Vezzolacca 2° giorno: foto e notizie…

festa della patata 2012: giovane volontaria…(clic per ingrandire)

Ieri, sabato 18 agosto, alle 18 c’era già chi voleva cenare…..alle 19 c’era il popolo! Fin oltre l’una e mezza di notte tanta gente, tanti giovani.

Incessante il lavoro dei volontari tra cucine e bar per accontentare il più possibile tutti. Tanti i piacentini e i parmensi che hanno passato la serata a Vezzolacca cenando, passeggiando, per le vie adiacenti il “poggio”, ballando, curiosando tra le bancarelle…..al fresco della montagna valdardese (ieri sera la temperature era eccellente, tra 22 e 23 gradi).. Continua a leggere “Vezzolacca 2° giorno: foto e notizie…”

Vezzolacca: patate a go go…..(foto e notizie…)

le splendide donne dei divina….

Ieri sera è partita la 36ª festa della patata di Vezzolacca. Bassa e media  Valdarda ore venti gradi 30, Vezzolacca ore venti gradi 22…. e la gente si è rifugiata in questo angolo dell’alta Valdarda fino a ben oltre mezzanotte.

Ieri sera è un vero stato boom di presenze. Tantissimi giovani e giovanissimi giunti per ascoltare il concerto dei “divina” che non hanno deluso le aspettative con un lungo spettacolo di disco dance di ottimo livello…applauditissimo. Per i due cantanti solisti una vera ovazione. Per l’intero gruppo tanto di cappello… Continua a leggere “Vezzolacca: patate a go go…..(foto e notizie…)”

Le patate del Vescovo…

patate della nostra montagna...

«Una persona mi ha portato un sacchetto di patate dalla collina, mi ha spiegato come sono state coltivate….» dice  il nostro vescovo S.E. Ambrosio «… mi ha detto che con quelle patate lì occorre mettere meno farina per fare gli gnocchi. In quel momento ho pensato che il lavoro è la cooperazione al progetto di Dio. Non dobbiamo avere il cuore di pietra, ma l’occhio che va in profondità e non si accontenta della superficialità. Se pretendiamo di essere padroni di tutto, ci autodistruggiamo……Il cuore è il primo terreno da coltivare, i valori del “sistema cibo” sono da recuperare attentamente, il cibo deve tornare ad essere sinonimo di socialità. C’è bisogno di una nuova cultura rispettosa dei valori del Creato e di Madre Terra…….Il cuore – ha proseguito il nostro vescovo S.E. Ambrosio – è quel motore che ci porta a guardare avanti, a stringere la mano, a stringere un patto». Grazie Eccellenza per queste belle parole!

[raccolto da libertà in occasione della manifestazione “adotta la terra” svoltasi nei scorsi giorni a Piacenza, promossa da coldiretti e Provincia]

Vezzolacca estate 2011: festa della patata per immagini…

clic per ingrandire (valtolla iPhoto)

La festa della patata di Vezzolacca è iniziata venerdì sera con l’esibizione di un  grande gruppo di musicdance che ha entusiasmato il numerosissimo pubblico accorso.

Shary Band ha fatto ballare tutta la festa…..e il resto lo hanno fatto i volontari della pro-loco “Vezzolacca insieme”.

Gnocchi di patate, torte di patate, tortelli al burro e salvia, al sugo di funghi porcini, cinghiale con la polenta….crosatata di prugne, di albicocche, sorbetto di limone, buoni vini doc dei colli piacentini…. Continua a leggere “Vezzolacca estate 2011: festa della patata per immagini…”

La più grande festa popolare di mezza estate in valtolla sta per iniziare…

clicca per ingrandire (valtolla iPhoto)

Da Venerdì 20 a Domenica 22 agosto a Vezzolacca si svolgerà la 34ª festa della patata- mostra provinciale.

Vezzolacca considerata una delle frazioni più belle di Vernasca, uno dei borghi antichi della valtolla meglio conservati con il suo originario impianto abitativo risalente al medievo, con alcune case antiche ristrutturate mirabilmente da mastri edili eccellenti, con sassi splendidi di cave locali, fino al primo dopoguerra ritenuto il borgo più importante della provincia per la produzione di frutta.

Posto a 635 mt.slm, su una terrazza naturale con alle spalle i maestosi Lucchi e Palazza che lo sovrastano dai loro 1000 metri circa, il borgo gode di una posizione panoramica invidiabile che gli permette di vedere, a sud, il dolomitico-valdardese Menegosa, di fronte il massiccio del monte Moria, a nord i calanchi del monte Giogo (nelle migliori giornate l’arco alpino e nelle serate estive il presepe di luci della valpadana).

Vezzolacca da 34 anni festeggia una delle sue eccellenze estive rappresentata  dalla patata di montagna e vi dedica una grande festa popolare che vede la partecipazione di migliaia di visitatori che affollano gli stand gastronomici gestiti dal paese ( la pro-loco locale è denominata ” Vezzolacca insieme”).

Le donne del Paese preparano, stanno già preparando, quintali di tortelli di patate, gnocchi, di pisarei e altre bontà gastronomiche che nelle tre giornate dovranno soddisfare tutti.

La sera prima di iniziare centinaia di torte di patate,  preparate al momento,  saranno cotte nel forno a legna e servite ai visitatori.

Domenica 22 a metà pomeriggio la commissione tecnica di esperti della Provincia assegnerà il punteggio qualità ai produttori agricoli espositori di patate ( generalmente, dalla zona, arrivano in 30/35) che saranno premiati da Comune e Proloco.

La Patata, come si diceva, rappresenta una delle eccellenze locali…l’altra è la famosa castagna di Vezzolacca ( inserita nei disciplinari del Ministero delle risorse agricole) denominata la “bionda” per la pasta gialla, particolarmente dolce, ricercata perché primizia della vallata…e si festeggia in Settembre.

Le buone patate della valtolla, di Vezzolacca e della val d’arda stanno maturando

patate in valtolla ( valtolla keynote)

Si parla sempre di agricoltura in montagna, di avvicinare il prodotto al consumatore finale, di accorciare la filiera (filiera corta) tra chi produce e chi consuma senza metterci in mezzo tanti intermediari, di qualità delle produzioni locali,  ecc…

qualche giorno fa abbiamo voluto verificare “de visu” lo stato dell’arte a casa di un produttore di montagna che da molti anni produce patate, quelle buone di Vezzolacca, forse le migliori del nostro Appennino, indubbiamente tra le più conosciute della provincia.

Sarà perché da oltre 30 anni qui dopo ferragosto si tiene la più importante  esposizione provinciale con tanto di grande  festa popolare che per 3 giorni coinvolge migliaia di visitatori-consumatori che affollano gli stand gastronomici e musicali oppure sarà che l’altitudine della zona, 650 mt.,  è quella ideale per coltivare il buon tubero… Continua a leggere “Le buone patate della valtolla, di Vezzolacca e della val d’arda stanno maturando”

VALTOLLA E AGRICOLTURA LOCALE A KM ZERO

La domanda è: ma in valtolla si riuscirebbe a istituire un agrimercato?…un mercato a Km zero? 
 Nel perimetro lievemente allargato della valtolla ci comprendiamo, naturalmente, i territori interi dei comuni di Lugagnano, Vernasca e Morfasso e una parte di Castell’Arquato e zone attigue.

 In questo contesto possiamo parlare di 2 agricolture, montana e collinare e di 3 grandi settori produttivi: zootecnico, viti-vinicolo e silvo-pastorale.   

ovviamente le schematizzazioni lasciano sempre molto a desiderare e rischiano di far passare nel dimenticatoio le nicchie di produzione che in una zona piccola e particolare come la nostra possono assumere una certa importanza. 

Ci riferiamo alla orticoltura/frutticoltura praticata con un certo successo senza grandi ausili di trattamenti chimici ( spesso quasi in assenza totale..se non del tutto): patate, pomodori da mensa o da conserva casalinga, cipolle, verze, uva da tavola, noci, castagne…tante castagne, frutta antica, ecc….che potrebbero, se le organizzazioni agricole locali e i Comuni fossero disponibili, divenire un settore più strutturato con il fine di implementare un mercato a km zero che, crediamo, sia un ottima iniziativa. 

Crediamo anche che, a livello istituzionale locale, potersi fregiare di una simile opportunità non sia da sottovalutare…ma di agricoltura non ne parla nessuno…..se non per parlare di vincoli, ……. Continua a leggere “VALTOLLA E AGRICOLTURA LOCALE A KM ZERO”

LÜNARIU ( LUNARIO)

La Pro Loco di Vezzolacca sta distribuendo il ” Lünariu ad Sulàca 2010″ .

Quest’anno è scritto in dialetto locale (tutto scritto in dialetto locale) per cui i mesi sono: Snàr, Fervàr,Marsù, Avril, Masù, Sügnu, Luiü, Agùstu, Stèmbar, Utùbar, Nuèmbar e Dsèmbar.

il patriarca di 500 anni (clicca per ingrandire)

Come sempre, come da tradizione, il calendario è corredato da grandi fotografie che mostrano le ” bellezze ” e le “caratteristiche” della valle e del Paese.

Non mancano riferimenti fotografici al prodotto tipico della zona: la patata ..la tanto celebrata patata della valtolla….che a Vezzolacca viene solennemente  festeggiata dopo Ferragosto con una grande mostra/festa che si svolge da 33 anni.

Vezzolacca non poteva neppure dimenticare i suoi grandi castagneti, il suo patriarca di 500 anni, i suoi funghi e i suoi fiori selvatici protetti che sono ben mostrati nel lünariu.

IL calendario è atteso anche dai numerosi vezzolacchini sparsi per il mondo che ricevendolo rivivono la loro terra, rivedono i luoghi, sentono le voci del paese, le chiacchiere all’osteria di Garibaldi, le parole dei parroci, dei bambini vocianti, delle maestre che sillabano l’alfabeto…..

B  E  N  V  E  N  U  T  I    A   V  E  Z  Z  O  L  A  C  C  A ……

Una pro loco attivissima…..con tanti associate e associati….con tanti giovani.