VALTOLLA: CATALOGO AGRICOLO?

Ci hanno riferito che in valtolla esiste un campo “catalogo” con essenze  vegetali varie…….chi lo ha visto ci mandi una mail…lo visiteremmo volentieri.

Questo ci da lo spunto per raccontarvi che…..un po’ di tempo fa, in febbraio,  un nostro amico pensionato-agricoltore ci ha portato delle mele rugginose ( varietà autoctona antica: pum rusnì) raccolte in autunno nel suo orto…ai margini del bosco.

Pensavamo (che diffidenti!!)  che sarebbero state poco commestibili e invece…….

mela ruggine (pun rusnì)

Questa “piccola” mela rugginosa (pelle color ruggine) viene considerata tra le antiche varietà delle mele piacentine catalogate dal Ministero e dalla Regione…come sono anche classificate le antiche varietà di  “pum salam”, il verdone e ” l’ pum calèra“.

Sappiamo tutti delle proprietà delle mele( ne citiamo solamente alcune): non contiene grassi, é ricchissima di sali minerali e vitamine del gruppo B e vitamina C, é il frutto più indicato per i diabetici, combatte il colesterolo cattivo (LDL) e aiuta quello buono (HDL), contiene fruttosio, ecc….

Come si dice??  Una mela al giorno……..

Questa mela rugginosa, non bellissima da vedere ( mangiamo troppo spesso con gli occhi) era buonissima, ancora molto sugosa e non appassita.

Ci è sembrata una Renetta meno farinosa, con peduncolo corto e forma meno regolare, con la pelle ruvida, con polpa bianca, meno dolce e con un retrogusto acidulo….

Due frutti li abbiamo messi in forno con un po’ di uvetta candita e cristalli di zucchero ambrato naturale ….e …..vi lasciamo immaginare il risultato.

Per noi è stata una sorpresa ritrovare questo “tesoro” di salute, di bontà come la mela rugginosa antica del piacentino ( pensate antica…..antica e ancora tra di noi..).

Lo sappiamo che si tratta di una vera rarità! Ruvida, poco colorata, “difettata”

Che stupido che è l’uomo: questa mela è andata in disuso perché la pelle rugginosa era considerato un difetto!….L’uomo voleva la mela dai colori sgargianti, lucida, perfetta….piena di pesticidi, di conservanti chimici , di maturanti….che per arrivare nelle nostre tavole ha percorso 1000 km.

Un particolare: abbiamo chiesto all’amico come l’avesse raccolta e conservata.

Raccolta a mano a fine Settembre, zero trattamenti…mai trattata questa pianta, in vita sua,  neppure con il verderame, conservata in solaio con un fondo di paglia ( di paglia di frumento)….dura anche fino a fine marzo…..

Ci sarà un posto nella natural valley dove si sta facendo un campo catalogo dell’antica varietà della mela rugginosa piacentina?

Ci sarà qualcuno che la sta allevando?…..rivedremo i meleti di rugginosa, pum salam, per gnoc, calera (o carera)?

2 commenti

  1. Ciao,
    credo che il “campo catalogo” cui fate riferimento sia quello che si trova in località San Giorgio, lungo la strada che porta ai Rabbini.
    Venendo da Lugagnano, passate Favale e dopo qualche km ve lo troverete sulla sinistra; vedrete una recinzione e varie piantine; c’era anche un cartello che indicava il “recupero” di frutta antica, poi divelto dal vento lo scorso anno.
    Purtroppo temo che quelle piantine siano abbandonate al loro destino.

    • andremo a fare una visita….per vedere che fine anno i nostri soldi !!!! poi ne daremo conto.
      grazie per la tempestività……

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...