Turismo piacentino: come va?

taverna-IMG_2254PRIMA UN PO’ DI NUMERI…

Leggendo l’ultimo report semestrale 2016 della Provincia di Piacenza sembrerebbe che il turismo nostrano sia in ripresa. Questa è senza dubbio una bella notizia.

  1. Arrivi da gennaio a giugno 2016:  113.156 (nello stesso periodo del 2015 erano stati 101.650).
  2. Presenze (in pratica i pernottamenti ) da gennaio a giugno 2016: 221.623 (nello stesso periodo del 2015 erano stati 193.384).
  3. La parte del leone la fa Piacenza con la sua zona limitrofa, poi ci sono la Valdarda e la  Valtidone.
  4. In forte recupero la Valtrebbia.

Continua a leggere “Turismo piacentino: come va?”

Il turista trascurato che si diverte…

2016-07-17- appennino festival 2016-4139-2di Sergio E.Valtolla ©.

C’è una categoria di turista che ci pare sia parecchio trascurato da esperti e grandi “soloni” del settore, un turista che comunque c’è e si materializza periodicamente nel nostro territorio in occasione di feste, ricorrenze, manifestazioni e concerti;  o semplicemente in occasione della bella stagione essenzialmente primaverile, estiva e autunnale.

Si tratta di quello che in altre occasioni, prendendo a prestito una definizione giornalistica, non ho esitato a definire “scorribandista”… eno-gastronomico. Continua a leggere “Il turista trascurato che si diverte…”

Uno scorribandista non fa classifiche, si diverte e…

eccellenze pag 153
pag 153 del volume “eccellenze eno-gastronomiche…” (clic per ingrandire)

Lo “scorribandista*” eno-gastronomico è una categoria di turista buongustaio particolare, sempre più diffuso nel nostro territorio che offre mete caratterizzate da medioevo (castelli e borghi), buon cibo e vini eccellenti.

È il turista poco considerato nelle classifiche degli esperti del settore, quello che spesso, ma non sempre, fa tutto in pochi giorni, anche in uno solo, e poi ritorna in successive occasioni…(sempre abbinando la “scorribanda” eno-gastronomica con altro: il medioevo, il folklore, un monumento, una mostra, un’escursione nella natura, ecc…).

Lo scorribandista è un turista che programma la sua giornata scegliendo un ristorante e poi una cantina, una bottega o uno spaccio aziendale di salumi e di formaggi condendo il tutto con la visita o la passeggiata in un luogo che soddisfi la sua curiosità culturale e ricreativa.

E la provincia di Piacenza che non ha né il mare né l’alta montagna, in tutto questo, se la potrebbe cavare meglio di tanti altri territori solo se ci credesse un po’ di più; se ci credessero di più, innanzitutto, le istituzioni.

“Ecccellenze eno-gastronomiche in Valdarda e dintorni**”, il libro in distribuzione in Valdarda da sabato 21 maggio,  non è una guida, non contiene classifiche ma esprime il gusto degli autori che, da veri scorribandisti, si son divertiti gironzolando per un vasto (ma anche no) territorio collinare e appenninico conoscendo osti, cantinieri e professionisti del cibo…di quello buono, fatto secondo la tradizione, quello che in molti preferiscono.

eccellenze pag 173
Pagina 173 di “eccellenze enogastronomiche…”

E scorrendo le circa 200 pagine a colori del libro ve ne renderete conto già dalle prime pagine. Il “vizio” degli autori lo imparerete alla svelta, e vi divertirete  a programmare la vostra scorribanda sempre diversa; raccontandola successivamente ai vostri amici attraverso il “social” che preferite…

E, credeteci, nel nostro territorio delle medie e alte valli tra Vigoleno, Bacedasco, Castell’Arquato, Vigolo Marchese, Chiavenna Rocchetta, Groppallo e…. troverete ampia soddisfazione.

* termine coniato dal giornalista Roberto Perrone

** autori Sergio Efosi e Fausto Ferrari che lo presenteranno sabato 21 maggio alle ore 17 a castell’Arquato via Sorza Caolzio (galleria d’arte transvisionismo)

eccellenze indice
INDICE DI “ECCELLENZE ENO-GASTRONOMICHE…”

Piacenza expo: nessun turista da queste parti!

Foto 15-07-12 19 39 38Nei giorni scorsi il quotidiano libertà pubblicava un lungo articolo di P.Soffientini dal titolo “Turismo solo andata per expo” dove venivano riportate le ammissioni di parziale fallimento  del progetto che prevedeva di portare un buon numero di turisti expo nella nostra provincia. Il referente del club di prodotto”terre francigene piacentine“, la speciale associazione di scopo fondata da confcommercio, coldiretti, confartigianato piacentini e altri soci  che gestisce i flussi da e per l’expo di Milano ammette che qualcosa non va. Continua a leggere “Piacenza expo: nessun turista da queste parti!”

Andavano verso Roma e giunsero a Castell’Arquato…*

IMG_0683 copia 2Andavano verso Roma, stremati dopo aver attraversato la pianura padana e scorgevano da lontano il profilo del castello che avrebbero raggiunto dopo un ulteriore breve tratto (di uno dei percorsi) della Via Francigena. Chi sceglieva, ed erano veramente in tanti, la variante della Valdarda, quella detta “Via dei Monasteri Regi”, e risalivano la valle fino al Passo del Pelizzone per raggiungere, dopo un lungo cammino, Pontremoli e poi Roma, transitavano a Castell’Arquato.

Giunti a Castell’Arquato, i pellegrini dei tempi passati,  oltrepassavano la porta d’ ingresso della cittadina (quella che oggi chiamano il “voltone”) e risalivano la via principale fino a raggiungere la grande piazza del Paese.

Qui erano accolti negli ospitali gestiti dalle “congreghe” religiose dove si potevano ritemprare lo spirito e il corpo prima di proseguire verso la città eterna.

Iniziava, a questo punto, l’attraversamento del percorso appenninico, quello più pericoloso e insidioso, lungo oltre 500 km.

Ma Intanto si godevano le bellezze del borgo arquatese con le sue chiese, i suoi imponenti edifici civili e militari e si “rimettevano” in sesto.

Oggi, i moderni pellegrini, arrivano alle porte del borgo in auto, in camper, in corriera e raramente a piedi e raggiungono la grande piazza storica percorrendo le antiche vie, sbirciando nelle vetrine del “commercio”, sorseggiando un buon caffè, consumando un rapido spuntino con un panino farcito con la coppa accompagnandolo con un buon bicchiere di monterosso o di gutturnio. Qualcuno, meno frettoloso, approfitta anche dell’offerta di servizi di ristorazione e di alloggio, visita i musei e si sintonizza maggiormente con quei tempi e con le atmosfere dei luoghi.

La cittadina presenta ancora le sue magnificenze antiche, i suoi tesori, il suo carico di storia e cultura.

A Castell’Arquato l’ospite o il pellegrino non subisce la classica “aggressione” acchiappaturisti perché la sua visita viene rispettata, perché qui non c’è trucco, tutto è vero…da sempre.

Castell’Arquato soffre, come altri luoghi della provincia, della mancanza di una regia turistica almeno provinciale. Ma questo è un altro discorso.

Per il pellegrino diretto a Roma, per il turista, per il viaggiatore questo luogo val sempre una visita… val sempre un soggiorno.

* questo nostro post quando apparse nel 2009 in un blog che abbiamo “esaurito”, in un anno, venne visionato 6000 volte. Lo riproponiamo con qualche piccolo aggiustamento e foto diverse.

Quelli che il turismo…

2013-11-07-c.arquato-LR -7939Ohhh…anche quest’anno sono arrivati novembre, le nebbie, il freddo e finalmente possiamo parlare, ancora solo ri-parlare, di turismo nostrano senza rompere le uova nel paniere degli operatori durante la “stagione”. A dire il vero di turismo in valdarda se ne parla da sempre in convegno e riunioni varie. Il fatto è che se ne parla ma non si va mai avanti. Continua a leggere “Quelli che il turismo…”

Mignano 2014: tanta acqua, alborelle, cavedani, barbi e relax

lago di mignano-vista superiore
lago di mignano-vista mezzana del lago

Formato dal torrente Arda,  che poi attraversa tutta la provincia di Piacenza nascendo dagli Appennini tra Parma e Piacenza sul Monte Lama, il Lago di Mignano è un bacino artificiale costruito tra il 1919 e il 1934 con lo scopo di irrigare i campi a valle dell’invaso e di produrre energia idroelettrica . Continua a leggere “Mignano 2014: tanta acqua, alborelle, cavedani, barbi e relax”

Turismo a Piacenza e in Valdarda: qualcosa di nuovo?

castell'arquato vista sul centro storico
castell’arquato vista sul centro storico, sulla via dei monasteri regi

Andando a ritroso nel tempo abbiamo rivisto uno studio della nostra Provincia del 2009 sul fenomeno turistico locale. Da tale interessante documento abbiamo estrapolato alcuni dati, che potrebbero essere attuali,  simulando una specie di dialogo tra noi e il  “relatore della Provincia”

Domanda (ispirata dal contenuto della pag.22 della relazione):  chi sono i turisti che frequentano Piacenza e Provincia? Continua a leggere “Turismo a Piacenza e in Valdarda: qualcosa di nuovo?”

Fiera fredda: altre foto e notizie dalla più bella edizione degli ultimi 10 anni.

fiera fredda lugagnano
fiera fredda lugagnano: la torre nera ( alta val nure) produce patate nostrane di montagna.

Ancora un breve post con un po’ di foto per ricordare quest’edizione straordinaria della fiera fredda.

Nella sala conferenze esponevano artisti locali… e c’era una mostra fotografica allestita dalla scuola locale  con uno straordinario campionario di orchidee immortalate dal fotografo Remo Schiavi. Continua a leggere “Fiera fredda: altre foto e notizie dalla più bella edizione degli ultimi 10 anni.”

Terme di Bacedasco: un patrimonio popolare in malora…

recuperiamo le termeSulle Terme di Bacedasco abbiamo detto già tanto ma non abbastanza…Oggi anche Libertà ne parla con due articoli ben impostati che evidenziano tre cose. Continua a leggere “Terme di Bacedasco: un patrimonio popolare in malora…”

Morfasso: cavalli bardigiani in mostra e in festa…

morfasso festa cavalli 13Domenica 5 maggio, per tutto il giorno, a Morfasso si svolge la tradizionale rassegna provinciale  del cavallo bardigiano ampiamente allevato in valtolla e in tutto l’Appennino piacentino e parmense.

La mostra si apre nella mattinata,  dopo le 9,  con l’arrivo dei cavalli e con le prime valutazioni. Il clou della manifesatazione al pomeriggio con le premiazioni dei cavalli più belli e lo spettacolo equestre. Quella di Morfasso è la prima manifestazione provinciale del 2013 dedicata al nostro equino nostrano, che sta riscuotendo un crescente successo anche come cavallo da turismo (treekking).

Per mezzogiorno funzionano anche gli stand gastronomici a cura della proloco.

L’alta valdarda domenica prossima ospita, quindi, due importanti avvenimenti turistici: La mostra del cavallo e la giornata dei cammini francigeni. Una buona giornata in valtolla!

 

Morfasso: scelte per il turismo.

cartina-valdarda
cartina della valdarda-valtolla; clic per ingrandire

Oggi, 6 gennaio 2013, leggendo “libertà” ci siamo soffermati sull’articolo che parlava dell’affidamento, da parte della provincia al comune, del “rifugio del parco” e dei progetti del sindaco sulla gestione di questa e altre strutture “pubbliche” destinate al turismo.

Rileggendo bene l’articolo abbiamo colto idee molto interessanti che brevemente riportiamo…..
«Sono contento e soddisfatto del fatto che la Provincia abbia avuto fiducia nel comune di Morfasso – dice il primo cittadino -: è un passo importante…Ora, cerchiamo una famiglia o un privato a cui affidare i locali, nell’ottica di incrementare il turismo….La nostra sfida alta è quella di trovare qualcuno all’altezza della situazione, che contribuisca al raggiungimento di un ottimo risultato. Il parco è un’opportunità per il territorio, da poter sviluppare. Vogliamo mettere tutte le nostre strutture in rete: gli ostelli di San Michele, Monastero (la trattativa per l’affidamento è in corso), Casali (l’affidamento della gestione è previsto per la primavera), insieme ai nuovi immobili del parco, saranno i quattro motori per portare turisti sul nostro territorio». Continua a leggere “Morfasso: scelte per il turismo.”

Turismo nella provincia di Piacenza: consapevoli?

il parco provinciale, vecchia cartolina..clic per ingrandire
il parco provinciale, vecchia cartolina..clic per ingrandire

Pochi giorni fa è stato firmato un protocollo tra 24 comuni piacentini*, le associazioni di categoria dei commercianti, industriali e degli agricoltori, la Diocesi e la Provincia di Piacenza che si pone l’obiettivo di valorizzare il nostro patrimonio storico-culturale e gastronomico al fine di incrementare il turismo valorizzando, per l’occasione, i percorsi “francigeni” che, nella provincia, sono almeno tre.

Per leggere il resto clicca qui!

Immagini dalla valtolla (dagli amici di FB)…

valdarda di angela da vitalta (FB) (clic per ingrandire)
valdarda di angela da vitalta (per FB) (clic per ingrandire)

Alune immagini che appaiono sui profili degli amici di facebook (FB) ci colpiscono sempre e segnalarle tutte diventerebbe un’impresa ardua.

Oggi ne pubblichiamo alcune, giusto per darvi qualche assaggio, che riteniamo belle e/o significative. Solo alcune…una minima parte di quelle che meritano il nostro “mi piace”.

Se invece volete fare un vero tour virtuale attraverso le immagini più belle e caratteristiche della nostra provincia allora fatevi amici su facebook della comunità…Piacenza e valli.

mondine a vernasca 1951 (brigante della valtolla) da FB
mondine a vernasca 1951 (brigante della valtolla) da FB
mondine a vernasca 1950 (brigante della valtolla) FB
mondine a vernasca 1950 (brigante della valtolla) FB
 santurario di santa franca (angela tiramani FB)
santurario di santa franca (angela tiramani FB)
settesorelle ( marco giacomini FB)
settesorelle ( marco giacomini FB)
la pietra nera marco giacomini FB
la pietra nera marco giacomini FB
bacedasco alto di remo schiavi FB
bacedasco alto di remo schiavi FB
santa franca monika rossi FB
santa franca monika rossi FB