Valdarda: geografia di sapori

IMG_0205
Preparazione dei pisarei, tipico piatto piacentino (foto web)

LE DUE ANIME DELLA VALLE…

Sono due le vere anime della media Valdarda, quella larga, amministrativa, che comprende anche Valstirone, Vallongina, Valchiavenna e Valchero: il Piacenziano e la viticoltura.
E questo lo ritroviamo un po’ ovunque nel paesaggio e nei sapori che caratterizzano la zona.
Questo è un territorio che conosco da quando sono nato, che ho frequentato e sempre amato. Continua a leggere “Valdarda: geografia di sapori”

Il vino di Castell’Arquato, di Carpaneto P.no e…

2016-09-23-vendemmia-a-travazzano-6104
vendemmia 2016 di uve di ortrugo (Valchero-Carpaneto P.no)

Il vino è buono o cattivo?
Si direbbe buono se guardiamo al successo che i vari festival del vino locale, dal Monterosso Festival al Gut festival, hanno avuto.
Si direbbe cattivo se pensiamo ai danni causati dall’abuso di alcol che colpisce giovanissimi e non…
Ma allora è cattivo anche mangiar salame, insaccati in genere e formaggi, ecc…ecc….perché fa aumentare a dismisura il colesterolo cattivo nel nostro sangue che di conseguenza provoca l’insorgenza di gravi malattie che provocano danni irreversibili alla salute. Continua a leggere “Il vino di Castell’Arquato, di Carpaneto P.no e…”

Eccellenze eno-gastronomiche: pappa e ciccia …esaurita!

2016-05-31 13.19.14
Solo un assaggio di salumi dop…ma poi basta!

Pappa e ciccia esaurita? Fausto ed io siamo un po’ sprovveduti! In soli 10 giorni il libro “Eccellenze eno-gastronomiche in Valdarda e dintorni ” è stato (quasi) esaurito. Oggi abbiamo verificato che ne sono presenti solo poche copie in qualche edicola della Valdarda e Valchero.

Dunque, un grazie doveroso a tutti! Un grande grazie… Continua a leggere “Eccellenze eno-gastronomiche: pappa e ciccia …esaurita!”

Vino in Valdarda: quest’anno sarà buono!

vigneti LR (1 di 1) flare  copia
vigneti della valdarda ( per info e degustazioni: enoteca comunale di Castell’Arquato)

Dopo un autunno 2012 tra i più caldi degli ultimi 25 anni, l’inverno è iniziato con un brusco abbassamento delle temperature con forti nevicate ( le più intense degli ultimo 50 anni) e alta piovosità tra Gennaio e Marzo 2013. La primavera è stata particolarmente fredda con forti precipitazioni i  maggio e giugno (ricordate?).

Questo ha comportato difficoltà nell’ effettuazione dei trattamenti fitosanitari contro oidio e peronospora che sono indispensabili in quella stagione. La ripresa vegetativa è stata fortemente ritardata ma l’allegagione alla fine è stata buona e il calo di produzione contenuto.  l’ultima decade di Luglio e la prima metà del mese Agosto sono invece stati molto caldi ( con punte di 40°C e minime non inferiori a 23/24°C).

Nell’ultima fase le notti fresche e le giornate calde hanno risolto i problemi di un andamento stagionale bizzoso. Risultato: una buona sintesi aromatica e una buona maturazione fenolica. Chi avrà raccolto “bene”, rispettando i tempi di maturazione avrà prodotto del buon mosto. Forse in taluni casi eccellente. Sicuramente buone erano le uve di Barbera e Croatina, di Ortrugo e Malvasia di Candia…di conseguenza come potrebbero non sortirne degli ottimi Gutturnio, Ortrugo e Monterosso dell’annata 2013 ?

IMG_7525 copia flare copia
vigneti in valchiavenna ( tra Castell’Arquato e Lugagnano)
torricella  LR (1 di 1)-2 copia flare copia
la Torricella, sede dell’esposizione dei vini della valchiavenna ( seguite il calendario degustazioni sul sito internet dell’associazione viticoltori della valchiavenna )

La Torricella di Lugagnano (centro polivalente?)

la torricella (lugagnano v.a piacenza) (clic per ingrandire)

La località “Torricella” si trova in valchiavenna, una delle valli minori adiacenti alla valdarda, più belle e incontaminate della provincia di Piacenza.

Nei pressi di Chiavenna Rocchetta, poco distante da Prato Ottesola  e Vigolo Marchese (altre belle località!), si trova questo antico “manoir” (maniero , in inglese “manor house”, casa signorile fortificata di campagna) che in origine doveva essere una torre, con limitate funzioni di difesa (?), alla quale è stata aggiunta una casa d’abitazione e d’amministrazione dei possedimenti agrari. Continua a leggere “La Torricella di Lugagnano (centro polivalente?)”

Valchiavenna: dove il buon vino fa rima con generosità…

VALCHIAVENNA, PIACENZA (clic per ingrandire la cartina)

Un semplice gesto, senza tanti preamboli ha portato i rappresentanti del rinato circolo giovanile della valchiavenna di Lugagnano a donare 13 damigianini di vino frizzante agli ospiti della casa di riposo di Lugagnano. Questo è il risultato della prima edizione della “Festa del vino nuovo” che si è svolta il 15 aprile scorso a Chiavenna Rocchetta, una delle più importanti frazioni della valtolla-valdarda, centro di ottima produzione vitivinicola piacentina DOC, con tanti giovani conduttori di aziende vitivinicole dove vini bianchi, rossi e rosati, nella versione frizzante, sono un punto di forza. La generosità dei presenti e dei partecipanti alla festa del vino ha permesso questo primo carico di buon vino e…altri sono in arrivo. Proprio un bel gesto!

Trascorrere una giornata in Valchiavenna, una tra le più belle e tranquille zone della collina piacentina tra Vigolo Marchese e Prato Ottesola, tra Chiavenna Rocchetta e Diolo, rappresenta  l’ ottimale per famiglie con bimbi e nonni al seguito e per camminatori rilassati. Continua a leggere “Valchiavenna: dove il buon vino fa rima con generosità…”

Valtolla: tra la val d’ Arda e la val Chero c’è……

clic per ingrandire

Tra la val d’ Arda e la val Chero c’è……la Val Chiavenna [ Valchiavenna] perla vitivinicola della provincia di Piacenza.

A due passi da Castell’arquato, da Lugagnano, da Piacenza e  a 15 minuti dall’uscita dell’autostrada del Sole di Fiorenzuola d’Arda.

La valle  è  piccola e  si incunea discreta tra la grande valle dell’Arda e quella del torrente Chero; dalla collina più alta scende a valle verso la pianura che incontro dopo Vigolo Marchese.

La parte collinare media tra Prato Ottesola e Vigolo Marchese è di una rara bellezza, prettamente agricola dove  [per ora] non sono stati prodotti  gravi danni ambientali e paesistici e dove i calanchi milionari del “piacenziano” la fanno da padroni….Vigneti e calanchi, roccia e vigneti con un risultato scontato: ottimi vini bianchi e rossi.

Ora alla Torricella di Chiavenna Rocchetta apre l’enoteca con un ricco programma estivo di degustazioni e visite tra le quali “rinasce”, il 4 settembre,  la festa dell’uva da tavola.

Ma la Valchiavenna riserva di più…..continuate cliccando sul sottostante URL.

http://valdarda.wordpress.com/2011/07/28/valchiavenna-perla-agricola-e-naturale-della-provincia-di-piacenza/

Un libero ….valchiavenna tour

Il noto portale web ” libero “( infostrada, ecc..) nella sezione wwek end ha inserito una proposta eccellente della nostra zona: il piacenzianische tour ideato e gestito dall’azienda vitivinicola Fabio Buzzetti di Chiavenna Rocchetta ( valchiavenna – lugagnano val d’arda).

“Un fine settimana tra i fossili dell’antico mare dell’era di Pliocene e vividi colori, assaporando i profumi del vino nuovo” così inizia il bel servizio di Marecella Gaudina di  ” libero”……” Nell’immaginario collettivo l’autunno è una stagione triste, umida, nebbiosa. Ci sono luoghi però che in questo periodo dell’anno acquistano maggior fascino. La Val Chiavenna è uno di questi. Trascorrere un fine settimana di novembre in questo angolo della provincia Piacentina, tra le testimonianze dell’antico mare dell’era di Pliocene, assaporando i profumi del vino nuovo, è sicuramente il modo migliore per vivere appieno i mesi che ci separano dall’inverno..….. Continua a leggere “Un libero ….valchiavenna tour”

Oggi ho pranzato con operai e artigiani in valtolla [viaggio gastronomico-5 del 2010]

clicca per ingrandire (valtolla iPhoto)

Giovedì 22 ottobre,  alle 12,30, c’era bel tempo in valtolla e le sagome dei monti erano leggermente velate da un’ impercettibile nebbia che faceva da effetto “filtro” fotografico che uniformava lo sfondo, nascondendo i particolari ma provocando un effetto carta velina bellissimo.

La prima velina era azzurrina-verdeggiante con tonalità gialle, la seconda velina, quella più lontana era azzurrina-grigiastra con sfumature verdi ….la natura combina talmente bene i colori..[ o siamo noi che…ma non importa..].

Alle 12,30 eravamo all’Ostello degli Elfi di Vezzolacca, rinnovato, pulito, caldo..da Renato.

Sala pranzo con tendaggi panna-verdi che rendono l’ambiente particolarmente accogliente; fiori sui tavoli…..camerieri in tuta blu elettrico con pettorina gialla.

Menù di tre tipi: pesce, terra, pizza. Circa 80 coperti; carta dei vini limitata ma …… Continua a leggere “Oggi ho pranzato con operai e artigiani in valtolla [viaggio gastronomico-5 del 2010]”

Per Bacco a Bacedasco che vini e che paesaggio…

Bacedasco Alto, frazione del comune di Castell’Arquato:  la Pro-loco organizza la Festa dell’Uva e del Vino Venerdì, Sabato e Domenica, dal 27 al 29 Agosto.

Bacedasco Alto è una frazione di collina del comune, da sempre nota per l’uva e il vino.

Dalla Crocetta si prosegue per 6-7 km di strade collinari …tipo “langhe del Monterrato” e si entra in un microsistema di piccole alture  disposte disordinatamente tra Martani, costa, spedale e Paolini con stradine che salgono, scendono, risalgono…..attraversano un nucleo di case, un paesaggio di vigneti, un boschetto, costeggiano una siepe e si slanciano su un crinale…

Produttori rinomati, fino a pochi decenni fa, dell’uva da tavola Bianchetta…piccola, bolce, giallina e tanto buona, Verdea uva bianca  ottima per conservarla nei solai fino a tutto Natale e anche di Besgano…..che oggi non ci sono più…salvo qualche eccezione.

Bacedasco Alto,  sulla collina, con le sue stradine sul filo di costa assediato, per kilometri e kilometri, da vigneti vecchi e moderni, con tante……….. Continua a leggere “Per Bacco a Bacedasco che vini e che paesaggio…”

Oggi e domani nelle valli piacentine e nella valtolla

la sede della riserva geo ed enoteca ( mix di valtolla iPhoto) clicca per ingrandire

Difficile citare tute le iniziative del tempo libero, dello sport, della cultura e dell’ enogastronomia che, da Primavera ad Autunno inoltrato,  si tengono nelle nostre bellissime valli piacentine e in valtolla.

Possiamo solamente limitarci a ” ricordarne” qualcuna e non necessariamente le migliori ma…quelle che ci piacciono.

Innanzitutto questo è il week end del “turismo del vino”, quello delle cantine aperte che nella provincia di Piacenza vede partecipare circa 10 cantine agricole….( cercate nel web: turismo del vino).

Nella zona del comprensorio della val d’arda la “ Pusterla” della Valchiavenna a Vigolo Marchese e ” Montesissa” di Travazzano sono in prima fila.

Sono aziende agricole di tradizione che producono vini del territorio eccellenti….da oscar del vino.

Domani invece alla Torricella di Lugagnano val d’arda, nel bellissimo maniero della valchiavenna, sede della riserva geologica più importante d’Italia, si inaugura l’enoteca della valchiavenna…..fantastico!!! Era ora!!

In questa occasione i viticoltori associati locali vi faranno assaggiare il meglio della loro produzione….e che produzione!

Ma a Lugagnano val d’arda domani c’è valdarda bike ( e stasera manifestazione spettacolare di trial bike in piazza….)….manifestazione internazionale ciclistica molto seguita.

Lugagnano val d’arda sforna iniziative almeno ogni 15 giorni…una novità!..Una piacevole novità.

A Fiorenzuola d’arda, nel parco Lucca, Sabato 29 e domenica 30 maggio torna “Arti e Mestieri”, che taglia il traguardo delle venti edizioni.

Una bella manifestazione!

Poi ci sono sempre mostre d’arte molto interessanti e iniziative a Vigoleno borgo e Castell’arquato……

VALCHIAVENNA: UN GRANDE ITINERARIO TURISTICO( con Piacenzianische Tour)

articolo ripreso dal blog federato ” Piacenzaoggi tourist” pubblicato ieri sera.

” Una giornata in Val Chiavenna, tra bollicine Doc, rosse o bianche, una fetta di salame, la calda crosta di una fetta di pane, la goccia di un formaggio tipico, la trasparenza del miele e i richiami dell’era del Pliocene. L’autunno e la primavera, infatti, sono le stagioni migliori per andare alla scoperta di fossili con in mano un calice di vino anche se, tempo permettendo, l’ambiente è perfetto anche sotto la neve a Natale e tra i soffioni e i papaveri in piena estate. Le aziende agricole dell’Associazione Vitivinicoltori Val Chiavenna propongono la scoperta della loro vallata e delle ricchezze paleontologiche che la rendono unica attraverso il Piacenzianische Tour….”

grappoli e calanchi ( clicca sulla foto per ingrandire)

Questo è un estratto del comunicato stampa dell’associazione neonata alla quale facciamo un grande in bocca al lupo.

Questo, se ci permettete, è lo spirito giusto, è un club di prodotto specialistico calato su una delle zone più belle della nostra collina viti-vinicola valdardese.

Anche il blog federato ” piacenzaoggi tourist” ne aveva parlato lo scorso 4 novembre 2009 ” IDEA TURISTICA VALCHIAVENNA (PC); itinerario 1 ” veramente molto adatto alla fruizione turistica perchè sposa, le bellezze dei luoghi ( il parco dei fossili del piacenziano), con degli ottimi agri-vini e dei bravissimi professionisti della cultura eno-gastronomica.

Un grande applauso! Un itinerario unico e bellissimo! Un vero divertimento!

Piacenzianische Tour vi offre un ampia possibilità di divertimento escursionistico adatto a tutti, di acquisti di ottimi prodotti, di cultura e di simpatia.

Il comunicato della citata associazione turistica temina con:

…Prenota la tua giornata, la Val Chiavenna ti aspetta!!!   Info: 393/0899902, vinivalchiavenna@libero.it

Ma meglio di Noi possono farvi comprendere il comunicato allegato  e le foto che vi mostriamo.

COMUNICATO ” Piacenzianische Tour”  (pdf)