Arturo…viva la vita!

antica chiesa castelletto valtolla 2012 (Arturo Croci, presidente..)
antica chiesa castelletto valtolla 2012 (Arturo Croci, presidente..)

Il nostro caro amico Arturo ha avuto un problema di salute …in via di superamento. Editore, giornalista, divulgatore-specialista di floricoltura premiato in ogni parte del mondo. Direttore responsabile della rivista di storia locale ” quaderni della valtolla”. Lo abbiamo rivisto qualche giorno fa nella sua casa di Mocomero in buona ripresa…

Una roccia! Viva la vita Arturo.

CLICCA QUI PER LEGGERE IL SUO RACCONTO SUL MALORE …

Valtolla: Il matrimonio di Sarika e Stefano presso l’antica chiesa…

StefanoSarika1BW Sposi_Snapseed_FotorStefano Pini e Sarika Marvin, residenti a Londra, in Inghilterra, lo scorso 6 luglio sono stati uniti in matrimonio presso l’Antica Chiesa di Sant’Andrea da Padre Don Rocco Viviano; concelebranti: Don Natale Croci, Don Alphonse Lukoki, Padre Ennio Casalucci. È il primo matrimonio che si svolge dopo lo spostamento delle funzioni religiose nella Chiesa di Sant’Andrea alla fine degli anni quaranta. Continua a leggere “Valtolla: Il matrimonio di Sarika e Stefano presso l’antica chiesa…”

Il nostro Vescovo Gianni oggi era con noi, in Valtolla!

Il vescovo ambrosio a castelletto in valtolla (clic per ingrandire)

Giovanni “Gianni” Ambrosio, vescovo dal 2007 della diocesi di Piacenza e Bobbio, studioso di scienze sociali, prelato d’onore di Sua Santità Benedetto XVI°, stamani era in valtolla.

Nella chiesa di Castelletto lo hanno accolto anche i parrocchiani della vicina Vezzolacca.

Per l’occasione, presente anche il Sindaco del comune (Vernasca), è stato ringraziato don Giancarlo Plessi che per tanti anni è stato il parroco di Continua a leggere “Il nostro Vescovo Gianni oggi era con noi, in Valtolla!”

Valtolla: nuvoloso tra sereno e l’autunno che avanza…

il fiore appena sbocciato ama il freddo!…cambiamento in vista?

Se per un giorno si annuvola il paesaggio, in queste settimane, diventa immediatamente autunnale.

In queste ultime giornate la temperatura di prima mattina, alle ore 8, non superava 12 °C ….ma la terra è ancora secca.

La poca rugiada che si forma nella notte svanisce in pochi attimi tra bagliori solari e lievi folate del vento che gioca con la chioma ancora folta 
degli alberi. 
La lieve brezza 
accarezza le piume
 dei trepidi uccelli e ne raccoglie
 i sussurri. Continua a leggere “Valtolla: nuvoloso tra sereno e l’autunno che avanza…”

Castelletto, antica chiesa di Sant’Andrea: fotocronaca di una cerimonia…

antica chiesa castelletto valtolla

Ieri pomeriggio, domenica 5 agosto, si è tenuta la tradizionale assemblea degli amici dell’antica chiesa di Castelletto valtolla alla quale hanno partecipato numerosissimi parrocchiani di Castelletto e Vezzolacca.

Dopo la Santa Messa sono stati nominati cinque nuovi custodi della chiesa e approvato il bilancio d’esercizio annuale. Continua a leggere “Castelletto, antica chiesa di Sant’Andrea: fotocronaca di una cerimonia…”

Valtolla: un nostro amico, i nostri amici….(1)

Un nostro amico ha realizzato un video che per noi estimatori della storia di questa terra è assolutamente da vedere…tutto!

La storia di una delle testimonianze concrete più importanti della valtolla: l’antica chiesa di Sant’Andrea di Castelletto.

Un recupero durato diversi anni con il concorso di tanti  e sostenuto dai tanti fans sparsi nel mondo (oltre 600). Il nostro amico “brigante della valtolla” ha realizzato questo bel video che abbiamo condiviso…..

Sino a pochi lustri fa il termine “valtolla” era quasi del tutto andato in disuso e ora……sempre più indica questa porzione di valle da Lugagnano al crinale …..

Sempre più orgogliaosamente….. NOI SIAMO IN VALTOLLA!

Antica chiesa della valtolla: immagini dal raduno annuale del 7 agosto e……altre.

clic per ingrandire

Per la prima volta don Giancarlo Plessi ha celebrato la Santa Messa in quest’antica chiesa dedicata a Sant’Andrea in Castelletto! Ha concelebrato con altri due parroci nati qui in Castelletto e noi abbiamo riascoltato, con particolare emozione,  la celebre parabola di Matteo l’evangelista ….

“…Pietro gli disse: «Signore, se sei tu, comanda che io venga da te sulle acque».  Ed egli disse: «Vieni!». Pietro, scendendo dalla barca, si mise a camminare sulle acque e andò verso Gesù.  Ma per la violenza del vento, s’impaurì e, cominciando ad affondare, gridò: «Signore, salvami!».  E subito Gesù stese la mano, lo afferrò e gli disse: «Uomo di poca fede, perché hai dubitato?».   Continua a leggere “Antica chiesa della valtolla: immagini dal raduno annuale del 7 agosto e……altre.”

L’antica valtolla….domenica 7 agosto

clic per ingrandire (invito); il programma è nella sidebar laterale

Dell’ antica valtolla sono rimasti pochi ma preziosi baluardi.

Gli scavi archeologici già compiuti qualche anno fa hanno finalmente portato alla luce i resti dell’antica abbazia costruita in epoca Longobarda poco distante da Monastero e dalla strada provinciale di fondovalle.

C’è la speranza [ci sarebbero i sufficienti finanziamenti ottenuti dal comune di Morfasso] per una ripresa degli scavi medesimi al fine di poter riportare definitivamente alla luce i resti del più importante centro religioso e amministrativo  alto e medio valdardese del Medioevo. Terminato il recupero l’area diverrebbe fruibile per le visite.

Una grande abbazia difesa addirittura da alcuni castelli locali che aveva giurisdizione dal Monte Lama al Confine di Castell’Arquato e relativi dintorni.

Un centro che sicuramente ebbe anche un grande ruolo nell’affermarsi definitivo della cristianità locale in una zona “al confine” di tutto…

Continua a leggere “L’antica valtolla….domenica 7 agosto”

La regimazione delle acque in valtolla…..tempi andati, solo ricordi!

Da marco del “lest” ……riceviamo alcuni commenti  che volentieri trasformiamo in post con fotografie.

Vezzolacca primi del 1900 – sullo sfondo il versante est del monte di Favale con le numerose frane prima della bonifica e del rimboschimento

 

 

“…provo ad inviarti alcune foto relative a lavori di bonifica montana fatti nel periodo 1930/35 che ho “trovato” in archivio….

Ho messo anche la tua foto di Vezzolacca dei primi 900 per fare la comparazione tra lo stato dei  luoghi di allora e  quello attuale sul versante est di Monte di Favale che allora versava in una situazione di notevole dissesto idrogeologico. Oggi quel versante è quasi tutto rimboschito e le  grandi frane sono quasi scomparse (è il versante dove c’è stato l’incendio questa estate)ma da  circa 40 anni non viene più fatto alcun intervento di ripulitura delle pinete e di conversione in  boschi di latifoglie come era stato preventivato nella progettazione originaria.

Le altre foto riguardano lavori di costruzione dei drenaggi con strumenti di alta  meccanizzazione…detti “escavatori con propulsore a biomassa”  (picco e pala) e costruzione di briglie in massi ciclopici ed in legname di castagno.

Costruzione briglia a gravità in pietra a secco probabilmente sul Rio Grande di castelletto – anno 1930/35

 

La domanda sorge spontanea: In quei tempi l’economia nazionale era prevalentemente agricola e l’amministrazione pubblica estremamente centralizzata, eravamo in regime d’autarchia e … non  avevamo neppure gli occhi per piangere, ma si è fatta “l’ossatura” della bonifica montana. Oggi certi lavori si farebbero in un decimo del tempo e con un centesimo delle maestranze di allora e l’economia nazionale, nonostante la crisi è comunque molto più florida di allora, ma….. basta guardarsi intorno…”

bonifica montana anni 1930/40- Costruzione drenaggi versante ovest m. Vidalto nella zona di rio Ronchetto- sullo sfondo si nota il versante est di monte di Favale prima del rimboschimento degli anni 1930/35
Briglie in palificata doppia di castagno e pietrame a secco sul rio Ronchetto a Castelletto di Vernasca – Anno 1930/35

 

Una vista sempre suggestiva

Difficile per noi resistere  al fascino dell’antica chiesa di Sant’Andrea di Castelletto…difficile non fotografarla in ogni condizione stagionale, da diversi punti di vista.

Forte la tentazione di cercare qualche effetto…..qui molto glow!

Si perché la neve favorisce l’utilizzo di certi filtri fotografici che noi mutuiamo da un grande SW.

Ma poco importa la tecnica! Conta il soggetto….uno dei pochi esempi della ” valtolla ” storica e antica.

Un luogo antico, di pellegrinaggio intimo, lontano da percorsi straconosciuti…vicino.

Un passaggio e una sosta per una preghiera, una meditazione…..

clicca per ingrandire (valtolla iPhoto)

VALDARDA VALTOLLA: PICCOLE RIFLESSIONI DI MEZZ’AUTUNNO


il castagno di 500 anni a vezzolacca ( clicca per ingrandire ); valtolla iPhoto art

CASTELL’ARQUATO

Il comune di Castell’arquato sta discutendo [ anche se esterna sicurezza] sulle “cose” turistiche, sul bando di gestione delle attività di questo settore, sulla gestione  del parco delle driadi, ecc….

La partita è importante perché riguarda ” l’attività ” per eccellenza, quella pubblica, quella oltre alla routine [non meno importante]…quella che coinvolge, appassiona, divide…esaspera e tiene banco.

Quella che negli ultimi anni ha dato non pochi grattacapi all’ Ente Locale; quella che  crea ancora parecchie divisioni in un paese che non ne ha proprio bisogno! Gli amministratori attuali lo sanno!!

Adesso anche questo bel posto [ Castello] si deve battere per scongiurare frane, per riparare quelle già attive, per…. Continua a leggere “VALDARDA VALTOLLA: PICCOLE RIFLESSIONI DI MEZZ’AUTUNNO”

Tempo di oziare, oziar facendo, oziar creando…. In valtolla, nelle valli piacentine

Pensavamo di poter oziare, di poter gironzolare a far visite e a curiosare nella nostra valtolla e invece …… bloccati da una fastidiosa “disequilibrite” (??) estiva imprevista ci dobbiamo accontentare di farlo virtualmente……ancora per un po’ di giorni e allora usiamo la nostra fervida fantasia…per curiosare, viaggiare, discorrere, (stra)parlare.
Tra venerdì sera e sabato avremmo solo avuto l’imbarazzo della scelta e oggi ancor di più.
Tra una mostra d’arte a Castello, due chiacchiere con l’ amico Paolo, una imprevista chiacchierata con il Sindaco….molto impegnato e attivo, la notte bianca organizzata dai quei simpaticoni di Lugagnano, dall’amica Valeria, alla festa degli emigranti di Castelletto (che diventi un appuntamento di divertimento e scambio culturale, se Comune e provincia intendono…).
Poi vi era anche il teatro natura ancora a Vezzolacca, per il terzo anno, grazie all’interesse dei nostri amministratori che capiscono la “forza” della valtolla e dei suoi borghi antichi.
Avremmo tanto voluto essere a Morfasso per la presentazione di un libro di storia locale, di una famiglia locale lungo un periodo di 600 anni, dell’ amico Andrea, collaboratore eccellente della prestigiosa rivista “quaderni della valtolla”…. Presentato dal vice sindaco farmacista.
AVREMMO, AVREMMO, DOVEVAMO….e invece oziamo per davvero, siamo costretti, imbalsamati ma lasciateci almeno creare un articolo, abusare della vostra pazienza.
Oziate anche tutti voi, oggi, seguendo un vostro percorso creativo in un sentiero del bosco, in una festa popolare, in un pic nic nella valtolla, ascoltando un gruppo musicale, una rappresentazione teatrale, partecipando ad una funzione religiosa in uno dei tanti borghi in festa della valtolla e dintorni.
Oziate in pace, gustandovi i prodotti della nostra amata madre terra….della nostra amata valdarda a km zero, oziate con lo spirito attivo!

A presto!

(postato con iPad)

Amici della valtolla, amici nostri vicini e lontani

Oggi, domenica primo agosto, si é svolta l’assemblea annuale degli amici della vecchia chiesa di Castelletto di Vernasca (valtolla classica) che ha visto una grande partecipazione.
Un occasione per ritrovarsi, per ricordare, per progettare, per ascoltare il premio nobel della pace del 1985 Bruno Nisci.
Fondatore, 30 anni fa, dell’associazione dei medici contro le armi atomiche, scienziato della vita!
La violenza non si supera con la violenza ma seguendo le parole di Cristo ” ama il prossimo tuo, porgi l’altra guancia” questa, in sintesi, la sua testimonianza.
Il presidente dell’associazione “amici dell’ antica chiesa di Sant’Andrea di castelletto” Arturo Croci ha condotto con grande simpatia la riunione che prevedeva l’inaugurazione della grande fontana posta nell’area di fronte alla chiesa.
Dedicata a Franco Bragoli, voluta dalla sua famiglia é stata inaugurata dal Sindaco, da un famigliare e benedetta dal giovane parroco della parrocchia.
Una cerimonia semplice, scorrevole e terminata con un rinfresco offerto dalle custodi della chiesa.
Ora più che mai la chiesa più antica della valtolla é patrimonio della valle intera, di tutti noi affinché “insieme” la conserviamo, la custodiamo, la frequentiamo.
Un luogo magico e mistico.

Valtolla e Val d’arda: un estate di attività ricreative e culturali (un intervento critico di Pietro P.)

clicca per ingrandire

RICEVIAMO UN CONTRIBUTO DALL’AMICO  PIETRO P. CHE VOLENTIERI PUBBLICHIAMO.

di Pietro P.

Mi sono reso conto che tutti i comuni della val d’arda ( voi la chiamate sempre valtolla..) si sono molto attivati per attrarre turisti e visitatori per quest’estate.

Buono per tutti noi che non avremo che l’imbarazzo della scelta tra un esposizione d’arte a Vigoleno, una tortellata a Vernasca o una cena medioevale a Castell’arquato; oppure tra il teatro antico a Velleia e l’ opera a Castell’arquato, tra un mercatino e una festa delle patate a Vezzolacca, tra la musica rock a Vigoleno e una visita ai musei di Castell’arquato, tra la Valchiavenna che produce ottimi vini e Bacedasco che gli fa concorrenza; tra una festa del parco provinciale a Morfasso e un’escursione sui suoi monti che sono tra i più belli della provincia.

Devo darvi ragione: sono stato sul monte Menegosa a Morfasso dopo aver letto i vostri articoli e… Continua a leggere “Valtolla e Val d’arda: un estate di attività ricreative e culturali (un intervento critico di Pietro P.)”

L’ANTICA CHIESA DI CASTELLETTO (progetto di riqualificazione…)

clicca sulla foto per ingrandire

Quando giungemmo a visitare Vezzolacca con le sue case di sasso perfettamente ristrutturate, belle, curate come tutto il paese,  dalla balconata della chiesa sul poggio scoprimmo esistere, in direzione Lugagnano,   una chiesa arroccata su un “poggiolo” lambito dalla Provinciale che collega la fondovalle della valdarda con la strada per Bardi.

Chiedemmo e ci fu risposto che era la vecchia chiesa della frazione di Castelletto abbandonata poiché diroccante.

Con l’aiuto della macchina fotografica digitale, sulla quale era montato un obiettivo di 200 mm., osservammo bene la costruzione e ci colpì la forma del campanile, così semplice, così elementare  e senza perder  tempo ci recammo sul posto….. Continua a leggere “L’ANTICA CHIESA DI CASTELLETTO (progetto di riqualificazione…)”