La ragazza e il direttore (ovvero quante storie per un piccolo agriturismo)

clicca per ingrandire

 

“Quante storie per un piccolo agriturismo di collina” scriveva nei giorni scorsi “Libertà” che riportava la lettera di una giovane imprenditrice country .

La ragazza scriveva...

Buongiorno caro direttore, sono una piccola imprenditrice agricola della nostra provincia, vivo in una zona collinare dove produco il vino, allevo il bestiame e purtroppo dove i profitti sono quelli che sono, ma amo il mio lavoro e la mia terra.
Volevo valorizzare il luogo dove abito, dove hanno abitato i miei genitori, i miei prodotti… e mi sono detta: quale modo migliore per valorizzare il territorio se non aprire un piccolo agriturismo?
E così ho fatto o almeno ho provato a fare, il mio sogno si è subito infranto in una burocrazia a dir poco allucinante! Ma voglio fare le cose fatte bene (così mi dicevo….) dopo più di un anno da quando ho fatto richiesta mi sono sentita dire che per aprire questo piccolo agriturismo dovevo montare un filtro per gli scarichi in linea con le direttive della Regione Emilia Romagna del costo di oltre novemila euro! Pensi che se fossimo in Piemonte la spesa sarebbe di qualche centinaia di euro!

clicca per ingrandire


Ed io, caro direttore, che per aprire questo agriturismo ho cercato di fare tutto nella norma, non ho chiesto nessun finanziamento, nessun aiuto di nessun genere, devo spendere questa cifra spropositata? Le sembra giusto? Noi giovani agricoltori ci sentiamo spesso dire che bisogna valorizzare il territorio, i nostri prodotti, che bisogna incentivare i giovani che intraprendono questa professione, ma sono tutte parole! Scusi lo sfogo direttore, ma penso che sarò costretta a “gettare la spugna” ed annullare tutto!
firmato: Daniela

Il direttore rispondeva…. Continua a leggere “La ragazza e il direttore (ovvero quante storie per un piccolo agriturismo)”

Valtolla: troppo breve il tempo turistico…

A PROPOSITO DEL POST DEL 17 FEBBRAIO  2011….scrive un amico operatore turistico “ ….Io ci ho provato ad aprire alla collina un piccolo albergo . Ti do solo questi numeri: Preventivo 280.000 euro, finanziamento regione 100.000 (fondo perduto) il resto a mio carico Allora 150.000 finanziati dalla banca restituibili in 15 anni diventavano 200.000……e quanti clienti avrei dovuto fare per ammortizzare…..il nostro lavoro nelle colline inizia a fine scuola e finisce a settembre,  troppo breve il tempo turistico….”

Partiamo dall’ultima, sacrosanta, affermazione: il nostro lavoro nelle colline inizia a fine scuola e  finisce a settembre,  troppo breve il tempo turistico…. Continua a leggere “Valtolla: troppo breve il tempo turistico…”

Agriturismo ” la cassinetta ” di Morfasso: viaggio gastronomico in valtolla (6 del 2010)

clicca per ingrandire (valtolla temporary iPhoto)

Non era un viaggio previsto, non era programmato…è stato casuale.

Nella terra morfassina di Teruzzi ….poco distante dalle pendici del “dolomitico” Monte Menegosa, in una bellissima zona è ubicata l’azienda agricola ” la Cassinetta” che è anche un agriturismo eccellente.

Un vero agriturismo..di montagna, una vera azienda agraria.

Le attività turistiche sono stagionali dal 1° Aprile al 31 Ottobre, quelle agricole perenni.

Claudio segue in prima persona l’agricoltura, taglia e vende legna da ardere e si dedica a tante coltivazioni e allevamenti ( cavalli, animali da cortile, tartufi, funghi…legna, frutti, ecc……).

Il menù è quello buono, quello curato da Elena…. Continua a leggere “Agriturismo ” la cassinetta ” di Morfasso: viaggio gastronomico in valtolla (6 del 2010)”

Agriturismi si, agriturismi no ? In valtolla e nelle valli circostanti come siamo messi?

 
 

archivio fotografico web

Com’erano un tempo gli agriturismi?

 

Spesso erano ospitalità in cambio di qualche lavoretto stagionale (per poche ore al giorno) e…. poca spesa.

Come sono ora molti agriturismi? Alberghi e ristoranti di campagna ……o cose simili.

Al di la di queste semplici e, ammettiamolo, un po’ estemporanee considerazioni vi sono questioni ad approfondire.

Il rischio maggiore quando si parla di agriturismo è quello di intenderci.

La prima domanda ricorrente è: sono tutti veri imprenditori agricoli (aziende agricole) i gestori degli agriturismo italiani?… Continua a leggere “Agriturismi si, agriturismi no ? In valtolla e nelle valli circostanti come siamo messi?”

GIUDIZIO SOSPESO

L’inaugurazione della Torricella di Lugagnano in Valchiavenna , le vecchierie e il mercatino bio di Castello, in un contesto dove la primavera stenta…..ci fanno propendere per una sospensione del giudizio su questi avvenimenti  perché avremo modo di riparlarne.

Valuteremo come saprà caratterizzarsi il mercatino arquatese!

Sappiamo che anche senza fare quasi nulla il borgo attira, nelle belle giornate primaverili, molti visitatori e che uno dei problemi è proprio quello di accogliere tali “ospiti” con eventi interessanti e “variopinti”: esposizioni artistiche, rievocazioni storiche, iniziative enogastronomiche, commerciali, del tempo libero, dello sport….ecc….

Ma tutto il “turistico” arquatese non può essere relegato alla toccata e fuga di un pomeriggio.

la torricella (clicca per ingrandire)

Il successo permanente di tale iniziativa ( delle iniziative di questo genere) è ciò che auspicano tutti!..Ma per il successo definitivo molto dipenderà dall’organizzazione, dalla bontà espositiva, dalla tipizzazione dell’evento, dal contesto……dalla risposta del Paese.

Per quanto attiene a Lugagnano: dal nulla o quasi si stanno “inventando” molto e anche bene!

Lasciamo che la Torricella ( ad ognuno il suo castello!!) decolli…che si colleghi proficuamente con il suo territorio, con il patrimonio naturale e ambientale, con la sua vitivinicoltura (tutta di pregio!), con le sue tradizioni e……..

L’ approccio della nuova amministrazione alla realizzazione di un contesto turistico comprensoriale è positivo….ha ragione il Sindaco quando parla del delfino fossile a definirlo  ” non il delfino conteso… ma il delfino delle opportunità”

Hanno ragione se pensano a questa struttura come “vetrina “, luogo d’incontro, luogo didattico…..

Castell’Arquato e la Valchiavenna, se si rinuncierà a “vampirismi” , campanilismi inutili e amenità del genere insieme alle altre magnifiche zone limitrofe, potranno dare dar vita ad un progetto turistico copmprensoriale di grande prospettiva….ma l’impegno necessario per riuscire in questo disegno strategico è tanto e di tutti! Regione e Provincia permettendo.

Per ora non possiamo che notare come, i nuovi sindaci (e i loro stretti collaboratori), ……sappiano muoversi…..coinvolgere…..unirsi…..parlarsi….al di la dei ” colori”.

VALTOLLA: LEARN AND LUNCH TOGETHER ???

Girando per il nostro belpaese si scoprono tante belle cose….e tante iniziative “turistiche ” interessanti.

Ci ha incuriosito un depliant che recitava ” INGLESE IN 2 WEEK END ”  proposto da una cascina agrituristica della Lombardia.

La formula era la seguente: ” learn and lunch together “….ovvero “imparate e pranzate insieme” ..In un contesto naturale, ove regna la tranquillità, la pace, è possibile unire la volontà di imparare al piacere di gustare tutti insieme i sapori della cucina locale, tradizionale e genuina……

Le tecniche utilizzate sono: how are you?; lingua preverbale; metodo intuitivo e induttivo; dialoghi, canzoni; meditazione.

valtolla classica (clicca per ingrandire)

A noi non interessa entrare nel merito della proposta e delle tecniche ma ci piace sottoporvi l’idea: in 4 giornate ( due week end) si armeggia con l’inglese assunto nel corso di una full immersion nella natura, nella campagna, pranzando con prodotti tipici locali…ecc…..

Molti operatori o associazioni locali (forse) ci avranno pensato ma……..

Per inciso: l’azienda è inserita in un parco naturale, ha realizzato un piccolo museo contadino interno, ha una bella aula attrezzata, ha percorsi didattici per ragazzi e adulti, produce mais e cereali, alleva pollame e affitta piccoli alloggi indipendenti ( in piccole casette rurali) per 230€ a persona per una settimana (circa 35 € al giorno).

Questa non è pubblicità e pertanto non vi diamo nessun indirizzo ma vi segnaliamo l’idea…..che in valtolla…nella grande valtolla troverebbe ambianti più che adatti….

Valtolla, valdarda, valchiavenna……non importa ma ….

VALTOLLA: LEARN AND LUNCH TOGETHER ???

AGRITURISMO: LE DOMANDE PIU’ FREQUENTI!

DI MAURO FINI ( Servizio Territorio Rurale, Regione Emilia-Romagna) ripreso dalla rivista agricoltura

Di seguito riportiamo le domande (e le risposte) che più frequentemente vengono poste da coloro che vogliono intraprendere un’attivita agrituristica.

Chi può aprire un agriturismo?

Tutti gli imprenditori agricoli di cui all’art. 2135 del Codice civile che svolgono attività agricola e dispongono di un fabbricato esistente sul fondo alla data del 15 aprile 2009 da ristrutturare.

Per aprire un’azienda agrituristica si deve obbligatoriamente offrire pernottamento e/o ristorazione?

Tutte le attività agrituristiche previste dalla legge regionale 4/2009 (dare ospitalità, somministrare pasti e bevande, organizzare degustazione di prodotti aziendali, organizzare attività ricreative, culturali, sociali, didattiche, di pratica sportiva, escursionistiche e di ippoturismo) possono essere svolte disgiuntamente. È pertanto l’imprenditore che, nel rispetto delle norme di connessione e complementarietà, decide quale servizio offrire.

Si può cedere a terzi la gestione della sola azienda agrituristica?

L’attività agrituristica è connessa e complementare all’attività agricola. L’imprenditore agricolo e l’imprenditore agrituristico devono essere il medesimo soggetto: quindi è impossibile gestire un’azienda agrituristica senza essere anche imprenditore agricolo.

Per la preparazione dei pasti nell’azienda agrituristica si possono usare….. Continua a leggere “AGRITURISMO: LE DOMANDE PIU’ FREQUENTI!”