Morfasso: vietato andare a scuola?

estratto da documento storico del secolo XIX

Francamente l’appello-protesta  lanciato il 18 ottobre 2012, attraverso il nostro quotidiano libertà dai genitori delle scuole di Morfasso è meritevole di una riflessione.

“…la scuola dell’infanzia conta 8 bambini iscritti contro 18, numero minimo richiesto per una sezione.
 Siamo consapevoli di essere in difetto ma riteniamo assurdo che i numeri siano gli stessi per scuole di montagna e scuole di città. Risultato? L’orario della scuola dell’infanzia è stato ridotto alle ore 13.20 invece che le 16.20 come accadeva gli anni precedenti…” [dalla lettera dei genitori di Morfasso]. Continua a leggere “Morfasso: vietato andare a scuola?”

Perchè Morfasso ancora una volta penalizzata?

Il centro di smistamento delle poste di Morfasso si appresta a ” scivolare ” a valle ??

Cosa ci guadagnerebbe Lugagnano val d’Arda in questo ?? [ ndr: luogo dove si dovrebbe spostare il centro di smistamento ].

Nulla! Proprio nulla!

Le poste sono un ” monopolista “ di fatto del panorama postale italiano che, se attivasse anche questa decisione,  confermerebbe il suo carattere: pretendere posizione di dominio assoluto nel mercato ma giustificare tali operazioni come  semplici necessità di ristrutturazione aziendale per il  contenimento delle spese.

A noi i monopolisti non sono mai piaciuti perchè, sempre, agiscono così: quando c’è da guadagnare pretendono le posizioni e le possibilità migliori nei confronti del mercato [ e infatti hanno ottenuto di diventare anche una “banca” con tanto di postamat, una finanziaria oltre che …..ecc….ecc…] ma quando c’è da fare scelte che implicano un minimo di attenzione  sociale nei confronti degli enti locali si trincerano dietro la necessità di ridurre i costi non  concedendo N U L L A  al territorio.

Pensate un po’ se i Sindaci di montagna e collina, insieme, potessero negoziare la presenza, per esempio, delle  poste svizzere [o quelle che vi piacciono di più] affinchè si irradino sul loro territorio  per poi espandersi in zone circostanti……pensate come sarebbero contenti quelli delle poste….

TORNIAMO A MORFASSO…… Continua a leggere “Perchè Morfasso ancora una volta penalizzata?”

Le vipere in montagna, i rifiuti in pianura…..

c'era una volta..(clicca per ingrandire) valtolla keynote

Non  capiamo cosa significhi affermare considerato che i rifiuti solidi urbani raccolti a Morfasso [ o a Zerba, comune alto-montano in Valboreca] vengono smaltiti a Borgoforte di Piacenza non dovete fare tanto gli schizzinosi se liberiamo una vipera catturata in città a Piacenza in Valboreca..”

Capito il ragionamento?..Come fosse occhio per occhio!

Poveri noi!

Tanto per continuare in questo esercizio [ in maniera provocatoria] potremmo dire che:  l’acqua che bevono molti nostri concittadini della pianura viene dalle nostre alte vallate;  gli unici invasi che dissetano l’agricoltura di pianura sono ubicati in montagna e non certamente nella bella pianura piacentina…

Come si può ben comprendere si tratterebbe di un esercizio [inutile] senza… Continua a leggere “Le vipere in montagna, i rifiuti in pianura…..”

MORFASSO: CALA LA POPOLAZIONE.

Resistere nella nostra montagna non è facile.

Resistere dove i servizi sono minimali, dove di posti di lavoro… neanche a parlarne, dove è difficile effettuare attività commerciali, agricole e artigianali…è impresa ardua!

Resistere dove è difficile avere una normale vita sociale, dove durante la settimana non c’è anima ……

Morfasso, infatti, annuncia  che perde popolazione!

Eppure siamo solo a mezzora da Lugagnano, a tre quarti d’ora da Fiorenzuola…. siamo in una valle dove i  monti non sono altissimi…..

Qui vi sono servizi sociali, pur minimali, ma ci sono: posta, farmacia, banca, distributore di carburante, negozi alimentari, assistente sociale, guardia medica, ambulanza…..municipio sempre aperto….chiesa, scuole primarie.

MORFASSO (clicca sulla foto per ingrandire)

Allora dove hanno sbagliato…o dove sbagliano?…difficile dirlo!

Quello che “scoraggia” , in generale sono le prospettive: frane e smottamenti perenni….servizi sempre più all’osso e sempre più spesso messi in discussione ( le scuole hanno pochi ragazzi, la posta non ha sufficiente lavoro, il distributore non ha sufficienti clienti, ecc…..).

Quello che fa paura è sapere, dagli stessi amministratori locali, che non hanno nemmeno fondi a sufficienza per lo sgombero neve….figuriamoci per il resto….

Questo stato di cose non incoraggia! Quale progetto di vita è possibile fare per chi decide di restare in montagna?…Per qualcuno sicuramente, e per fortuna, è possibile fare progetti ma, per la maggioranza, il discorso è out!

Che attrattiva esercita un qualsiasi comune della nostra  montagna per favorire la residenzialità?…Badate che non è un problema del solo comune di Morfasso.

Ricostituire attrattiva si può sicuramente ma si tratta di un progetto di lungo periodo…di almeno 10 anni di costante impegno di più forze, di mezzi finanziari..dieci anni dove ” tutti ” tirano dalla stessa parte…con pazienza.

Guardate l’anagrafe…..amministratori guardate l’anagrafe!…Quante forze attive permanenti resteranno tra dieci anni, quanti saranno gli ultra 75 enni? Quante donne e uomini  giovani saranno ancora residenti in paese?

Avete fatto bene i conti? Bene! …Adesso  preparatevi, documentatevi, spiegatevi bene tra di voi, con il vostro consiglio comunale…perché se, tutti, ci credete ……si può anche vincere!

RABBINI (clicca sulla foto per ingrandire)

Pretendete perche ne avete diritto, vi spetta di diritto: la dotazione di moderna strumentazione e tecnologia per le emergenze ambientali……altro che aspettare anni e anni che governi lontani vi diano l’elemosina per aggiustare al 10% una frana che nel frattempo ha provocato la morte di un territorio e la morte civile del comune!

Pretendete perche ne avete diritto, vi spetta di diritto: di avere un fondo per le emergenze ambientali che costituirete tenendo nel territorio, come anticipo, tutte le tasse e le imposte di tutti i tipi!…come anticipo!

Pretendete perche ne avete diritto, vi spetta di diritto, spetta di diritto a Morfasso, Lugagnano a Vernasca: 1,00 € per ogni metro cubo d’ acqua che si raccoglie nella diga per il grave impatto ambientale che determina, per la servitù perenne alla quale ci sottoponiamo…..

Fate un piano paesistico intercomunale che punti a far diventare la zona ” bella “, attraente come prescritto dal protocollo natural valley…perchè un bel territorio attrae!..un brutto territorio determina la fuga!

Fate un programma per il recupero ” super agevolato” del patrimonio abitativo rurale e antico che favorisca lavoro,riqualifichi il patrimonio e crei le basi per un piano turistico residenziale di alto profilo.

Fate, pretendete, siate battaglieri e fieri del ruolo che vi spetta…

COINVOLGETE GIOVANI, OPINIONE PUBBLICA, FATE DIVENTARE IL VOSTRO PROGETTO UN EVENTO! PIU’ SE NE PARLA MEGLIO E’!

VERNASCA VUOLE PIU’ VELOCITA’

Uno dei Comuni della valtolla, Vernasca, ha deciso di muoversi nella direzione dell’estensione della rete internet veloce.

Buona notizia, ottima notizia!

Il nostro blog lo sostiene da sempre: la banda larga che permette la connessione veloce per accedere ai servizi del Web 2 è, per la montagna (pardon..Vernasca è classificata alta collina..) un diritto!

il tunnel è lungo…..

Ma il comune sembra sia partito all’attacco e che voglia accelerare i tempi attraverso un progetto che prevede internet senza fili (frequenze radio?) in accordo con Enìa.

Le zone interessate sarebbero dunque, in primis, Trinità e Borla dove diversi imprenditori e cittadini avrebbe richiesto a gran voce aiuto al Comune che avrebbe risposto……procediamo!

L’interesse per questa questione (questi sono servizi che fanno sentire noi della valtolla nel mondo….) va nella direzione giusta e allora, vista la sensibilità,  una segnalazione : vi sono troppe zone dove la ricezione dei telefonini è di uno scadente impietoso……da anni e anni!

A Vezzolacca per fare un esempio, nell’ 80% del territorio, la ricezione dei telefonini è scadentissima, indecente e solo di tim.

Perché questa considerazione?… La buona…solo la buona (figuriamoci l’ ottima) ricezione con un telefonino consente, per esempio, di poter possedere uno smartphone di ultima generazione e “navigare ” a mezzo UMTS (detta anche 3G) senza alcun bisogno di un  computer.

Con un iphone o un blackberry (costo medio 550€) si naviga in internet esattamente come con il Pc, si gestiscono tutti gli account di posta elettronica che si vogliono ( noi ne possediamo 4), si scarica e si ascolta musica, si ricevono documenti in word e excel, si ricevono e si inviano foto in  buona  risoluzione, ……questi strumenti della moderna comunicazione sono dotati di modernissimi gps e…..tra l’altro possono gestire, in diretta, videochiamate, navigatori satellitari, servizi sociali…….e siamo solamente all’inizio di questa nuova frontiera dell’informazione e comunicazione globale che non può vedere ancora una volta la montagna ULTIMA!

Internet veloce e telefonia veloce sono parte importante della frontiera per far restare la gente, i giovani, chi lavora, chi ci invecchia, chi deve crescere…..

Noi gestiamo il blog in valtolla, dove ci riusciamo…dove c’è sufficiente ricezione, con iphone e, in tempo reale, inseriamo articoli e fotografie in qualsiasi blog…….Potremmo anche, con lo stesso strumento, gestire un quotidiano…..vi rendete conto della ” potenza del mezzo” ?

Ma i politici hanno paura della circolazione delle idee?

MONTAGNA TELE-ISTRUITA?

Pare che entro il 2010 dal polo scolastico delle superiori di Fiorenzuola possa partire definitivamente il progetto di tele-didattica già attivo a Bardi.

Crediamo si tratti di sperimentazioni e noi siamo molto favorevoli !…..Si tratta di ottime idee.

Sappiamo trattarsi di un progetto regionale che vede coinvolte provincie e scuole superiori che mira a far divenire realtà la possibilità che studenti che abitano in centri montani distanti da Fiorenzuola possano, in determinate occasioni e circostanze, usufruire della didattica digitalizzata.

valtolla innevata (clicca sulla foto per ingrandire)

Certo, per la riuscita del progetto, occorrerà la collaborazione di insegnati e famiglie, oltre che degli stessi studenti interessati, ma la strada è quella giusta.

Studenti residenti a Casali, a Prato Barbieri, a Vezzolacca, a…… in caso di nevicate abbondanti, indisponibilità dei trasporti, ecc…potrebbero essere collegati in diretta con la scuola e seguire le lezioni…potranno ritrovare le lezioni digitalizzate e messe in rete internet dalla scuola (sul modello della mitica collaborazione Apple/iTunesU/università di cui abbiamo parlato in un articolo dello scorso 29 dicembre 2009 ?…Forse non ancora così ma  con coraggio arrivano i risultati…..).

Gli ostacoli non mancano di certo ma la valtolla può ben sperare!

In primis la rete dovrebbe essere potenziata per supportare molti…molti mega.…..e tutte le famiglie dovrebbero averne garantiti almeno 10 altrimenti che facciamo?…Altrimenti è una bufala inservibile per tali scopi !

A tal proposito tempo fa, le istituzioni locali, ci hanno annunciato un grande potenziamento della rete delle comunicazioni  in montagna entro il 2010 e, pertanto, ….Morfasso, Vernasca e Lugagnano e le loro frazioni ….sottolineiamo anche le loro frazioni…..possono ben sperare poiché disporranno, tra poco, di  vera, efficiente, moderna rete veloce come in pianura.

Iniziamo con la scuola…ma si potrebbe fare anche con la sanità…

Oggi i nostri servizi, molti dei servizi in valtolla, soffrono di arretratezza tecnologica in gran parte dovuta a insensibilità delle lontane istituzioni nazionali e regionali e del gestore della rete di trasmissioni (la ex sip)….domani forse avremo anche noi servizi moderni ed efficienti?

Riusciremo a telefonare con uno smartphone senza rincorrere le onde sullo spigolo del balcone o sullo scalino della casa…onde che vanno e vengono e che non ci sono mai?…riusciremo a collegarci ai servizi internet senza dover aspettare 10 minuti per scaricare 10 e-mail?

Lo ripetiamo ancora una volta…ma non ci stancheremo di rifarlo: servizi, servizi….ancora servizi… qui si misura la vera capacità di amministrare!

MORFASSO: SI VA AVANTI!

Dopo diversi anni di ” abbandono ” la struttura che oggi conosciamo come filöss è stata oggetto di un buon recupero a cura della precedente amministrazione comunale che questa nuova, presieduta dal Sindaco Croci, ha portato a compimento.

Nei giorni scorsi è stata inaugurata come centro servizi del comune trovandovi spazio la croce verde, l’avis, la guardia medica e il centro prelievi.

In poche parole un vero centro sanitario polivalente con tanto di referenti e orari di servizio.

L’amministrazione annuncia, tra l’altro,  un forte rafforzamento del servizio per gli anziani con l’introduzione massiccia della teleassistenza.

Che dire? Bravi questa, per noi, è la direzione giusta!

In montagna senza servizi non si potrà vivere….sapere che giovani amministratori sono tanto attenti a questi temi non può che incoraggiare, che far ben sperare.

morfasso e i suoi monti ...i monti della valtolla

BANDA LARGA & TASCHE VUOTE.

valtolla photo CIMG1888_2
IN MONTAGNA CADONO SEMPRE LE FOGLIE ? SEMPRE!

I Paesi del mondo, quelli evoluti come NOI, si sforzano di realizzare un ” diritto ” per i cittadini: poter aver accesso alle nuove tecnologie informatiche a cominciare dai servizi internet veloci.

Noi sosteniamo da sempre che in montagna e nelle zone più disagiate dovrebbe essere un diritto come lo sono i servizi postali, l’arrivo dei quotidiani e dei giornali, la guardia medica, la scuola….

Bardi, non tanto lontano da noi, ne ha fatto un eccellenza e poi un premio internazionale e, nel frattempo, ha cablato il territorio con la ” banda larga” ..cioè ha dato a tuti la possibilità di avere accesso ai servizi internet veloci a prezzi assolutamente competitivi per lavorare, per studiare, per essere informati, per telefonare, per attrarre turismo.

Difficile vivere senza televisore, senza frigorifero, senza telefono…difficile per un giovane vivere isolato…difficile per una persona “attiva” e “vivace culturalmente” vivere senza poter accedere alla finestra sul mondo.

Internet veloce porta nuovo lavoro! lavoro pulito poco impattante sul territorio.

Certi lavori si possono fare anche in montagna… basta essere collegati al mondo; Bisognerebbe pensare di premiare chi, utilizzando tecnologie pulite, crea lavoro in montagna e collina. Aiutare chi resta per fare il falegname, il viticoltore, l’allevatore, il coltivatore…..ma anche questi avrebbero bisogno dei collegamenti veloci con il mondo.

In campagna elettorale, tutti ..ma proprio tutti, avevano promesso che avrebbero fatto questo iniziando dalle zone remote del Paese…dalla montagna.

Adesso pare che la questione sia così: erano previsti 850 milioni nella legge finanziaria ma sono stati depennati con la promessa che li rimetteranno ( in vista della prossima campagna elettorale?)….e intanto la Finlandia ha deciso che la banda larga, essendo un diritto per rendere i cittadini uguali, sarà portata anche negli angoli più remoti del paese.  Italia- Finlandia 0-1…….speriamo nella partita di ritorno.

Avete capito? I cittadini devono essere UGUALI.…. dalla città di Piacenza a Teruzzi. Perchè si è giovani o ” vivaci ” allo stesso modo e pertanto…..

Tagliamo costi inutili della politica o amministrazioni inefficienti ma non quello che serve: pensioni, dissesto idreologico, istruzione, ricerca, tecnologie, innovazione, promozione, infrastrutture….e tante cose utili perchè, le cose inutili…. basterebbe iniziare a tagliarle e basta.