monti, borghi , natura, campagna: valtolla ..

Tra pochi giorni ci lasceremo alle spalle un 2010 pieno di insidie, di crisi sociale e politica, di grave crisi economica, un anno estremamente piovoso…difficile.

 

Nonostante il nostro innato ottimismo diventa sempre più difficile parlare in positivo di sviluppo, di lavoro, di rilancio economico per la valtolla e la valdarda intera.

Tutte le volte che pensiamo allo sviluppo della vallata e rialziamo la testa [ in questi giorni di freddo il fenomeno si nota ancor più ] ci imbattiamo in una grande ciminiera che ci sbuffa addosso fumo …tanto fumo che poi si disperde in atmosfera seguendo le direzioni dei venti…..a volte verso sud, sud-ovest verso i nostri monti del crinale morfassino, verso il monte Moria,  altre volte  a est verso Vernasca, Vallongina e il  Parmense…..oppure a nord verso Castell’arquato e Fiorenzuola d’Arda ….ecc….

In poche parole nessuno, nessun territorio della valtolla ne è indenne. Piaccia o non piaccia questo è lo stato dell’arte!

Tutte le volte che gironzoliamo per la vallata per comprendere, proporre, descrivere le bellezze naturali e artistiche, da Vigoleno al Parco provinciale, da Castell’arquato a Teruzzi ci imbattiamo in frane vecchie come il “cucù”, mai risolte, sempre oggetto di aggiustamenti parziali e intempestivi; frane vecchie alle quali  si sono aggiunte quelle più recenti che rischiano, nostro malgrado, di invecchiare a loro volta …. irrisolte come le altre.

Si tratta di frane, in alcuni casi, enormi che rendono la vallata estremamente difficile……da vivere e da frequentare.

Capita sempre più spesso di trovarci di fronte a strade chiuse, transennate, senza protezioni ….che ci obbligano a scoraggianti retrofront o improbabili percorsi alternativi.

Capita sempre più spesso che in autunno e in inverno esercizi pubblici siano costretti a chiudere per mancanza di clienti scoraggiati da queste situazioni viabilistiche [ ma a chi verrebbe voglia di andare a Marsaglia con il rischio di trovarsi di fronte alla strada che “erutta” sassi ?] pericolosissime.

Nonostante le nostre indubbie bellezze, che citiamo sempre,   ……è dura…molto dura!!

Ma non scoraggiamoci e andiamo avanti cercando di cogliere il positivo e il reale per non soccombere sotto l’effetto di questa miscela di deturpazione territoriale-disastri ambientali-crisi sociale ed economica che è sotto gli occhi di tutti.

Nell’astrologia cinese abbiamo imparato che ogni anno  si caratterizza per un influsso astrale  ……il 2011 sarà l’anno del gatto ….per la valtolla sarà l’anno del cucù? (1-segue)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...