sono previsti anche altri 1000 partecipanti per una o due tappe.

[L’ufficio stampa della manifestazione è curato dalla giornalista Sabina Terzoni]

PER MAGGIORI INFO…..

INFO@THEABBOTSWAY.COM

http://www.theabbotsway.com/

Ecomaratona in val d’arda, sui sentieri dell’antica valtolla il 15 agosto…

Dall’addetta stampa della marcia più prestigiosa della val d’arda, Sabina Terzoni, riceviamo e pubblichiamo un estratto del comunicato redatto in seguito alla presentazione avvenuta in consiglio comunale a Morfasso…

clicca per ingrandire

Oltre 115 iscritti. Crescono in modo continuo i numeri delle iscrizioni alla terza edizione dell’Ecomaratona Valdarda “Il Sentiero dei Dragoni” che si terrà domenica 15 agosto nel Comune di Morfasso.

L’evento eco-compatibile è stato presentato ieri sera in sala Consiglio a Morfasso, alla presenza del vicesindaco Mauro Dallanoce, dagli organizzatori Elio Piccoli e Armando Rigolli, rispettivamente presidente dell’Asd Lupi d’Appennino, responsabile tecnico dei Lupi d’Appennino e presidente della Pro loco di Casali, altra associazione organizzatrice della manifestazione.
«L’Ecomaratona della Valdarda – ha spiegato Armando Rigolli – è una corsa in montagna tra i boschi e sui sentieri della vallata piacentina al confine col Parmense, con partenza dal capoluogo di Morfasso, diversamente dalle passate edizioni nelle quali la partenza era a San Michele, e arrivo nella frazione di Casali.

A livello tecnico si tratta di una corsa in linea che inizia a una quota ancora quasi collinare ma poi, passo dopo passo, porta i suoi partecipanti in un ambiente tipicamente montano, dove non mancano passaggi difficoltosi ma anche splendidi panorami.

La partenza è subito impegnativa con la salita al Passo dei Guselli, poi si compie un largo giro all’interno del Parco Provinciale del Monte Moria e si ritorna al Passo dei Guselli per dare avvio alla seconda fase del percorso e prendere la strada verso Montelana e Santa Franca. Da qui si segue il sentiero di cresta che porta fino al Passo Pellizzone, uno dei tratti panoramici più belli di tutto l’Appennino piacentino. Diversi, lungo il percorso, i ristori, i punti acqua e i riferimenti per i casi di emergenza e sicurezza.».
Un percorso impegnativo ma entusiasmante, che svela tutte le proprie caratteristiche nella seconda parte, con le salite ai monti Menegosa e Lama (1350 metri circa), due cime gemelle ma così profondamente diverse. Il percorso misura 42 km e presenta circa 2000 metri di dislivello positivo…….
……un progetto di collaborazione tra varie associazioni del territorio, la Pro loco Casali e l’Asd Lupi d’Appennino in primis, coadiuvati dalle Pro loco di San Michele, Monastero e Morfasso, l’associazione Alpini e i Ragazzi del Monte Lama;…..

La gara fa parte del circuito Parks Trail 2010 e si svolge in abbinamento alla 31esima edizione della Marcia di Casali, una manifestazione non competitiva del calendario Fiasp provinciale, un appuntamento fisso dei camminatori e podisti piacentini a ferragosto.

Elio Piccoli e Armando Rigolli presentano il programma a morfasso(foto sabina terzoni)

Oggi e domani nelle valli piacentine e nella valtolla

la sede della riserva geo ed enoteca ( mix di valtolla iPhoto) clicca per ingrandire

Difficile citare tute le iniziative del tempo libero, dello sport, della cultura e dell’ enogastronomia che, da Primavera ad Autunno inoltrato,  si tengono nelle nostre bellissime valli piacentine e in valtolla.

Possiamo solamente limitarci a ” ricordarne” qualcuna e non necessariamente le migliori ma…quelle che ci piacciono.

Innanzitutto questo è il week end del “turismo del vino”, quello delle cantine aperte che nella provincia di Piacenza vede partecipare circa 10 cantine agricole….( cercate nel web: turismo del vino).

Nella zona del comprensorio della val d’arda la “ Pusterla” della Valchiavenna a Vigolo Marchese e ” Montesissa” di Travazzano sono in prima fila.

Sono aziende agricole di tradizione che producono vini del territorio eccellenti….da oscar del vino.

Domani invece alla Torricella di Lugagnano val d’arda, nel bellissimo maniero della valchiavenna, sede della riserva geologica più importante d’Italia, si inaugura l’enoteca della valchiavenna…..fantastico!!! Era ora!!

In questa occasione i viticoltori associati locali vi faranno assaggiare il meglio della loro produzione….e che produzione!

Ma a Lugagnano val d’arda domani c’è valdarda bike ( e stasera manifestazione spettacolare di trial bike in piazza….)….manifestazione internazionale ciclistica molto seguita.

Lugagnano val d’arda sforna iniziative almeno ogni 15 giorni…una novità!..Una piacevole novità.

A Fiorenzuola d’arda, nel parco Lucca, Sabato 29 e domenica 30 maggio torna “Arti e Mestieri”, che taglia il traguardo delle venti edizioni.

Una bella manifestazione!

Poi ci sono sempre mostre d’arte molto interessanti e iniziative a Vigoleno borgo e Castell’arquato……

IL BIT E CASTELL’ ARQUATO (1).

Il 21 febbraio il blog federato ” valdarda comunitas blog ” ha pubblicato un articolo ” castell’arquato: un nuovo commento….” che vi inviatiamo a leggere perchè ci ha ispirato a questo che ci apprestiamo a scrivere.

In tale articolo, in un passaggio, si affermava …..” Il prodotto turistico piacentino alla BIT, la borsa italiana del turimo, sta andando forte ma se poi mancano le iniziative, se gli imprenditori, i club di prodotto, i comuni non rispondono….. se i comuni non sono reattivi…reattivi vuol dire anche rapidi;……

clicca sulla foto per ingrandire

Lo spunto ci è venuto leggendo la parola BIT ovvero l’acronimo del più grande salone italiano dedicato agli operatori turistici di tutto il mondo.
Piacenza ha partecipato in maniera unitaria con lo scopo di presentare e ” vendere ” Piacenza come fosse un marchio con al suo interno i castelli, i salumi, i centri storici, l’appennino, ecc….Per noi idea molto giusta!
Il turismo in Italia rappresenta circa il 10% del Pil ( ricchezza prodotta dal Paese ogni anno) che è tantissimo.
Circa 16 miliardi ( oltre 30.000 miliardi di lire) di giro d’affari ufficiale….senza contare seconde case del mercato privatissimo, sotterraneo, turismo free giovanile, scambi culturali., ecc….un grande settore!
Più importante, economicamente parlando, dell’auto! Oltre 3,5 milioni di lavoratori.
Cifre impressionanti!

clicca sulla foto per ingrandire

Passando dalle cifre alle problematiche il tema si complica: ricettività, musei, monumenti  e servizi non sempre all’altezza per una grande Paese turistico come il nostro….solo per darne alcune pillole.

Anche a Castell’ Arquato, nel convegno di un paio di settimane fa si diceva che oltre alle problematiche locali, determinanti per il calo di presenze che si è registrato nel 2009, vi sono anche problemi dovuti alla grave crisi economica che interessa tutti i paesi del Mondo, Italia compresa.
La crisi frena gli spostamenti, la voglia si scontra con pochi mezzi economici a disposizione e allora che fare?
Rinuncia, programmi ridotti, fai da te!
A chi rinuncia dobbiamo solo augurare migliore chances affinchè ritorni a ” trovarci”!
Ma una delle tendenze sempre molto crescente, molto osservata è quella delle c.d. vacanze low cost ( vacanze a basso costo)  che ormai coinvolge, nella scelta, tutte le categorie.
Con ciò non significa che tutto il resto non…..tutt’altro!
Significa che il ” fenomeno “, sempre meno fenomeno, sempre più sistemico, occorre osservarlo attentamente.
Alcuni parlano di un fenomeno che, da solo, produrrebbe già oltre il 30% di tutto il PIL citato…..(mica male!).
Da chi è organizzato?: si autorganizza con il potente web 2!
Poi c’è la pietra dello scandalo: le seconde case.
Quello che non piace agli operatori turistici tradizionali, a chi fa politica turistica perchè ” sfugge ” da tutto e tutti.
Qui c’entrano  anche Castell’ Arquato  e dintorni……ma sentite cosa…… Continua a leggere “IL BIT E CASTELL’ ARQUATO (1).”

CLUB DI PRODOTTO: IL MOTOTURISMO

Piacenza ha uno strumento in più per promuovere il suo territorio ed attrrare turisti.

E’ “Moto up”, cartina frutto dell’impegno comune del Club di prodotto “Uppennino piacentino” e Amministrazione provinciale (con cui collaborano Camera di Comemrcio, Comunità montane, Regione e SOPRIP) e che è rivolta ad una particolare utenza di turisti, gli easy rider, quelli che viaggiano con la moto.

Caratterizzata da un’allettante veste grafica, la pubblicazione è stata presentata stamane in Provincia dal Vicepresidente e Assessore al Turismo dell’Ente, Maurizio Parma, dal Presidente di “Uppennino piacentino” Gianluigi Molinari, da Tiziano Cantatore, direttore di Mototurismo, periodico di grande tiratura (che in uno dei suoi prossimi numeri offrirà la cartina ai suoi lettori) ed altri rappresentanti del Club di prodotto.

La mappa propone sette itinerari, in tre lingue (italiano, inglese e tedesco), che toccano i trentatré esercizi aderenti al Club di prodotto percorrendo strade secondarie, percorribili solo dalle moto, ma estremamente suggestive, che consentono non solo di vedere, ma anche di entrare a contatto con i nostri maggiori pregi storici, culturali e ambientali.

Con la possibilità, sostando in uno dei trentatré esercizi coinvolti, di gustare il meglio della nostra cucina.

Una opportunità in più, ha osservato Maurizio Parma, per far conoscere il nostro territorio fuori dai nostri confini, intercettando un serbatoio turistico che ha dimensioni enormi e che cresce anno dopo anno.

Nel nostro sito federato  Piacenzaoggi tourist vi daremo alcuni suggerimenti per godervi meglio la vostra gita …la motogita in valtolla.

(dal sito dell’amministrazione provincialee di up appennino)


MOTO A MORFASSO….BRRRRR….

(ARTICOLO RIPRESO DAL SITO DELLA FEDERAZIONE DEI BLOG VALTOLLA ” PIACENZAOGGI TOURIST “…)

Pistoni fumanti, cromature argentee, miti a due ruote.…..tutto questo a Morfasso DOMENICA 31 GENNAIO 2010.

CICLISTI IN VALTOLLA..

Sugli sterrati, che dalla provinciale di fondovalle giungono fino alle cime del Monte Palazza, oggi vi era un gran via e vai di mountain bike!

Il clima era freddo, ma le piste erano ottime e….nel pomeriggio qualcuno, di questi ciclisti, si è chiesto  se fosse anche possibile ” costeggiare ” la Palazza, seguendo l’antica via,  per raggiungere Settesorelle da Vezzolacca.

Difficile fare tale percorso in bici…difficile anche a piedi!

Nella mattinata, inoltre, ormai come tradizione….alla ” serra ” , alle 10,15 circa, si ritrovano in sosta i cicloamatori che risalgono dalla Diga di Mignano.

Dovreste vederli…di tutte le età…..donne e uomini..con biciclette bellissime, come i veri professionisti che, curva dopo curva,  risalgono dalla fondovalle alla cima del monte seguendo la provinciale.

Alcuni sono degli ” eroi”….cinquantenni…di 80 kl. con una bella pancetta da trascinarsi fino a lassù…..veri eroi!

La Valtolla ormai è anche questo! turismo in bicicletta!

CICLISTI IN VALTOLLA ( foto archivio valtolla)
CICLISTI IN VALTOLLA ( foto archivio valtolla)