I laghi naturali della Val d’Arda, questi sconosciuti…

2018-10-lago del gallo11-1IMG_3222
LAGO DEL GALLO, VISTA PARZIALE

Scritto da Sergio Efosi Valtolla, fotoamatore, blogger, escursionista e narratore.
Per parecchi di noi parlar di laghi in Val d’Arda, significa associare il termine a Mignano e al suo grande lago artificiale.
Invece, con questo breve articolo, vorrei parlare di quelli molto più piccoli, naturali, che si trovano girando per la boscaglia dell’alta valle…ma andiamo con ordine.

2018-10-lago del gallo1-1IMG_3225
IN PIEDI DA DESTRA: PINUCCIO, FAUSTO, PATRICK, FURIO, IO… SEDUTE DA DESTRA: MARIA LUISA, ANNA, ROSANNA, CARINA, SYLVIE.

Brevi notizie prima di entrar nel bosco…
La zona di cui parlo è compresa per intero nel comune di Morfasso, nella primaria valle dove nasce l’Arda, tra Passo del Pelizzone, Teruzzi e Rusteghini.
I laghi (quelli prevalenti) in questione sono tre: Lago del Gallo, Lago del Rudo e Lago dei Lupi; piccoli ma molto…molto antichi, generati verosimilmente i primi due, dal gran “movimento” geologico dei ghiacciai antichi del Lama che ha creato questi sbarramenti morenici in terre ricche di torbiere, zone “molli”, boscaglia, ofiolite e diaspro rosso.
Il Lago del Gallo, in particolare, vale anche per quello del Rudo, è di grande importanza naturale, è sempre pieno d’acqua, non ha alcun emissario superficiale, ospita il tritone alpestre-appenninico e diverse colonie di rane marroni e verdi.
Poco di più potrei dire a proposito del vicino Lago del Rudo, altrettanto suggestivo e con la medesima origine antica. Il toponimo con il quale è identificato “Rudo” forse ha un significo originale che non conosco.
Il Lago dei Lupi (alimentato dalle buonissima acqua “minerale” della vicina “fonte dei Lupi”) si trova a quote maggiori, poco distante dal Passo del Pelizzone e da Casali di Morfasso, conserva una piccola fioritura di ninfee estive. La sua forma rasenta quella di un grande cuore.
Si tratta di laghi piccoli e poco profondi, immersi nella boscaglia.

2018-10-lago del gallo1-1IMG_3184
LAGO DEL RUDO…
2018-10-lago del gallo1def1-1IMG_3212-Pano 2
LAGO DEL GALLO

Alla ricerca dei laghetti del Rudo e del Gallo…
Se non si conoscono bene i luoghi è meglio non azzardar ricerche improvvisate, molto meglio farsi accompagnare. In ogni caso partendo dalla storica trattoria-pizzeria-bar “Ca’ del bosco” a Rusteghini, via Cogni 5 (comune di Morfasso) si sale a piedi fino I Massè (Masè) di Teruzzi. Si attraversa il piccolo abitato e si guada la giovane Arda, piegando subito a sinistra. La carraia è agevole e conduce in poco tempo al Lago del Rudo, interamente recintato dal filo spinato. Completamente avvolto nella boscaglia, si presenta con le sponde un po’ “disordinate”.
Poi si risale sul sentiero principale e si riprende il cammino, piegando a sinistra fino a scorgere, tra la boscaglia, una piccola pineta che affianca, in parte, il Lago del Gallo, magnifico, abbastanza grande, suggestivo e misterioso al tempo stesso.
Immancabilmente, raggiunto questo Lago, abbiamo fatto una sosta decisamente più lunga, una colazione dolce con torta, patrona e caffè.
In primavera e in autunno, il bosco e i laghi citati, riservano un gran bel colpo d’occhio, tra fioriture e un bel “foliage”.
E qui si fa una breve sosta, giusto il tempo per far “colazione” e per ascoltare la lettura di un brano del Vangelo di Maria Luisa…
Infine si riprende il sentiero fino a raggiungere la sottostante strada provinciale e quindi la trattoria-bar-pizzeria “Ca’ del Bosco“, dove i gestori sono accoglienti e dove si trova sempre la maniera di mangiare qualcosa di buono, sempre.
Di fatto le carraie percorse, tracciate per il lavoro dei contadini, costituiscono un vero, pur breve, anello escursionistico non segnalato che con calma, soste comprese, si percorre al massimo in circa due ore.

2018-10-lago del gallo1-1IMG_3139

2018-10-lago del gallo11-1IMG_3252-HDRCamminare fa bene al morale e …
In altre occasioni l’ho detto: vado spesso a girar per boschi e monti in solitaria ma non disdegno la buona compagnia.
Porto sempre la macchina fotografica, un cavalletto, qualche lente e un paio di filtri in vetro. Per girar nell’alto Appennino è meglio calzare scarpe da trekking e aver sempre a disposizione acqua, copricapo e impermeabile (adatto alla stagione).
Con gli amici che citerò abbiamo interessi comuni, camminiamo molto e terminiamo spesso la giornata con “i piedi sotto al tavolo”, una buona e consolidata abitudine.
I nostri favori enogastronomici li riserviamo alle “minestre” piacentine , dai pisarei e fasö agli anolini in brodo, passando per i tortelli ripieni con erbette, ortiche e ricotta.
Per il vino “navighiamo” a vista tra Gutturnio, Monterosso leggermente abboccato, Ortrugo e dintorni…
Per i secondi, quando non abbiamo esagerato con le minestre, prediligiamo tutto quello che potremmo definire “pulaia”, dall’arrosto al lesso con o senza ripieno. In pratica siamo molto legati alla tradizione rurale piacentina.

2018-10-lago del gallo11-1IMG_3159

2018-10-lago del gallo11-1IMG_3270I protagonisti del giro ai laghi del Gallo e del Rudo …
Furio (l’esperto dei sentieri, li conosce tutti, anche ben oltre la provincia). Fausto “il brigante”, sempre alla ricerca della dieta perduta. Franco, esperto di cartografia. Ornella, silenziosa e discreta, quasi timida. Pinuccio è un gran appassionato di fotografia. Carina è patita di ginnastica e movimento. Anna è una gran viaggiatrice. Rosanna è volonterosa e decisa.  Maria Luisa, alla prima sosta utile a sorpresa, ma con nostro gran piacere, legge un brano del Vangelo.
Poi ci sono io con la mania dello scatto fotografico; il mio motto è “fermi, la prima foto andava bene ma ne facciamo un’altra”.
Poi quando possono si aggregano tante altre amiche e amici, vicini e lontani ma tutti molto simpatici…

2018-10-lago del gallo11-1IMG_3240-HDR
LAGO DEL GALLO, LA SCHIARITA IMPREVISTA…

Piesse, giusto per non dimentare: in queste occasioni non disdegnamo mai due fette di salame, un bicchiere di vino, un caffè, una fetta di torta da consumarsi nel bosco seduti nella radura, accanto al lago, al dirupo…all’ombra di un faggio o riparati in un rifugio montano …perché camminando vien sete ma anche molta fame.

2018-10-lago del gallo1-1IMG_3153

2018-10-lago del gallo1-1IMG_3150

2018-10-lago del gallo11-1IMG_3179
LAGO DEL RUDO, VISTA PARZIALE

fb24d8f7-6b8a-48f0-a3c7-195692c1c995

2018-10-lago del gallo1-1IMG_3192-HDR
LAGO DEL RUDO
Annunci

Pista ciclabile dal Po a Mignano? 

2018-05-diga giorno no-1IMG_0659-Pano-Modifica_FotorUna pista ciclabile dal Po al lago di Mignano, in alta Val d’Arda (di Sergio Efosi Valtolla, fotoamatore, blogger, escursionista e narratore).  

L’annuncio di un simile progetto è stato avanzato  nel recente convegno svoltosi il 23 luglio 2018 sul “muro” più famoso della Valdarda, nell’ambito del convegno “Ritorno al futuro”, promosso dal padrone di casa Consorzio di Bonifica di Piacenza. 2018-05-diga tracimazione-1DM4B0035-Pano-Modifica

Bell’idea, anzi bellissima. Questo progetto una volta portato a compimento porterebbe a un collegamento ciclabile, e dunque pedonale, dalla già esistente Ciclovia del Po all’Appennino della Valdarda. Un’idea per certi versi non nuova ma sempre molto attuale; un progetto nella testa di tutti gli appassionati di queste attività legate alla fruizione del tempo libero in maniera lenta e attenta a non guastare il territorio naturale, culturale e storico che la ciclovia attraversa.  

Un progetto simile e parziale, rispetto a quanto già detto, che unisse Castell’Arquato con Fiorenzuola e con Chiaravalle della Colomba era stato avanzato diversi anni fa. Forse qualcuno lo ricorda? Forse ne è stato realizzato un pezzo? Ma quando mai. 

Anche nel caso della nuova “meravigliosa” ciclovia che raggiungerebbe il nostro “muro” si tratta, è stato precisato, di ipotesi progettuali future. 

Per realizzare queste infrastrutture occorrono più permessi e carte bollate che non soldi.

Proprio per tal causa, per il lieve “movimento di denari”, rispetto al gran beneficio che ne scaturirebbe, temo che il progetto rimarrà tale per molti e molti anni ancora. 

Passato il momento dei riflettori e delle luci il “muro” sarà dimenticato dai politici e dalle Istituzioni regionali e nazionali?

Saranno ricordate le promesse, le idee avanzate oppure…

Io non entro nel merito di un progetto che non conosco, non pongo limiti alla bontà dell’idea che mi piacerebbe veder rapidamente realizzata in toto.

2018-07-diga-1DM4B7196
Al convegno tante proposte, tanti annunci…molto interesse.

So bene quante sono le infrastrutture deboli, assenti o devastate in tutta la Valdarda che conosco; so bene che servirebbero strade più decenti e sicure ma so altrettanto bene che creare infrastrutture per la fruizione del tempo libero e del turismo è altrettanto utile e urgente.

Detto questo, preciso anche che non mi appassiona il “benaltrismo” (il servirebbe ben altro “bell’idea ma prima servirebbero altre cose. Dopo si penserà anche alla pista ciclabile…alla sentieristica, ecc..ecc.”.) 

Se non sull’agricoltura legata anche al presidio del territorio e sul turismo su cosa occorrerebbe puntare per dar un po’ d’ossigeno all’Appennino? Cosa dovremmo fare in montagna per evitare la sempre maggiore desertificazione umana? 

Il discorso è certamente complesso e meriterebbe più spazio ma questa è solo un’opinione sull’ipotesi della ciclovia sulla quale “mi piacerebbe poter essere presto smentito”…  

Ps: la diga di Mignano con l’ultima manutenzione e la realizzazione dei nuovi “sfioratori” ha elevato la sua capacità di oltre un milione  mezzo di metri cubi d’acqua. Un bel risultato.

2018-07-la diga ritorno al futuro-1DM4B7161
I canottieri della “Vittorino” in allenamento a Mignano
2018-07-balena -1DM4B7003
La balena di Fornari e Carta “emersa” il giorno del convegno. (un legame tra arte e piacenziano, tra la balena fossile ritrovata in Valdarda e mar padano).

2018-07-diga-1DM4B7227

2018-07-balena-1DM4B7509-Modifica

Castell’Arquato sistema la boschina, la fontana del duca e il torrione…

2016-05-28- castellarquato e cinta 1-0698Castell’Arquato, sistema la boschina, la fontana del duca e il torrione…di Sergio Efosi Valtolla (fotoamatore, blogger, escursionista e narratore).

Sono anni luce (si fa per dire) che non scrivo di politica locale e non voglio “mettermici” proprio ora. Tuttavia sono stato attratto da un titolo del nostro quotidiano “Libertà” che nei giorni scorsi, nella pagina di Fiorenzuola e Valdarda, recitava “Castellarquato, un piano da 550mila euro per i luoghi storici”. Ho letto l’articolo e, per quel che capisco (a volte son duro di comprendonio…), si tratta di progetti per sistemare il Torrione, le Fontane del Duca, “la boschina” con il “Parco delle Driadi” e con la scalinata che conduce dal Viale delle Rimembranze alla “Solata” a due passi dal castello.
Ribadisco: non entro nel merito delle scelte amministrative e auspico solo che siamo spesi bene, perché con 550mila euro si può far tanto, veramente tanto; il meglio possibile perché Castell’Arquato ne ha bisogno!
Castello è un Paese che deve “decidere”, o se preferite confermare, se vuol progredire anche con il turismo oppure no. Se la risposta fosse affermativa allora il borgo dovrebbe aver a cuore un simile intervento che coinvolge tanta parte della sua storia antica e più recente.
Lo dico così senza entrar nel merito perché non conosco i progetti e perché io amo il mio comune d’origine, al di la chi lo amministra temporaneamente. Certo vorrei sempre il meglio, vorrei un paese più “ordinato” e “pulito”, vorrei una gran organizzazione turistica con maggiori servizi, etc…

Quando penso a questo vecchio caro borgo vedo sempre “il bicchiere mezzo pieno” perché sono un inguaribile ottimista.
Mi illudo?
Forse…ma cosa volete che aggiunga!
Mi piace Castell’Arquato!

Ps: E l’Ostello? E  il “sistema” museale? E un progetto per la valorizzazione e per lo studio permanente della gran mole documentale arquatese? E un progetto per realizzare 150 km o più di sentieri escursionistici nel territorio? E un progetto di ciclabile tra il “Borgo” e “l’Abbazia di Chiaravalle”? Ma…i soldi e i finanziamenti per tutto questo? Ogni anno l’Italia “dimentica” di chiedere contributi alla Cee per diversi miliardi di Euro…

CAPPELLETTA SAN LORENZO
la bacheca presso la cappelletta di santa franca

2016-09-10-medioevo-2-bisbis-0179fl_fotor

2014-04-21-castello iPhone LR-3260

©Valtolla’s blog è un progetto di…Sergio Efosi Valtolla (fotoamatore, blogger, escursionista e narratore).

sergio IMG_9965

Lago di Mignano superstar…

2018-05-diga tracimazione-1DM4B0035-Pano-ModificaLago di Mignano superstar…di Sergio Efosi Valtolla (fotoamatore,  blogger, escursionista e narratore).
Ecco siam pronti…mancano una manciata di centimetri e la “tracimazione” sarà cosa fatta (chissà se quando pubblico il posta sarà cosa fatta!). Continua a leggere “Lago di Mignano superstar…”

Notizie “favolose” sulla montagna o favole dei politici…

2015-05-05-mulino provini  LR-7918Tutte le volte che passa un politico di “alto rango” in montagna il nostro quotidiano libertà pubblica uno o più articoli con titoli sensazionali.
Si tratta di notizie apparentemente favolose, da restare a bocca aperta: “In Alta Valtrebbia e Valboreca si navigherà con la banda larga”.

Ma il progetto, chiarisce il quotidiano, andrà in porto entro il 2020. Lo avrebbe affermato il presidente della nostra Regione in visita in alta Valtrebbia/Valboreca a Zerba.

Per ora, e da molto tempo, la situazione è questa: utilizzare smartphone e internet è problematico, vi sono ampie zone (dell’intero Appennino piacentino) totalmente scoperte dalla più elementare “copertura del segnale” e altre dove c’è solo “internet lumaca” e pochissime dove a malapena si raggiungono un paio di “mega” di velocità.

La promessa relativa al miglioramento di tali servizi telematici citati la sentiamo da quasi 10 anni ma non è successo granché; tempo fa si era parlato dell’attivazione entro il 2010, poi di anno in anno si è rinviato…e ora siamo alla promessa del 2020.

Eppure sempre di più questo moderno strumento di comunicazione serve per lavorare, per attrarre più visitatori e turisti, per le attività produttive e commerciali locali(ristoratori, commercianti, artigiani, agricoltori, ecc…) e per tutti i citttadini che volessero studiare o lavorar da casa, comunicare con amici e parenti, ecc…

Allora più che notizie “favolose”, in questo caso, forse si tratta  ancora una volta di “favole”?

I problemi irrisolti della montagna e alta collina sono ormai tanti che lo scetticismo è d’obbligo. In queste aree manca tutto e si va avanti a rattoppi e riduzioni dei servizi…in pratica si resiste!!!

Ma ancora una volta i politici di “alto rango”, vengono sui monti a decantar la bellezza dei monti e dei borghi (della quale in realtà non gliene può fregar di meno!), a mangiar prodotti buoni “a sbafo”, ospiti nostri, in cambio delle solite promesse…”faremo…”, “abbiamo previsto per la montagna…”, “realizzeremo in montagna entro il ….” come si fa con i bambini per farli star buoni.

Nel corso di queste visite non dimenticano mai (tali politici) di sottolineare quanto tali interventi siano “imminenti”, quanti grandi interventi si effettueranno sulla forestazione, sul turismo, sull’agricoltura, sulla viabilità e sull’assetto del territorio. Ma son sempre le solite solfe da 30 anni!

Questo mentre, e questo è purtroppo reale, la montagna frana, i boschi degradano, le strade sono colabrodi instabili, insicure e spesso impercorribili… e i giovani scappano prima per studiare e poi per vivere altrove.

Questo mentre la “politica dell’annuncio” va avanti come niente fosse.

Domenica 25 settembre abbiamo letto l’annuncio di cui si è parlato sopra; il 27 settembre, sempre “libertà”, mette in risalto gli echi della promessa del presidente della Regione alla quale i nostri parlamentari locali di maggioranza ne aggiungono altri. E tutto questo mentre nella pagina successiva si dà ampio risalto alla notizia, alla tragica notizia, che un piccolo paesino proprio lì vicino alla zona visitata dal Presidente della Regione, nel comune di Ottone, deve essere evacuato totalmente perché c’è l’imminente pericolo che frani a valle l’intero abitato. Ma di queste situazioni ne potremmo raccontare decine…

Questi sono i risultati delle politiche che hanno spinto tutti ad abbandonare L’Appennino, i politici a ignorare le problematiche che questo avrebbe comportato…e a fallire miseramente con i loro interventi “tampone” a frana avvenuta, a dissesto in corso…a tragedia consumata.

Proviamo a credere che stavolta i politici di “alto rango” si ricredano e si mettano veramente a fare qualcosa di concreto per la montagna? Proviamo ancora a credere…!

Proviamo perché la montagna è bella, quella piacentina anche di più.

Proviamo perché vogliamo rendere onore ai “resistenti” (agricoltori e commercianti, pensionati e giovani studenti…) che si aggirano da queste parti e presidiano il territorio.

Ma non dimentichiamo che siamo quasi alla frutta e il 2020 è ancora molto lontano. Adesso e subito occorre aggiustare strade, aggiungere e stabilizzare i servizi e rendere i nostri territori liberi dalle tasse…liberi dalle tasse e dai balzelli tributari.
Altrimenti siamo alle solite: la montagna è favolosa in campagna elettorale (e guarda caso tutto questo succedde alla vigilia del referendum nazionale che si svolgerà il 4 dicembre…) e poi tutto passa e i politici scappano.

E allora son favolose o favole le notizie di questi giorni sulla montagna?

Editoriale di Sergio Valtolla 

Ps1: invece le tasse e i tributi aumenteranno ancora e, in media e alta Valdarda pagheremo anche la bonifica…ma in cambio di cosa?

Ps2: “libertà ” riportava anche la proposta dei politici di rendere “zone franche” alcuni comuni montani (tipo Livigno e altre cose del genere) ma anche questa l’abbiamo sentita da almeno 15 anni e  non si è mai fatto nulla di concreto.

Ps3: noi in valdarda di concreto e poco favoloso dai politici di alto rango abbiamo avuto il carbone da rifiuti, il carbonext.

Un giro sul Menegora…

IL LAMAUN GIRO TRA LAMA, DINTORNI  E   MENEGORA…

Brigante della Valtolla

Sono seduto osservando il bosco da una radura, che in questi giorni si colora di continue fioriture; decine e decine di specie floreali si alternano, regalando ai nostri occhi un altro grande spettacolo della natura. Continua a leggere “Un giro sul Menegora…”

Vigolo Marchese, la sua valle e la bella chiesa…

2014-vigolo marchese promo 1.001 copia (1)VIGOLO MARCHESE E LA VALCHIAVENNA IN BREVE

Vigolo Marchese ( comune di Castell’Arquato) è un paese antico che si colloca lungo il corso del torrente Chiavenna tra collina e pianura, dove le terre si corrugano per nascondere le loro bellezze. Continua a leggere “Vigolo Marchese, la sua valle e la bella chiesa…”

Stefano Bruzzi: un grande artista piacentino che amava le nostre montagne.

Bruzzi: novembre (clic per ingrandire)

Finalmente abbiamo potuto [il brigante della valtolla e il sottoscritto] visitare “le mostre” piacentine dedicate al grande pittore Stefano Bruzzi. L’una alla Galleria d’arte moderna Ricci Oddi l’altra alla Fondazione di Piacenza e Vigevano, entrambe bellissime!

Certo che l’allestimento nella galleria….tra altri meravigliosi dipinti di famosi macchiaioli come Fattori, Signorini e Lega…esalta la bellezza della mostra dedicata al Nostro!

La fondazione presenta anche un bel documentario dove Ferdinando Arisi [sempre ottimo!] presenta l’artista anche dal punto di vista biografico, storico e sociologico……

Bella l’idea di abbinare a questo documentario le musiche del gruppo musicale “Enerbia”.

Bravo Tommaso Ferrari il regista…. Continua a leggere “Stefano Bruzzi: un grande artista piacentino che amava le nostre montagne.”

Orizzonti autunnali in valtolla

costa della valtolla (valtolla's iPhoto)

Della fascinosa nebbia fastidiosa e antipatica ma utile come tutti i grandi “movimenti” della natura spesso ne è esente la montagna che la osserva, dall’alto in basso, laggiù tra le valli che digradano  verso pianura padana.

Nella riviera del fiume, dei torrenti e nelle prime colline arriva anche quando non te l’aspetti, avvolgente e misteriosa.

Che spettacolo veder arrivare la nebbia che sale tra le valli verso il monte per poi dileguarsi tra siepi e campi al sorger del sole! Continua a leggere “Orizzonti autunnali in valtolla”

Pedemontana e sprechi delle nostre risorse

Si fa sempre un gran piagnisteo sulla crisi generale  [che è vera…] e sulle implicazioni che questa riverbera sulla pubblica amministrazione che è perennemente senza soldi per finanziare gli enti locali, la scuola, la ricerca, le politiche sociali, il sostegno all’export, ecc…

Poi si assiste agli sprechi, alle false promesse di ridurre i costi della politica e della burocrazia, alla promessa di equità fiscale ecc…

Il politico di turno [dal locale al nazionale] d’ogni tanto sente l’esigenza di tirar fuori dal suo “ cappello a cilindro” da novello stregone una manciata di “opere pubbliche- risolvi crisi”.

Tra queste noi ci annoveriamo “la pedemontana e la cispadana” opere di cui si parla dagli anni 70 e che per fortuna non sono mai state realizzate.

Una sorta di “vie Emilie” parallele a quella storica. Continua a leggere “Pedemontana e sprechi delle nostre risorse”

Le frane che non ci lasciano mai!

clicca per ingrandire

Strada provinciale Da Vernasca per Bore-Bardi e alta valdarda…..

Lunedì di Pasqua 2011 ore 17 circa ( notare le transenne di sicurezza per segnalare la voragine ….)

Da quella parte la strada costeggia una scarpata profonda e pericolosa.

La frana c’è almeno da 2 settimane ma la messa in sicurezza  è ancora questa…misera …misera.

Boschi della valtolla….(qualche appunto)

monastero valtolla

La superficie forestale provinciale [boschi, castagneti da frutto, giovani rimboschimenti, cespugli vari…] raggiunge circa 80.000 ettari, cioè circa 1.000.000 di pertiche piacentine di cui 1200 ettari sono in pianura.

Possibile che non facciano gola a nessuno? Possibile?

In passato, ad inizio 1900 circa, l’appetito fu talmente grande che centinaia di ettari di boschi secolari di Querce e Cerri furono abbattuti per farne traversine ferroviarie promettendo tanto guadagno per i locali…ma nessun montanaro si arricchi. Continua a leggere “Boschi della valtolla….(qualche appunto)”

Ci “sballavamo” con pesci,nazionali esportazioni e ….

clicca per ingrandire

Passava il vento, cambiavano le stagioni, veniva la nebbia, poi la neve e si ricominciava.

Andavamo a pescare nell’arda e c’erano i pesci gatti, i cavedani, i barbi e le bisce tutt’intorno.

Saltavamo sui sassi, trovavamo il pozzone giusto e per ore si pescava senza licenza e sempre a curar la guardia. Stavamo con i piedi nell’acqua, che era dolce, buona e il vento la increspava ……ma poi è diventata nera senza ragione.

Passa ancora il vento, cambiano le stagioni ma a pescar nell’arda c’e da stare attenti.

A piedi o in bicicletta passavamo alla palta a prendere 3 nazionali esportazioni senza filtro e qualcuno portava i fiammiferi di legno dalla cucina.

Ci “sballavamo” con pesci, nazionali esportazioni e, qualche volta, con un giornalino con le “tette”.

Ancora passa il vento, cambiano le stagioni ma noi non siamo più qui a pescare.

Sono cresciuto in valtolla…

 

per gentile concessione dell'amico renato (clicca per ingrandire)

Siamo cresciuti, non tanto di statura, in qualche parte della valtolla.

 

In quel posto dove il sole ti sbrana in estate, dove la biscia cammina anche nei paesi e il tramonto arriva presto.

In tasca un coltellino [ un curtlén] per tagliare le stagioni ovunque ci trovavamo, per pelare una castagna da mangiare in giro per i boschi.

Andavamo a spasso in motorino piano….piano per non far polvere e perchè non avevamo mai fretta. Continua a leggere “Sono cresciuto in valtolla…”