Strade di montagna: manutenzione spondale o trappole?

MANUTENZIONE
foto di una manutenzione spondale (archivio web)

di Marco del lest

Caro Sergio, ti mando questo articolo inerente l’ennesima dimostrazione di incompetenza della nostra (ex) amministrazione provinciale.
Riguarda la val Nure, ma stai tranquillo che questo modo di lavorare verrà presto esportato anche in val Tolla….giusto per non farci mancare nulla.
Ti sembra giusto  proseguire con questo tipo di interventi di manutenzione delle siepi e dei bordi stradali?  Non sarebbe ora di smetterla con queste cose e di rimediare ai danni fatti?

Risponde Sergio Valtolla per il blog:  Caro Marco, hai ragione! Per fortuna non sempre é così ma…

Chi lo desidera legga l’esauriente articolo di Marco allegato (con tante foto) e tragga le sue conclusioni. Grazie e ciao. 

Fai clic sul link  sottoriportato.

 

ORDINARIA MANUTENZIONE O TRAPPOLE?

 

In montagna il valore del lavoro non vale?

Senza titolo1di Marco del lest

In questi giorni è stato ultimato l’intervento di ripristino di un tratto di strada oggetto di cedimento per il solito movimento franoso purtroppo tanto frequente sui nostri monti. Si tratta della strada che dal passo di S. Franca scende verso Groppallo, in comune di Farini.

Io non sono un tecnico, ma da semplice utente di quella strada mi pongo alcune domande: Continua a leggere “In montagna il valore del lavoro non vale?”

Le strade nella provincia e nelle vallate fanno schifo!

castell'arquato IMG_1564 copiaOggi sul quotidiano libertà appare quata lettera al direttore della quale proponiamo un ampio estratto…
«Egregio Direttore, chi le parla è un appassionato e praticante cicloturista amante delle noste belle vallate e non solo.
Alcuni mesi fa, durante una mia escursione fra le montagne dell’Alto Adige, ho riscontrato una similitudine (purtroppo) fra le nostre strade e quelle altoatesine: buche in ogni dove, asfalto inpraticabile, banchine inestitenti e rispetto per il ciclista… nullo!
Riprovo sulle nostre colline piacentine. Alcune settimane fa esco in bici per un’escursione domenicale e mi dirigo verso il mio paese natale: Piozzano.
E con amara sorpresa noto che la condizione delle strade è letteralmente schifosa, buche in ogni dove, etc
E’ stata una fortuna rientrare illeso, sembrava di essere in territorio minato!
Mi chiedo… firmato da Fabio Albasi di San Nicolò». Continua a leggere “Le strade nella provincia e nelle vallate fanno schifo!”

Se 30 milioni vi sembran pochi….

ruspe in valtolla

Se in 3 anni, dal 2008 al 2010,   abbiamo speso 30 milioni per la montagna piacentina e se la situazione continua a essere grave significa che i conti non tornano!

Riferiva “Libertà” di ieri di un incontro avvenuto in Provincia sulla montagna piacentina dove erano  presenti assessori e sindaci durante la quale sono emerse tali info.

Estrapoliamo, dal quotidiano citato,  un breve passaggio … Continua a leggere “Se 30 milioni vi sembran pochi….”

Vernasca: Cronaca in diretta di una frana annunciata…

clicca per ingrandire

Ieri sera ci recavamo ad  un appuntamento a Vernasca e avevamo,  quasi per intero, percorso  la mitica salitona da Lugagnano val d’arda [discorrendo di corse in bicicletta, delle curve, del tracciato ecc..] quando una “bestia” ci attraversa la strada…una bestia tremenda: uno smottamento di diversi metri cubi di sassi e grossi detriti aveva appena invaso la sede stradale proprio dove si congiungono la provinciale proveniente da Lugagnano con lo “stradone”di Genova.

Una frana si era staccata dalla parete, alta circa 20 metri e molto scoscesa, che sovrasta la strada e aveva invaso l’intera carreggiata.

Con fatica due corriere sono passate e prontamente è giunta assistenza [pubblica?], carabinieri e dipendenti comunali a regolare il traffico e a sgomberare parte della sede stradale per non bloccare l’intera viabilità.

clicca per ingrandire

Bravi coloro che hanno “sgomberato” con rapidità ma lo hanno fanno a loro rischio e pericolo.

clicca per ingrandire

Continua a leggere “Vernasca: Cronaca in diretta di una frana annunciata…”

Belle notizie dalla valtolla, da Morfasso

foto Bergonzi (clicca per ingrandire)

Un micronido in montagna è un successo!

Succederà a Morfasso, l’ultimo comune prima dei grandi monti del crinale dell’alta valdarda.

Lo porterà Santa Lucia …quella che abbiamo aspettato tanto quando eravamo bambini.

Il Sindaco e al sua amministrazione si sono impegnati al punto giusto e han reperito i fondi necessari [oltre 120.000 €…che per un comune come Morfasso sono come un paio di milioni per Piacenza].

Micronido: bel servizio e molto tempestivo!  Un  servizio per i piccoli di Morfasso è proprio una gran bella notizia.

Poi si prosegue con i lavori di manutenzione della strada Sperongia-Pedina che erano proprio necessari su un tratto stradale che era diventato assolutamente impraticabile [frane e smottamenti; ma in origine vi fu un qualche peccato originale?].

Da Morfasso buone notizie!

 

Che schifo! che rabbia! che vergogna!

clicca per ingrandire

E’ morto un giovane che transitava nelle nostre strade di montagna, nelle valli piacentine tra Bobbio e Marsaglia.

FABIO SOLARI, imprenditore di 45 anni,  è morto oggi dopo che la sua auto è stata travolta da un masso di 5-6 quintali che si è staccato dal fianco della montagna che costeggia la statale [la statale!] della Valtrebbia ed è precipitato nella carreggiata travolgendolo.

I Sindaci da anni denunciano una gravissima situazione di mancanza di sicurezza [e non solo!] ma fino ad ora…bla…bla…bla in campagna elettorale e poi basta! Poi tutto ritorna come prima, come al solito ci si “dimentica”.

Questo pover uomo ci ha lasciato la pelle!

Cosa credete che solo in Valtrebbia possano capitare simili disgrazie?..Vi sbagliate di grosso!

Provate a percorrere il tratto di provinciale tra la ” mitica ” cementeria ex Unicem  e  il bivio per Bore-Bardi [provinciale Lugagnano -Morfasso] e vi renderete conto di quale situazione di precarietà….da entrambi i lati.

Non dimenticheremo mai quella sera di autunno che salendo verso il monte, oltrepassato il ristorante della diga di Mignano, ci dovemmo bruscamente arrestare perché la sede stradale era invasa da sassi di varie dimensioni [ tra i quali un paio erano grandi come un pallone da calcio] che erano appena caduti….a causa della pioggia dei giorni precedenti.

Per nostra fortuna siam transitati dopo e non durante la caduta dei sassi….

Pensate forse che il lato stradale verso il fiume o verso l’invaso di Mignano siano protetti! Si in alcuni tratti, solamente in alcuni tratti e in altri con una semplice ringhiera ” tipo balconata ” …..da ridere per non piangere!

Domani i giornali saranno pieni di indignazione, di prese di posizione, di …l’avevo detto…..ma intanto un giovane uomo ci ha lasciato la vita e il resto non conta.

Solidarietà alla gente di montagna, tra gente di montagna  perché sono dei ” resistenti” … la tragedia di stamani non resti impunita! La tragedia di stamani ” smuova ” i palazzi del potere amministrativo perché si intervenga su strade, dissesto e frane con rapidità e fondi adeguati.

Noi  vogliamo sapere se invece di litigare, i nostri politici, sanno anche governare!

Non ci interessa chi sostituirà un assessore dimissionario in provincia, vogliamo sapere come si intende andare ” rapidamente” a risanare e ad ammodernare [ rendere sicure] le nostre strade di montagna e alta collina!

Se la provincia serve a qualcosa …..allora si sbrighi!

Non ci interessano le ” escort  ” e le case a Montecarlo, ci preme che si riformi il paese…che si aiuti al gente a vivere meglio….

Ogni “giorno” almeno un morto per dissesto del territorio, per gravi allagamenti, per smottamenti di strade nuove che sono di “cipria” , per edifici pubblici costruiti ” senza cemento”  in zone sismiche  e la colpa..?  E la colpa??  Per i politici della fatalità!

Quanti morti ci vorranno per ” svegliare la politica”?

News autunnali dalla valtolla

L’ estate ci ha lasciati da pochi giorni e noi lo abbiamo passato qui in valtolla, quella grande che comprende tanta media e alta valdarda…tra Vigoleno e San Michele passando per Castell’arquato, la valchiavenna, Vezzolacca e Morfasso tra feste gestronomiche, iniziative culturali, festival musicali e relax …..ozio e relax.

Ricchissima di iniziative, la valle, ci ha dato un campionario di quello che potrebbe sviluppare solo se ……ci si fosse creduto un po’ di più, si fossero fatte scelte più lungimiranti, si fosse investito di più nella bellezza del territorio, nelle attività non impattanti, nell’agricoltura di qualità.

Non ci siamo fatti mancare nulla:  cultura, divertimenti, gastronomia, ricostruzioni storiche, celebrazione di prodotti agricoli (uva e vino, castagne e patate )…ecc….

Ora continueremo a seguire le vicende della nostra valtolla evidenziando gli avvenimenti principali, quelle iniziative che ci colpiscono e che riteniamo giusto evidenziare  ma parleremo in primis di ……… Continua a leggere “News autunnali dalla valtolla”

STRADE, STRADE….servono le strade….

Passano gli anni e le nostre strade ricevono sempre meno interventi manutentivi “seri” .

Il contentino arriva, quello sempre…di solito prima delle elezioni!

Poi lunghi anni in cui si parla di tutto, di più ma…comincia la lunga lagnanza della mancanza di soldi.

Nelle campagne elettorali si promette di tutto..poi si realizza poco…poco.

Ma Le strade, si sa, sono un tasto caldo…Per carità le strade servono dappertutto ma, qui in valtolla, proprio non se ne parla.

” Facciamo in modo che i giovani restino in montagna “…. ” costruiamo un futuro per i giovani” …..” fermiamo lo spopolamento” ….”

Quante volte lo abbiamo sentito in almeno 50 anni! …..Belle parole ma niente fatti! Nulla di nulla!

strada provinciale? no comunale!

Allora è tutto ineluttabile? Allora se ne parla tanto per  parlare?

Andiamo sul concreto: in montagna si resta se vi sono un minimo di condizioni per il buon vivere dignitoso.

In caso contrario si emigra…ci si sposta a valle e basta!

Una di queste condizioni, solo una e neppure l’unica ma sicuramente la più pressante, è quella di poter usufruire di un buon sistema viario.

Allora facciamo una breve analisi:

1) la provinciale di fondovalle, la Lugagnano – Morfasso è dissestata e insicura con il tratto, dalla cementeria a Case Bonini, molto.. molto pericoloso!! …I guard rail della diga in alcuni punti sono un vero residuato..

2) la provinciale di collegamento tra la citata fondovalle e quella che da Vernasca conduce a Bore; per intenderci quella che si dirige verso Castelletto e Vezzolacca fino alla località Serra è anche peggio, peggio che andar di notte… qui siamo al pericolo puro e basta!.. 5/6 km di follia!

3) la provinciale Morfasso -Casali che sbuca in prossimità del passo del Pelizzone….mamma mia !!!

VALTOLLA

Le altre provinciali in valtolla ??? Trovatene una, dico una normale! Non dico discreta…diciamo solo normale…solo normale!! Macchè !!!

Famiglie giovani, Turismo, attività produttiva, presidio del territorio ?? senza strade?? non prendiamoci in giro!!

Non vogliamo parlare di strade comunali per il rispetto che abbiamo degli amministratori locali che, con quasi nulla, devono governare …loro si…da vicino i loro cittadini…NOI siamo con i sindaci coraggiosi, rompiscatole, che non accettano tale stato di cose e si battono, coinvolgono le loro cittadinanze ….sono anche ” scomodi ” con i loro amici politici perchè sono dei NOSTRI.

Ma, per ora, non possiamo che dire: povera valtolla abbandonata!!