Turismo, poco importa se …

2017-02-21-santa-franca-1img_2984-modifica-2
un gruppo di volontari escursionisti che opera in valdarda 

Spiace constatare quanto i pensieri espressi nel 2012 sul turismo, a distanza di 5 anni, siano ancora attuali, quanto non siano stati fatti passo avanti significativi.

Restringendo il solo pensiero alla mia Valdarda rilevo quanto ancora si scontrino due visioni pubbliche di sviluppo socio-economico; visioni molto discordanti e lontane tra di loro. Continua a leggere “Turismo, poco importa se …”

Un piccolo, lento cammino tra le lanche del Po e il bello inaspettato…

2016-05-16 lancone e giarola (no)-2517 copiaConosco la montagna piacentina ma anche la pianura più bassa, quella rivierasca del Po tra Piacenza e Villanova sull’Arda, e anche oltre fino a Zibello, il regno del culatello, dove terminano le “discese” dai monti i torrenti  Chiavenna, Arda e Ongina.  Una riviera delicata ma anche rustica, di sicuro estremamente fragile con campagne cerealicole e zootecniche  molto disabitate e segnate dalla presenza del pioppo coltivato in grande abbondanza, forse in maniera esagerata. Continua a leggere “Un piccolo, lento cammino tra le lanche del Po e il bello inaspettato…”

Montagna e pianura bassa: stesso destino, stesso abbandono ma…

2016-05-16 lancone e giarola (no)-0483_Fotor
B&B Oasis of Bikes (Ciclovia naturale europea “Po fiume d’Europa”, da Torino al mare Adriatico in bici…) 

Conosco bene la montagna piacentina ma anche la pianura più bassa, quella rivierasca del Po tra Caorso e Villanova dove terminano le rispettive discese dai monti: Chiavenna, Arda e Ongina. Riviera “delicata”, estremamente fragile con campagne molto disabitate.

In montagna dove l’abbandono è più evidente regnano erosione, frane, boschi devastati, macerie e case fantasma; nella riviera  del Po dove le parti in argine sono più “rinunciate” regnano grandi corti  con grandi stalle, e ricoveri attrezzi,   diroccate e desolate, attrezzatura agricola vetusta e arrugginita sparpagliata ovunque, case contadine disordinate e provvisorie, terre sconvolte dal diserbo e dal disordine ecologico.

Ma tanto nel monte quanto nel piano resistono e si consolidano anche esempi positivi che il blog documenta…

In ambienti nascosti, lontani dal caos, sopravvivono paradisi naturali di una bellezza straordinaria.

Quello che documentiamo con le foto sono il bello ritrovato (per caso…) lungo il Po  tra Arda e Ongina, dove i nostri torrenti si gettano nel mare padano…

2016-05-16 lancone e giarola (no)-2529_Fotor
Oasis of Bikes è gestita fa Giuseppe ( che non ama farsi fotografare) classe 1954, simpatico e artista. Consigliere comunale di Villanova sull’Arda. Ma ha confidato ” Come per il maiale, anche della bici non si butta niente…” e mi ha mostrato cosa ha creato con parti di bici in disuso, copertoni compresi.
2016-05-16 lancone e giarola (no)-2512_Fotor
Qui ci sono due parchi: “Il lancone” e “Isola Giarola”, regno di germani reali, aironi, gazzette e centinaia di altre specie che passano, si fermano, nidificano, ripartono…vivono. Siamo a poche decine di metri dalla riva del Po.
2016-05-16 lancone e giarola (no)-2532_Fotor
Per recarmi da Giuseppe ho percorso una parte del Parco a piedi…nel verde e tra il canto della natura…

2016-05-16 lancone e giarola (no)-2499_Fotor

2016-05-16 lancone e giarola (no)-0539_Fotor
Siamo nelle “Terre Verdiane” a circa un paio di Km dalla casa di Verdi, a Sant’Agata di Villanova (Piacenza).
2016-05-16 lancone e giarola (no)-0507_Fotor
In riva al Po c’è l’oasi dell’isola Giarola, parco naturale, con una splendida  e grande area pic nic attrezzata con gazebo, panchine, giochi, barbecue…parcheggio… 
2016-05-16 lancone e giarola (no)-0485_Fotor
della bici non si butta niente…piccoli oggetti per amanti delle bici…