Valtolla: basta con gli sprechi, anche 100 € possono bastare!

campo catalogo? (clicca per ingrandire)

Pochi giorni fa(il 3 giugno) siamo andati a fare un bel giro nella nostra valtolla, nella lussureggiante valtolla’s country e ci siamo imabattuti, per la seconda volta nel corso di un anno, in un “campo catalogo” del programma Leader II della Comunità europea, Soprip spa e Regione Emilia Romagna..ecc…

Ci siamo soffermati a curiosare e abbiamo riflettuto attentamente su quanto recitava il grande cartello che stava al margine dello stesso campo (che abbiamo riprodotto nella foto).
Ci è venuto in mente quanto potrebbe essere costata questa iniziativa……alla nostra intera comunità.
Ma non vogliamo essere presuntuosi ne fare facile ironia perché non sappiamo se vi sono dei veri risultati da tali “esperimenti” ( in particolare da questo che abbiamo visto…così come si presentava!); a noi è sembrata un area abbandonata o quasi….con buona pace e rispetto dei protagonisti di tale iniziativa.
Ma non ci permettiamo di entrare più di tanto nel merito perché non conosciamo le origini, la storia e la gestione di tale iniziativa e saremmo ben lieti di poter pubblicare critiche e repliche al nostro stesso post; in generale il progetto del recupero delle antiche varietà di frutta locale o appenninica ci piace molto.
Rileviamo uno stato di fatto non proprio soddisfacente (forse non ci sono più finanziamenti?…Forse è caduto nel dimenticatoio? Forse….?).
Infine ci permettiamo di fare qualche breve considerazione e suggerire modeste idee:
1-        a noi il termine “campo catalogo” …chissà perché… fa venire in mente solamente la scuola! Pertanto coinvolgere la scuola primaria, intanto che c’è, in queste iniziative (insieme alle stesse cooperative agro-forestali) non sarebbe neanche male! Solamente sarebbe meglio che tali “campi” fossero più vicini alla scuola stessa…quindi più curabili e gestibili collettivamente.
2-        Sarebbe bello che nei cortili incolti o nei pressi degli stessi edifici scolastici o nelle pertinenze comunali vi fossero tali “campi” ben curati, senza erbacce, zappettati per bene…..con tanto di cartelli segnaletici fatti dagli stessi ragazzi con gli insegnanti…..
3-       Senza inventare l’acqua calda, nelle scuole potrebbe esservi anche spazio per l’iniziativa “orto in condotta”…..avvicina i ragazzi alla terra, alla campagna (anche quando si abita in campagna) ed è molto educativo; è bello far imparare amore per la nostra terra!
A noi piace l’idea di recuperare vecchie varietà di frutta; a noi è sempre piaciuta l’idea che la valtollla è natural valley; a noi piace l’idea di fare gli orti a scuola (non solo giardinaggio!)…iniziative che si fanno con  quattro soldi, magari insieme alle cooperative agro-forestali, alla comunità montana, alla soprip…..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...