UN PAESE PER 100 €….( cento euro!)

 

valtolla's photo IMG_0145
RISTRUTTURATO! RISISTEMATO!

Ha iniziato il Sindaco Vittorio Sgarbi a Salemi ( in Sicilia ) che ha trovato subito altri imitatori in Italia e non solo.
Lo slogan è più o meno questo: venite nel paese… comprate una casa diroccata e abbandonata per un euro ma vi impegante e ristrutturarla e ad abitarvi almeno nel periodo delle vostre vacanze estive.

L’inviato del Los Angeles Times…

Mister Sgarbi famoso critico d’arte…..e primo cittadino a Salemi ( piccolo paese alto collinare siculo) ha avuto l’idea geniale di catalizzare l’interesse internazionale con una trovata semplice quanto originale: cedere a un euro (un dollaro e 35,  spiega diligentemente l’articolo (del giornale USA) le case del centro storico a vip e nomi noti che si impegnano a ristrutturarle e riportarle in vita. Un successo, che ha portato acquirenti da mezzo mondo nel trapanese.  Sottolinea che tra i nuovi proprietari di case c’è persino Peter Gabriel…… ecc….ecc….

Poi, come si diceva, è stato seguito da altri imitatori.

Oggi apprendiamo che in uno sperduto paese del Piemonte confinante con le prov. di Piacenza e Genova ( zona crinale alta valboreca ) un sindaco pone in vendita le case diroccanti, anch’egli,  per  € 1,00 ( un euro).

Si tratta di un piccolissimo comune con un impiegato tuttofare, un servizio postale e un paio di esercizi turistici dove, in inverno, vivono in quatro gatti….un paese con tante case abbandonate da almeno 50 anni, diroccanti.

questo mini municipio di compone di una manicata di frazioni alcune delle quali piccolissime con 10 case.

Quindi con 100 € possiamo comprare un paese.
Ovviamente sono giunte, come a Salemi, tante richieste.
Carrega ligure ( prov. di Alessandria)  98 abitanti ( novantotto) posto a  1098 mt. s.l.m.,  paese sperduto tra i monti dei nostri ” profondi appennini” si si affida a questa iniziativa per salvaguardare il proprio patrimonio storico culturale abbandonato da anni e, in parte, diroccante.
Sono iniative forti! molto forti!
Ma, al di là delle esagerazioni, una legge che costringesse a mettere in sicurezza gli edifici potrebbe far bene anche in certe nostre zone.
Abbiamo edifici rurali bellissimi che lentamente e inesorabilmente cadono solamente perchè i proprietari sono chissà dove e se ne disinteressano.
Questo stato di cose danneggia anche chi, invece, è intervenuto con cura e intelligenza.
quante case ristrutturate sono attaccate a vecchi ruderi che potrebbero cadere da un momento all’altro…solo per dirne una.

il patrimonio edilizio rurale non può essere lasciato all’incuria del tempo…
I comuni dovranno pur fare qualcosa!

I comuni aspettano solo di aggiustare frane? Di riparare disastri?

I comuni progettano la rinascita dei loro territori?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...