Una radio, un concerto, la musica popolare, tanti giovani per la valdarda

clicca per ingrandire; valtolla iPhone

 

La notizia è stata confermata: 50 giovani, dai 18 ai 35 anni, dei comuni di Castell’Arquato, Alseno, Morfasso, Vernasca, Lugagano val d’Arda potranno entro il 30 aprile chiedere di partecipare ad un progetto ANCI riservato alle nuove generazioni  che vogliono dedidarsi alla ricerca delle tradizioni popolari e del folklore valdardese.

Se questa è una “nuova stagione” dedicata ai giovani e alla valorizzazione della nostre tradizioni storico culturali …benvenuta Primavera !!! Continua a leggere “Una radio, un concerto, la musica popolare, tanti giovani per la valdarda”

Giovani energie in valtolla-valdarda: buona l’idea….

 

giovani energie (clicca per ingrandire); valtolla keynote

 

 

La musica c’entra, i giovani pure…ma non solo….

Qualche decina di mesi fa Governo e Associazione dei Comuni (anci) stilarono un protocollo d’intesa che [tra l’altro] prevedeva una serie di misure finanziarie a favore di progetti che riguardavano ” le nuove generazioni ” …

Non entriamo nel dettaglio dei bandi emessi ma registriamo con soddisfazione che alcuni comuni piacentini [tra i quali tutti quelli della valtolla da Castell’ Arquato e Vernasca a Morfasso e Lugagnano …..] si sono aggiudicati un finanziamento di 100.000 €.

Bravi gli amministratori a crederci e ad incaricare dei progettisti all’altezza!

Quando i comuni sanno mettere in moto la progettualità i risultati arrivano…..quasi sempre!….. Continua a leggere “Giovani energie in valtolla-valdarda: buona l’idea….”

Bascherdeis grazie!!!

clicca per ingrandire

Già Sabato l’atmosfera era frizzante, verso sera in piazza due  spettacoli ci hanno catturati a centinaia …..che casino scegliere, che bravi questi artisti!

Domenica era l’apoteosi! Si parla di oltre 20.000 presenze…..qualcuno si spinge oltre.

La val d’arda o più semplicemente la VALTOLLA ha vissuto due giorni indimenticabili.

Questa edizione del bascherdeis non potremo non ricordarla!…Che sforzo organizzativo! Quanti volontari, quanti giovani volontari, quante donne, quanti ragazzi…..

Quanti visitatori coinvolti nella kermesse!….Bambini a centinaia con i loro genitori, tantissimi giovani dappertutto per ascoltare musica, per partecipare alla festa che nonostante la grande presenza non era affatto disordinata, era ben distribuita, era dappertutto!

Alla sera, da lontano, udivamo i botti del gran finale…..eravamo impegnati da altre parti in valtolla…..ma eravamo anche qui al festival.

Sabato abbiamo ammirato con quanta dedizione si stava preparando la festa….tutti Sindaco in testa e l’amico Sergio Copelli di Appennino cultura.

Quanti artisti auto-prodotti, quanti artisti internazionali, quanta umanità che peccato sia già tutto finito….ma nel Comune di Vernasca gli eventi non finiscono qui (basta visitare il sito del comune o il nostro collegato “piacenzaoggi tourist” accessibile dal nostro sito nella barra laterale dei Widget).

Che estate in Val d’Arda! Che estate in Valtolla!

VALTOLLA: ARRIVA MELOG!….E TANTA SOCIETA’

VIVE sta per vigoleno-vernasca che promuove con tutti i Comuni della valdarda-valtolla (meno Morfasso!) una serie di conferenze pubbliche sul senso civico.

Venerdì prossimo, 19 marzo, a Lugagnano alle ore 21 al teatro comunale ci sarà Gianluca Nicoletti che parlerà del potere ” subdolo ” dei giornalisti.

Nicoletti è un conduttore radiofonico, mass-mediologo,  di grande successo che conduce la trasmissione ” Melog 2.0″ per Radio 24.

agorà 2010 ( clicca sulla foto per ingrandire)

Una trasmissione cult seguitissima che va in onda la mattina e si può ascoltare, in replica, in podcast attraverso il sito internet dedicato.

Nicoletti uno dei primi utilizzatori del social network facebook quando nessuno, in Italia, ne parlava.

A tratti molto divertente, accattivante e provocatorio ( non ama che si dica ma è così!)….è molto interessante ascoltarlo.

Il programma delle iniziative ” agorà 2010 ” prevedono  tra i relatori addirittura il vescovo di Piacenza Gianni Ambrosio….il 23 aprile a Vernasca.

L’intero  programma della manifestazione è qui allegato.




CASTELLO, LA CONOSCENZA, LA CAMPAGNA, LA VALTOLLA

Un vuoto di conoscenza ( non di coscienza ), o forse una comoda divulgazione di altre conoscenze: sono forse queste alcune delle ragioni dell’arretratezza sociale della montagna e della campagna d’Italia?

Diciamo la verità, molti di noi da bambini si sono vergognati di essere ” contadinotti o villani ” … quasi un limite da nascondere: il nostro dialetto, le nostre forti inflessioni dialettali, erano così poco eleganti;  vuoi mettere una sana parlata in italiano degli amici ” paesani”…

Per cui da giovanotti incontravamo i nostri amici della montagna e della campagna che, rientrando dalla ” pianura “,  nei week-end e in estate, ci parlavano solo in italiano…mostravano quasi di non conoscere più la ” nostra ” naturale parlata …..e scattava sempre la presa per i fondelli..

La pianura era evoluta, evoluta a prescindere, senza sforzarsi, senza addentrarsi in alcuna analisi critica del termine, la pianura delle meraviglie, del progresso….

Non illudetevi che questa immagine appartenga solo al passato, lo stereotipo del contadino incolto, che parla con inflessioni dialettali, quasi ridicolo è ancora presente anche nel nostro immaginario contemporaneo…è rimasto in molti di noi.

Noi crediamo, di contro, che oggi…(più che mai oggi!) la situazione sia profondamente cambiata e il nostro ” orgoglio nascosto o rimosso” di  montanari e contadini lo possiamo recuperare e ” sbandierare ” perché qui, comunque, la nostra qualità della vita ( lottando e vigilando) non ha proprio nulla da invidiare rispetto alla mitizzata pianura…strapiena di smog, di caos, di cattivi esempi…ma vigiliamo contro gli installatori/ finti benefattori di centrali a biomasse,  sbarramento sui corsi d’acqua, ecc….perchè il nostro tributo al progresso lo abbiamo già dato…eccome!.

Grazie ai nostri detrattori, in fin dei conti,  abbiamo recuperato pace e orgoglio e amiamo ancor di più le nostre magnifiche terre.

Pertanto, noi pensiamo che, il vero punto sia discutere di questo: la costruzione di un orgoglio per la nostra valle, per i nostri paesi  recuperando le nostre “radici”  storiche e culturali affinché si possa procedere alla formazione di nuove generazioni che sappiano puntare alla valorizzazione del proprio territorio nel suo insieme.

Un famoso intellettuale lo chiamava ” Un recupero identitario propedeutico per lo sviluppo “.

Questo recupero, siamo d’accordo,  è chiaramente propedeutico allo sviluppo economico; lo ha detto il sindaco di Castello al convegno di Driade: lavorare sulle nuove generazioni per far diventare valore l’ identità dell’accoglienza che serve per ” costruire turismo di qualità ” che è indispensabile a Castell’Arquato e al comprensorio per ” chiudere il cerchio delle opportunità.

Inutile cercare cause e colpe ora si tratta, ognuno per la propria parte, di ” costruire e unire”.

Troppo facile identificare sempre, in tutte le salse, questo o quel politico poiché, oggi come ieri, rivendicare e basta non porta lontano.

Mentre occorre da andare lontano insieme ai tanti ” professionisti imprenditori ” che sono da noi e che sono disposti ad investire con noi in un prodotto che nessuna fabbrica cinese o taiwanese potrà copiare: le nostre bellezze storico-artistiche-paesistiche con il loro carico di storia millenaria, di civiltà, di cultura universale nelle arti, nella letteratura, nel costume, nelle costruzioni sociali.

150 MILIONI DI CINGUETTII….

300.000.000 milioni di utenti nel mondo per Facebook, 150.000.000 milioni per Twitter, 70.000.000 per My Space e così via….

Tutti i social network stanno enormemente erodendo il mondo degli utenti  facebook e my space……

Questi grandi social network, complice il Web 2,  sono entrati in scena  da tre, quattro anni ma se non cambiano pelle, imploderanno…. e loro lo sanno.

La concorrenza tra di loro si fa agguerritissima, siamo solo all’inizio del film, e ne vedremo delle belle.

social network ?

Questa “rivoluzione ” ha aperto il mondo alle comunicazioni totali, molto spesso anche banali, tra persone di tutto il mondo e tra i diversi ceti sociali (questo è molto positivo) ma ora, i “Social Network”, devono reinventarsi un ruolo perché stanno emergendo nuovi modelli basti sull’intelligenza artificiale, sulla totale interattività gestita da gruppi ( il mondo dei blog o delle piattaforme tipo you tube, flickr, fotolog, ecc..….) che permette agli utenti di spostarsi nella rete, a seconda degli interessi, come delle cavallette.

Questa migrazione di utenti, dopo un primo periodo di ubriacatura, in realtà è dovuta anche al fatto che più si usa lo strumento web, più si “prende” confidenza e maggiore diventa la voglia di ” navigare ” …peraltro a tariffe molto convenienti (stiamo parlando di navigazione da fisso e non da mobile).

Fino ad ora, in realtà, i due giganti Facebook e Twitter hanno offerto pochino. Qui non si possono fare molte cose se non pubblicar foto, salutarsi e  scambiarsi due chiacchiere in chat scritta ( ….ma per questo ci sono anche MSN, Skype, AOL, ecc…. che offrono anche chat video.)

I grandi social network  citati lo intuiscono, sanno che dovranno, pena il loro declino, rappresentare una vera finestra sul mondo dove  l’utente possa selezionare e ” comporre informazioni”  secondo i suoi interessi e non limitasi a sterili ” ciao stasera esci ? ” postando una foto.

Chiunque voglia cimentarsi con….. Continua a leggere “150 MILIONI DI CINGUETTII….”

IL LIBRO PIU’ BELLO …

Ognuno di noi avrà letto, oppure  lo starà facendo,  qualche libro.

Ognuno avrà nella sua ” testa ” un libro che metterebbe nella sua biblioteca ideale…..un libro che ha segnato la sua storia personale.

Noi abbiamo orizzonti limitati tuttavia, di libri, ne abbiamo letto tanti…e anche tante riviste.

Noi segnaliamo i nostri ” gusti ” voi, se volete attraverso il sottostante riquadro dei commenti,  arricchite la lista…..poi stileremo un piccolo resoconto …che pubblicheremo…..non abbiate limiti!!

la nostra lista:

1- L’insostenibile leggerezza dell’essere di Milan Kundera; 2- Crociate di Gad Lerner; 3- L’Europa medievale e il mondo moderno di Jacques Le Goff; 4- Il Medioevo di Jacques Le Goff; 5- Fiabe dei fratelli Grimm; 6- Il Gabbiano Jonathan Livingstone di Richard Bach; 7- Opinioni di un clown di Heinrich Böll; 8- La fame e L’abbondanza di Massimo Montanari; 9- Le città del medioevo di Henri Pirenne; 10- Quaderni della valtolla ( numerosi saggi).

Ma ci piacciono molto anche: Pavese, Dickens, Herta Müller, Verga e tanti autori di saggi storici ( la nostra grande passione).

“Canto di natale”  di Charles Dickens, veramente lo abbiamo ascoltato mentre “aggiustavamo” foto….perché è un audiolibro iTunes e l’ opera  i Malavoglia l’abbiamo scoperta attraverso iphone…..

Ora stiamo leggendo un libro di carta, un romanzo breve di Erri De Luca ” il peso della farfalla “….70 pagine, feltrinelli, 7,50 €….Una sorpresa!

Potrebbe essere ambientato in valtolla, basterebbe mettere un capriolo al posto dello stambecco, sostituire gli arrampicatori con gli escursionisti e…….

Attendiamo la vostra lista!

L’ERA DIGITALE

Perché insistiamo  tanto sulla questione ” internet veloce “, perché andiamo affermando che il processo di modernizzazione delle comunicazioni che passa anche attraverso l’uso del WEB 2 non può vedere escluse le aree montane e alto collinari?

Perché non vi è cosa peggiore che lasciare un cittadino, un giovane isolato dal mondo! Lasciare che questi si accontentino di ” notizie ” ritardate, di seconda mano e solamente mediate da terzi e non frutto di ” scelta “.

Questo, per Noi, in generale…ma il motivo per cui siamo ritornati sull’argomento comunicazioni digitali è un altro.

Quanti di Noi riescono a mettere insieme presente e futuro ” fondendoli” in una vera passione per la storia, la letteratura, le arti in generale  e sono ” curiosi ” avranno sicuramente sentito parlare di contenuti, di contributi che si possono ricevere o veicolare attraverso la ” rete” e avranno colto,  o almeno sentito parlare della potenza dello strumento iTunes di Apple.

web and iTunes

Uno strumento epocale, un negozio digitale di musica (viaggia tanto sulla piattaforma mac quanto su quella windows) che da semplice ” contenitore ” di canzoni scaricabili legalmente  si è arricchito di un servizio-veicolo di cultura che, per ora, non ha eguali nel mondo.

Si chiama iTunes U ovvero registrazioni in audio e/o in video di lezioni on line che le università producono per i loro studenti che possono riascoltarle o rivederle (in tempo reale) tramite i diffusissimi iPod.

Praticamente si studia ” muovendosi “ …in treno, sul bus, mentre si va al lavoro; oppure si ascolta la lezione al tavolino del bar, seduti in un prato.

Se poi avete un iPod touch oppure un iPhone allora siete al massimo perchè potete ” scaricare ” la lezione che vi interessa dove e quando volete.

Podcast, video, audio corsi, dimostrazioni di laboratorio delle migliori università americane e inglesi (per ora) che hanno deciso di collaborare….. e i corsi sono gratis!

In poche parole le università al servizio dello studente!…..molto americano….Non proprio come succede da noi….per ora.

La cultura si produce….anche rendendola accessibile…andandola a prendere dove si trova…..nella rete, comprando un libro, divulgando il sapere, le conoscenze, scambiandosi informazioni e opinioni.

Come vedete l’era digitale iniziata circa 15 anni orsono sta compiendo passi da gigante e la valtolla non ne può essere esclusa! Quando anche queste opportunità potremo coglierle dobbiamo essere preparati…..non possiamo lasciare che torni il lupo e basta! ..