Valtolla: le nostre storie alto-medioevali

clicca per ingrandireFino a pochi anni fa era più difficile trovare libri e documenti  scritti in italiano moderno che parlassero di storia locale antica, della storia delle nostre origini.

Dal 1999 ha riempito il vuoto la rivista “quaderni della valtolla” di Vernasca che nella sua pur ancora breve attività ci ha deliziati di importanti ricerche e saggi di storia locale praticamente a 360° : dal Medioevo antico… al primo dopoguerra.

I suoi collaboratori, illustri collaboratori, hanno tracciato una mappa storica unica andando a “vivisezionare” centinaia di vecchi documenti custoditi …ovunque per ricavarne ricostruzioni esemplari; la rivista ha pubblicato importanti ricerche storiche di riconosciuti storici piacentini.

Proprio in questi giorni il blog della rivista citata ” quaderni della valtolla” ha pubblicato ( sarebbe meglio dire ha omaggiato i suoi lettori) un documento veramente unico scritto nel 1988 dal prof. Giacomo Coperchini dal titolo ” toponimi altomedioevali della val d’arda

Riprendiamo un brevissimo frammento….l’intero documento in versione PDF è scaricabile dal blog citato che lo ha pubblicato l’8 maggio ( l’acceso diretto è presente anche sui nostri widget laterali)……

I TOPONIMI TOLLENSI

Come per i Monasteri di Bobbio e Mezzano, nella fondazione di quello di Tolla, le autorità longobarde devono aver ceduto un vasto territorio demaniale[1] per costituire la Valle in quo situm est Monasterium. Pertanto tutti i toponimi, riportati nelle donazioni regie o nelle riconferme papali e imperiali, devono essere considerati esterni a tale Valle[2].

La “primitiva” Valle deve essere stata costituita dalla attuale parrocchia di Monastero con la lunga propaggine verso la Val Chero, civilmente inserita nella parrocchia di Veleia di Lugagnano[3]. (Propaggine ancora più evidente quando San Michele non faceva ancora parte del comune di Morfasso).

Nell’808 il Monastero risulta, in tale zona, confinante della estesissima corte regia di Gusano, donata, da Carlo Magno, al Vescovo di Piacenza Giuliano.

Doveva essere compresa nella “Valle” anche una parte di Settesorelle di Vernasca, nel territorio della pieve di Sant’Antonino di Castro Firmo (vedi sotto), ma non nella sua diretta dipendenza, poiché nell’823 risulta, che i porcari della corte vescovile di Carpaneto devono cedere al Monastero un settimo dello scatico[4] dei boschi di Septemsorores.

Lo stesso discorso vale per Castelletto e Vezzolacca di Vernasca, poste al di là dell’Arda (rispetto a Monastero). È noto dai “Quaderni della Val Tolla”[5] la non completa e totale soggezione canonica delle due località alla pieve di Castell’Arquato.

A conferma di tale ipotetica situazione, si rileva che le “Valli” dei Monastero di Bobbio e di Mezzano comprendevano territori oltre il Trebbia. Se per i due monasteri, i documenti imperiali e regi richiamano la “Valle in quo situm est monasterium”[6], per Tolla ciò non avviene in modo esplicito.

NOTE:

[1] Si tenga presente che già al tempo dei Romani, come risulta dalla Tabula Alimentaria Traianea, nell’area presso Veleia erano presenti beni del demanio imperiale (Imperator noster), come ha evidenziato GIULIA PETRACCO SICARDI.

[2] Quando si è formata civilmente, la Valle di Tolla, questa arrivava fino a Groppo di Gora.

[3] Il Capitano Boccia [cfr. ANTONIO BOCCIA: Viaggio ai monti di Piacenza (1805), (a cura di CARMEN ARTOCHINI), Piacenza, 1977, p. 58], riferisce che Carignone (e Lago) dipendeva dai “comuni” di Olza e Monastero). Si fa presente che nel 1805 non erano ancora stati istituiti i comuni, con le varie frazioni, come li intendiamo attualmente.

[4] Lo scatico doveva essere un compenso per l’uso del bosco altrui nell’allevamento dei porci.

[5] ANGELO CARZANIGA: Sant’Andrea del Castelletto, Divagazioni sulla prima chiesa, Vernasca, 1999, pp. 49-71.

[6] Per Bobbio si definiscono dettagliatamente i confini.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...