Nostalgia per i vecchi tempi? No grazie!

stefano bruzzi, scene di vita contadina di fine 800
stefano bruzzi, scene di vita contadina di fine 800

Non abbiamo, come  già detto nel nostro recente editoriale di ripresa del blog, alcuna nostalgia del tempo passato. Non è vero che allora si stava meglio. Stiamo tutti meglio oggi!

I nostri figli stanno sicuramente meglio dei loro nonni (in tanti casi anche dei loro genitori, cioè noi) e non si possono nemmeno fare paragoni.  I nostri ragazzi vivono in case con acqua corrente e calda, i loro nonni non sapevano nemmeno cosa significasse.  Molti dei loro nonni e/o nostri genitori hanno convissuto per lunghi anni di guerra e militare con pulci, scarafacci, topi e fame, tanta atavica fame che non riuscivano mai a soddisfare completamente. Continua a leggere “Nostalgia per i vecchi tempi? No grazie!”

Dante e il suo viaggio ….fotografie di una serata…

clicca per ingrandire

 

Giovedì sera 24 marzo, presso l’oratorio di Lugagnano val d’Arda [il magnifico oratorio], si è conclusa la manifestazione “dantesca” promossa dal Comune.

Lo spunto dantesco per parlare del viaggio nel medioevo, sui lunghi viaggi, sull’importanza delle vie di comunicazioni …rileggendo le fonti documentali presenti tra Fiorenzuola, Vigoleno e Castell’Arquato.

Così il prof. Pallastrelli Massimo ci ha introdotto alla Divina Commedia di Dante.

clicca per ingrandire

Non prima di averci raccontato dei numerosi viaggi  del Poeta medesimo a Milano, a Verona,  a Bologna, nel Casentino [Appennini Toscani] in esilio e non solo…

Dante scrive la sua grande opera, la sua opera universale attraverso un viaggio “immaginario” a contatto con l’uomo e la sua spiritualità.

Il prof.re descrive il mondo dantesco in maniera chiara: la terra piatta ma rotonda [scherzosamente aggiunge come una pizza…] con una voragine a imbuto che rappresenta l’Inferno che termina con Lucifero incastrato centro della Terra. Continua a leggere “Dante e il suo viaggio ….fotografie di una serata…”

Appennino delle 4 province

copertina di "Appennino delle 4 province" (clicca per ingrandire)

 

di sergio valtolla

Pochi giorni fa ho conosciuto un editore, scrittore e fotografo che si chiama Fabrizio Capecchi …..http://www.fabriziocapecchi.it/

Sono partito scrivendo una e-mail chiedendo dove avrei potuto acquistare il suo libro  ” Appennino delle 4 province  ” e ci siamo incontrati perché capitava a Piacenza e c’era la possibilità di averlo immediatamente dallo stesso autore.

Ci siamo ritrovati a Piacenza in Piazzale Milano [ quello che ha nel mezzo la statua dei pontieri….e che si incontra venendo dalla Lombardia appena attraversato il Po ] e ci siamo accomodati nel bar del film di Bellocchio ” i pugni in tasca ” …ve lo ricordate …uno dei suoi primi capolavori con Lou Castel, girato tra la Valtrebbia, Bobbio e Piacenza.

Vi ricordate la scena dove inquadrano il bar di allora proprio di fronte all’ex hotel  Milano ….?

Fabrizio mi ha mostrato e illustrato le sue fatiche e così ho scoperto un grande lavoro, paziente e ben fatto.

Alla fine sono venuto a casa con 4 libri e non so dirvi qual’è il più bello!

” Fra Trebbia Aveto e Taro “, “Un’isola tra i monti ” , ” Le vie del sale” e quello citato ” Appennino delle 4 province  “

Alla fine sono rimasto colpito moltissimo da tutti ma la mia predilizione la assegno….. Continua a leggere “Appennino delle 4 province”

Lugagnano val d’arda e i suoi piccoli cittadini..

Il Comune di Lugagnano ha da sempre avuto a cuore il ben – essere dei propri “piccoli cittadini” mettendo in campo azioni e servizi a loro favore, investendo diverse risorse, prova concreta dell’attenzione verso questo momento dell’età evolutiva.
In questo si colloca l’iniziativa del prossimo 27 novembre [ di cui si allega programma in calce all’articolo], in occasione dell’inaugurazione della Mostra sui Nidi di Piacenza e Provincia (inaugurata lo scorso 11 giugno a Piacenza per ricordare il decennale dell’art. 1 sui Nidi), che si terrà presso l’Oratorio di Piazza IV novembre, saranno attivate alcune iniziative collaterali.
Nella stessa giornata di sabato sarà collocata, temporaneamente, nella sala delle Conferenze una sezione della Biblioteca Comunale, rivolta in particolar modo alla prima infanzia.

La Biblioteca sarà attivata con lo scopo di …… Continua a leggere “Lugagnano val d’arda e i suoi piccoli cittadini..”

Il crocefisso e la politica

clicca per ingrandire...

Manca, nel titolo..la cultura!

Ma il relatore saprà come incorporre tra il sacro e il sacrilego ( la politica?) anche la mediazione..cioè la cultura.

Andremo ad ascoltare Roberto Talgliaferri che ne sa una più del diavolo.

Nel palazzo del podestà, piazza monumentale di Castell’arquato, Venerdì 12 novembre ore 21 ( rammentate il 12 e non il 19 come era previsto…).

Questa è una conferenza sul “nostro” senso civico! Imperdibile.

I celto-liguri in valtolla: parole e termini ancora usati nelle nostre valli

arrivano i celti-liguri (clicca per ingrandire)

Vi sono termini antichi, celto-liguri, che abbiamo “scoperto nel web” e che sono giunti a noi, che erano in uso prima ancora che qui arrivassero i “ civilizzatori” romani.

Ci è sembrato utile e interessante pubblicarli senza, per questo,  avanzare alcuna pretesa culturale o  garantirne l’autenticità.

Noi li riprendiamo dal web e basta!

L’eventuale giudizio spetta a noi tutti….tutti NOI valtollensi/valdardesi.

Prima di entrare nel dettaglio occorre premettere che [spesso] l’attuale fonia ha cambiato molti termini antichi, li ha “ imbastarditi” ma, in gran parte dei casi, sono ancora utilizzati “ tali e quali “ come al tempo.

Per quanto ci riguarda i termini sottoriportati  sono attualissimi, usatissimi……tanto sono antichissimi!

TERMINI CELTO-LIGURI

 Arzèntò [ Arsentè, oppure arsinté]: potrebbe essere legato a……. Continua a leggere “I celto-liguri in valtolla: parole e termini ancora usati nelle nostre valli”

Quaderni della valtolla: manca una settimana…

clicca per ingrandire

A Vigoleno Sabato prossimo, 18 Setttembre alle ore 16, verrà presentato il numero XII della rivista di storia ” quaderni della valtolla”.

Un evento culturale ” tradizionale” che si ripete  ogni anno dal 1999 e richiama numerosissimi appassionati di storia locale, semplici cittadini e  amministratori locali interessati ad ascoltare gli autori dei saggi, i redattori della rivista e ad acquistarne una copia in diretta.

Lo scorso anno a Lugagnano e quast’anno a Vigoleno presso l’oratorio delle grazie presenti gli autori e la redazione vi saranno anche intermezzi musicali di musica classica suonate, con  flauto traverso,  da Valeria Rossetti  e musica popolare suonate con la piva da Riccardo Gandolfi.

LA VALTOLLA PRODUCE CULTURA! IMPORTANTE ESSERCI, PARTECIPARE, ACQUISTARE LA RIVISTA.

( maggiori info sulla rivista si possono reperire attraverso il blog ” quaderni della valtolla ”   inserendo nella barra degli indirizzi del vostro browser …    http://quadernivaltolla.wordpress.com/)

Ricordi della scuola di un paese della valtolla-valdarda, ricordi da ragazzo….

I banchi erano alti e di legno smaltato di azzurro ma restavano “immacolati” per poco tempo.

Dovevano contenerci tutti, stavamo stretti l’uno all’altro e non vi erano problemi di “odori” perché eravamo tutti uguali: “puzzavamo” di stalla e di campagna.

In inverno la ricreazione la facevamo nel corridoio dove giocavamo a spintoni e alla cavallina, ridevamo e urlavamo come i matti…ma con le maestre eravamo educati.

Parlavamo in dialetto, era la nostra lingua dalla nascita e, per scaldarci, portavamo ogni giorno un pezzo di legna ciascuno dentro nella cartella.

Il posto più ambito dell’ aula era vicino alla finestra, una delle due grandi che ogni aula aveva e che lasciavano filtrare il mondo esterno e… uscire i nostri sogni, la nostra spensieratezza infinita da fanciulli.

In primavera ci piaceva osservare l’arrivo delle rondini che …. Continua a leggere “Ricordi della scuola di un paese della valtolla-valdarda, ricordi da ragazzo….”

Veleja (Velleia romana): dai secoli d’oro, al mistero, al teatro nella valchero e nella valtolla.

lella costa a velleia romana il 25 Giugno

Premessa

Il 25 giugno 2010 alle 21,30,  a Velleia Romana si inizia con una strepitosa Lella Costa che apre il festival con il suo ultimo, irresistibile monologo comico, raccontandoci in modo originalissimo il mito di Orfeo ed Euridice a partire dalle riscritture di autori come Rilke, Cvetaeva e soprattutto Calvino che ci consegna una Euridice “altra” ostinata a voler abbandonare la sicurezza di una casa per avventurarsi ne “le lande desolate del fuori”.

I secoli d’oro e il mistero

Molti di Noi sanno che Veleia… Continua a leggere “Veleja (Velleia romana): dai secoli d’oro, al mistero, al teatro nella valchero e nella valtolla.”

Velleia romana, veleiateatro 2010…val d’arda, val chero….

Ritorna la stagione di prosa a Velleia romana, nel sito archeologico più importante del nord Italia (che noi ci ostiniamo a chiamare “veleja”).

Si comincia con Lella Costa…poi arriva Albertazzi.

Si inizia il 25 giugno e si finisce il 16 luglio…..4 spettacoli alle ore 21,30 in uno scenario unico e suggestivo.

Il sito è stato oggetto di recente restauro……ma il progetto va ancora avanti.

Per il programma, le prenotazioni e altre info si puo accedere al sito degli eventi veleiati citati (veleiateatro.com) cliccando direttamente  sul sottostante codice.

clicca sul codice >>>> #mce_temp_url# <<<<<<

Valli piacentine, valtolla e il ciclo della casa…

clicca per ingrandire

Vi sono radici che ognuno di noi ricerca tutta la vita…; vi sono epopee che coinvolgono generazioni che si svolgono in ambienti (o scenari) che non dimenticheremo mai!

Non importa se gli altri li giudicano belli, brutti o squallidi…perché sono o erano una parte del nostro mondo, delle nostre esperienze ….così ognuno di noi potrebbe vivere da nababbo in America ma alla fine sentirebbe un attrazione talmente forte della terra che ha calpestata per prima….che farebbe il possibile per tornarvi almeno una volta anche dopo aver trascorso 50 anni in terra straniera.

Le nostre epopee, quelle della val d’arda, delle valli piacentine ruotano attorno ai paesi, ai piccoli borghi, alle campagne, ai boschi…

La casa, i campi, i boschi, le stagioni…la luce diversa si stampano in maniera indelebile nella nostra mente e non possiamo più rimuoverli….possiamo tentare…ma non ci riusciremo….

C’è un libro che lo racconta bene, è un capolavoro di illustrazioni, di testi ben scritti….un breve racconto per ragazzi…ma siam tutti un po’ ragazzi! Sempre.

Il libro in questione è ” casa del tempo” di Roberto Innocenti e Roberto Piumini edito da la margherita edizioni.

Un libro di grandi dimensioni, da sfogliare, leggere e riflettere….lasciarsi andare….perché questa è anche un epopea che hanno vissuto le generazioni che ci hanno preceduti, che vivremo noi e……

LA FIÖLA DAL MÜLNÂR …..di Valente Faustini.

clicca per ingrandire

Dal bel sito internet di Giorgio Zanetti dal Canada ( in google inserite “giorgiozanetti canada”) abbiamo preso in prestito questa poesia del nostro grande poeta Valente Faustini del quale tracciamo un brevissimo ritratto.

Nacque a Piacenza il 4 marzo 1858 …. frequentò le scuole elementari presso un istituto piacentino e a 11 anni fu inviato al collegio Maria Luigia di Parma.  Nel 1877 passò all’Accademia scientifica letteraria di Milano dove, nel 1882, conseguì la laurea in Lettere con una tesi su “L’amore di Cino da Pistoia”.

Nel 1879 indossò la divisa del 35° reggimento fanteria; il resto della sua vita trascorse senza avvenimenti di particolare risonanza: fu insegnante di lettere al ginnasio piacentino e il 24 aprile 1922 fu stroncato da una polmonite.

Durante la sua vita non  mancarono i riconoscimenti, ma niente lo allontanò dai valori semplici della sua terra.

Nei suoi versi abbiamo l’eco dei fatti del tempo, fatti piacentini ma anche nazionali….. Continua a leggere “LA FIÖLA DAL MÜLNÂR …..di Valente Faustini.”

AGORA’: UN CRESCENTE SUCCESSO! …UN MIRACOLO?

Se ci chiedessimo quanto i giovani siano vicini alla politica ci sentiremmo dire le solite, trite e ritrite, cose.

Ai giovani interessa solamente la discoteca, il grande fratello, il divertimento, sono razzisti, sono dei mammoni, non si impegnano…..e amenità simili. Le stesse identiche cose di dicevano quando avevamo 20 anni…e di tempo ne è passato..

Noi non crediamo sia così!Continua a leggere “AGORA’: UN CRESCENTE SUCCESSO! …UN MIRACOLO?”