Due giorni sulle tracce di una donna, una Santa donna…

sergio IMG_9969Sergio Efosi Valtolla (fotoamatore, escursionista e narratore di storie)

Due giorni sulle tracce di una donna, una Santa donna…ovvero come trascorrer due giorni di calda primavera sul monte Santa Franca tra cammini devozionali, commemorazioni, escursioni nella natura e nei monti dell’Appennino morfassino, fiori e natura meravigliosa con pic nic finale…

PREMESSA.
Quando decidemmo di inserire nel piccolo volumetto-guida “Sentieri di Morfasso”, due percorsi escursionistici dedicati alla visita dei luoghi della “Santa” nella parte sommitale della Valdarda, quella dell’Appennino più bello,  eravamo consapevoli che questi avrebbero rappresentato un incredibile punto di attrazione permanente per molti.
Due percorsi…ma anche uno solo (integrato) se avete voglia di spendere un po’ di energia; due percorsi con una sola meta sul monte Santa Franca al candido santuario con il suo “pratone” antistante, la fontana dei miracoli e quella gran boscaglia tutt’intorno. Luoghi della pace assoluta, della serenità a piene mani, del silenzio dei monti rotto dal lieve brusio del discorrer di gente sparpagliata nel pratone, con una lieve brezza che accarezza il viso.

CRONACA DELLA DUE GIORNI
Martedi sera, il 24 aprile, dopo aver risalito a piedi il monte, partendo dalla Montelana “storica”, e dopo la cena al sacco, è stata celebrata la Santa Messa da J. Laurant, segnando la giornata tra canti e preghiere nella notte fonda. E sul prato nella sera stellata del monte sono risuonate le voci di Ornella e Fausto, di Giuliana e Silvano, di Maria Luisa e di tutti gli amici che son saliti a piedi attraverso il tratturo nel bosco. Poi d’improvviso, una piacevole sorpresa, è arrivato Maurizio, un Don a molti di noi caro,  per un breve saluto.
E nel santuario i canti dell’attesa intonati dal “Dutur” hanno fatto crescere il desiderio che questa celebrazione abbia un seguito negli anni a venire. Così abbiamo celebrato alla vigilia del 25 aprile gli 800 anni dalla nascita in paradiso di Franca il 25 aprile 1218.
La Santa valdardese che ha donato a tutti noi amore, carità, altruismo, energia…
Così mercoledì 25 aprile siam tornati alla buon’ora a risalir quei monti.

Zaino in spalla, abbiamo percorso l’anello de La Penna fino alla gran croce sommitale che scruta nella valle di Groppoducale; e siamo tornati in quella Montelana ai piedi del monte dalla quale la sera prima eravamo saliti a Santa Franca.

Ma alla fonte del piccolo borgo abbiam preso il largo e abbiamo raggiunto l’altro percorso, quello segnato in bianco e giallo che sale da Morfasso e, pian piano, siamo giunti ancora nel pratone, quando c’era veramente tanta gente che “picnicava”.

Stanchi, ma non troppo, ci siamo riposati con salami, formaggio, buon pane, vino piacentino, un liquorino casereccio e l’immancabile caffè da campo.

Il pomeriggio è trascorso nel segno giusto, quello dell’amicizia.
E quella discesa finale tra i boschi per raggiungere Morfasso ci voleva per terminar al meglio la giornata e smaltire qualche bicchiere in più…
Ciao ragazzi che ancora non ho menzionato, ciao Gianfranco e Angelina, Furio e Rosanna, Marco, Carina, Silvia e Oscar. Ciao alla prossima.
Una due giorni tra i nostri monti verdi e fioriti, camminando sui sentieri dell’Appennino più bello.2018-04-due giorni a santa franca-1IMG_0065-Modifica

INFO GUIDA SENTIERI DI MORFASSO
La guida dei “Sentieri di Morfasso” è in vendita a Vernasca, a Lugagnano presso l’edicola di piazza e la cartoleria Franchi, a Carpaneto presso il negozio di belle arti la Gioconda, nel bar edicola di Fontana Fredda, nell’edicola-panetteria di Rustigazzo, nel bar di san Michele, nel negozio alimentari di San Michele, nel bar edicola Novus di Morfasso, nell’edicola di Fiorenzuola in via Liberazione…

È anche possibile chiederlo a Fausto Ferrari e a Sergio Efosi Valtolla, autori del volume (messaggio privato sui rispettivi profili Facebook).

Ps: nella guida il telefono corretto dell’Osteria Valtolla di Case Bonini è 0523/ 899196.

 

2018-04-due giorni a santa franca-9IMG_0192

2018-04-due giorni a santa franca-1IMG_0130

2018-04-due giorni a santa franca -1IMG_0052

2018-04-due giorni a santa franca-1IMG_0214

2018-04-due giorni a santa franca-3IMG_0148

2018-04-due giorni a santa franca-6IMG_0162

2018-04-due giorni a santa franca -1IMG_0172

COPERTINA SENTIERI

2018-04-due giorni a santa franca-1IMG_0113

Annunci

Perché in montagna l’abbandono e il degrado diventano devastazione…

PERCHE IN MONTAGNA L’ABBANDONO… di Sergio Efosi

Recentemente il bravo giornalista Renato Passerini, del quotidiano on line “Il Piacenza”, ha pubblicato un interessante reportage su alcune situazioni di grave degrado della montagna bettolese, quella che confina con la nostra valtolla (alta Valdarda), che vi propongo di leggere.

In particolare mi ha colpito la condizione in cui versa l’ex preventorio, ex ospedale partigiano di Bramaiano. Una struttura pubblica  lasciata andare nella malora più completa.  Questo per far comprendere che la situazione di grave degrado che vive la nostra montagna è ben lungi dall’essere arrestata.  Ulteriori commenti sono superflui, giudicate voi stessi.

Clicca sul link per leggere l’articolo di Renato Passerini

MUSEO DIFFUSO DELL’ABBANDONO

L'ex preventorio di Bramaiano oggi - Passerini_IlPiacenza

Il libro dei racconti di Fausto sulla Valtolla…

Fausto Ferrari, alias brigante della valtolla, ha pubblicato i suoi racconti “C’era una volta la valle di Tolla” per un’iniziativa benefica a favore dell’Ospice piacentino “la Casa di Iris”.
Sono racconti che spaziano nel tempo, con ambientazioni e trame che si snodano dal mondo antico al contemporaneo; con personaggi che risiedono, vivono e lavorano nei nostri borghi della Valle di Tolla e nelle aree circostanti.

Continua a leggere “Il libro dei racconti di Fausto sulla Valtolla…”

Boschi: un esempio positivo…

forestale as02_49IL CONSORZIO DEI COMUNELLI

Il Consorzio Agro-Forestale dei Comunelli di Ferriere è costituito esclusivamente da proprietà collettive dette “Comunelli” per un totale di oltre 5.100 ettari. Di queste, poco meno del 90% sono occupate da bosco, la restante parte da prati e pascoli. Continua a leggere “Boschi: un esempio positivo…”

Caro Babbo Natale, voglio, vorrei una Valdarda …

2016-10-16-vezzo-la-vecchia-chiesa-1645VOGLIO UN VALDARDA, VORREI …

Lo so bene che non ho più l’eta per fare queste cose ma a volte ritrovare un po’ di genuina fanciullezza non guasta…

Caro Babbo Natale, vorrei  ritrovare l’orgoglio di una vallata dove vivere bene, come è sempre stato, e com’è ancora in tantissime sue parti. Voglio poter ricordare la tradizione, la storia; voglio, vorrei … Continua a leggere “Caro Babbo Natale, voglio, vorrei una Valdarda …”

I funghi sono una passione ma….sono rarissimi.

funghiporcini1

Ora proprio non c’è appennino valdardese o piacentino  che tenga: i funghi sono spariti, evaporati al caldo estivo. Oltretutto per almeno una settimana  non si prospettano piogge appenniniche rilevanti.  Le previsioni mettono sole e caldo ancora per diversi giorni. Continua a leggere “I funghi sono una passione ma….sono rarissimi.”

Appennino piacentino: aspro, lontano, fragile e bello…

escursioneBozza non corretta di Sergio Efosi per Valtolla’s blog©

APPENNINO ASPRO E LONTANO…

Il titolo del post potrebbe essere fuorviante perché a esser aspro, lontano, fragile e bello non è solo quello piacentino (di Appennino) bensì l’intera catena montuosa appenninica dal nord al sud del Paese.
Finche, un triste giorno di fine agosto 2016, come purtroppo periodicamente accade, l’Italia scopre che quelle aree  interne, lontane e fragili, naturalmente bellissime, dell’alto Lazio, delle Marche, dell’Umbria sono vicine. Più vicine che mai! Continua a leggere “Appennino piacentino: aspro, lontano, fragile e bello…”

Prato Barbieri: la lumaca lentamente va…

2016-09-04-lumaca e ronchi S-1485_FotorDa un po’ di tempo a Prato Barbieri, ad oltre 900 metri nel crocevia tra Valchero, Valdarda e Valnure,  un piccolo pubblico esercizio, La Lumaca di Pratobarbieri,  allieta le soste di gironzoloni (io), escursionisti, motociclisti, ciclisti, turisti vari e anche lavoratori di passaggio.  Ieri, per esempio, prima domenica di settembre era organizzata una grigliata per mezzogiorno con musica di accompagno, rigorosamente live. Continua a leggere “Prato Barbieri: la lumaca lentamente va…”

Della montagna si parla bene in estate e poi…

2016-07-24-teruzzi-0977IN ESTATE PARLAR DI MONTI FA TENDENZA…

Delle nostre vallate alte, per intenderci quelle più belle, a tratti molto suggestive e tutte da scoprire si parla sempre, quasi esclusivamente, in estate. E ci sono luoghi che concentrano l’attenzione di media perché i loro amministratori riescono a mandare in scena il “teatrino della politica” per parlare di cose belle, dei loro progetti, delle loro tante promesse… quasi dei sogni a occhi aperti.
Poco male, serve anche sognare! Ma non è sufficiente.
Qualcosa, a dire il vero pochissimo di quelle annunciate, viene anche realizzato.
Mi piacciono sopratutto i grandi proclami che fanno “assessoroni e assessorone” della Regione che per ferragosto e dintorni, quando tutti i palazzi della politica sono chiusi, si fanno una specie di selfie collettivo tra amici e omettono sempre (sic!) di parlare di argomenti scottanti: carbonext; che fine farà l’ospedale di Villanova, centro di eccellenza della nostra sanità in procinto di essere smantellato; il bitumificio di Gossolengo; lo stato pietoso delle strade provinciali; il disastro del lungo Po piacentino che piace solo nei proclami ma poi viene sempre “schivato” quando si tratta di far qualcosa di concreto… per non parlar di veri problemi legati all’assetto idrogeologico montano e alto collinare, argomento di cui i politici “preferiscono” parlare dopo una bella franona per promettere 100 e poi dare 10…quando ci va di lusso.
Nella montagna valdardese l’ultimo “grande intervento pubblico” che io ricordi (forse ho la memoria corta…) è stato al Parco Provinciale per abbattere un sacco di piante che non davano alcun fastidio…ovviamente si è fatto con la scusa del “risanamento”, e così un sacco di soldoni nostri se ne sono andati per un’altra cosa inutile.
Ma ho speranza (ancora una volta) che i buoni propositi annunciati nel bel comune appenninico di Cerignale in Valtrebbia prima o poi si concretizzino…speriamo prima che poi.

E ANNUNCIANO ALTRI SOLDI…
Entro ottobre, ci informa il nostro quotidiano, i comuni e i consorzi forestali potranno chiedere interventi a fondo perduto (avete capito bene: a fondo perduto), per progetti rientranti in un un range di spesa tra 50 e 150 mila €, per fare un sacco di cose legate al turismo: dal ripristino della sentieristica alla realizzazione di piccoli rifugi, dal posizionamento della segnaletica ai percorsi didattici nella natura, dalla realizzazione di nuove aree di tutela al ripristino dell’esistente, ecc…
Perché ne parlo?
1- perché mi illudo che si possano finalmente fare cose buone e utili per la montagna;
2- perché con 150 mila € si possono realizzare e ripristinare, se spesi bene e in accordo con il volontariato locale, km e km di sentieri, tabelle-segnavia, apporre punti info, ecc…

Mi illudo che stavolta non si sperperi ancora una volta tutto per realizzare cose inutili e ingestibili (potremmo farne un lungo elenco…) che dopo qualche anno sono inutilizzate e inutilizzabili alla faccia dei nostri soldi finiti nel nulla.

In ogni caso (sempre perché mi illudo che le cose possano migliorare) noi dell’associazione Via dei Monasteri Regi, con tanti amici e altre associazioni del territorio, ci siamo!

Editoriale di Sergio Valtolla©

2016-04- alto riglio-21

Valtolla 2045: azzeramento della popolazione ?

2014-diga mignano LR -5640Dagli anni 70 del secolo scorso ad oggi molti comuni dell’Appennino piacentino hanno perso oltre il 35 % della popolazione, con punte superiori al 45%. Ciò nonostante noto molta indifferenza e parecchie diatribe pro o contro qualche animale selvatico e un po’ sul “mostro”.

A nessuno sembra interessare della “rarefazione umana”, del lento, inesorabile declino al quale una parte notevole del territorio alto valdardese è messa a rischio. Continua a leggere “Valtolla 2045: azzeramento della popolazione ?”

Cara Valdarda, ma come ti han ridotta?

imageCara Valdarda, forse una volta eri molto bella e naturale, ma pochi di noi ti hanno conosciuta a quei tempi. Hanno iniziato circa 90 anni fa con una diga e poi hanno continuato con una bella cementeria che poi, pochi decenni fa, si è fatta più grande e più forte di “prima”. Per portare un’ industria insalubre di prima categoria in una valle così piccola,chissà come hanno potuto, chissà…
Ma non è finita qui: quando la ampliarono ci sarebbero voluti, come minimo, un serio controllo delle emissioni attraverso una fitta rete di centraline e invece…c’è lo hanno fatto credere ma non lo hanno mai fatto. E il traffico pesante che ha portato in valle che sfiora, in certi periodi, mille passaggi di mezzi pesanti al giorno? Pensate forse che abbiamo posto rimedi? Si, una piccola e anche poco efficiente circonvallazione (tipo fette di prosciutto sui nostri occhi di ingenui valdardesi) che evita l’attraversamento di Lugagnano ma non di Castell’Arquato dove il traffico pesante fa molti danni. Cara Valdarda abbiamo l’impressione che troppi amministratori locali si siano accontentati al posto di controlli e dinieghi di qualche “merce di scambio”: l’aiuto per una strada da asfaltare, per allestire uno spettacolo, per qualche metro di calce…e forse chissà cosa d’altro.
Ma la salute no, questa non importava a nessun politico o sindacalista.
Ma tu cara Valdarda che sei ancora bella, potresti essere bellissima con quel Castello splendido, con quei calanchi del Piacenziano…e quei monti come il Moria; per non parlare dei monti del crinale come il Lama e il “dolomitico” Menegosa, della vitivinicoltura collinare di alta qualità e di tanti monumenti…e cose del genere che ti danno lustro.
Pensa, cara Valdarda, potresti essere la terra ideale per residenzialitá, anche di alto profilo, e per un gran turismo, per arte e artigianato …e invece a ridosso delle tue zone più belle ti han costruito un mostro e han commesso, e sono in atto, tanti scempi ambientali. Ma perché, ma perché tanto accanimento? Resisti, cara Valdarda, resisti, hai superato anche prove ben più dure, resisti che ti amiamo in tanti.
A questo punto però non resta che dire, parafrasando amici di altre vallate piacentine, “grazie amministratori locali degli ultimi 40 anni…, grazie per questi esempi di scempi… Grazie, per averci portato i fabbriconi e qualche posto di lavoro in cambio della nostra salute, della salute delle generazioni future. Tanto alcuni di voi neppure abitano o abitavano in Valdarda; siete pure dei benefattori e vien proprio da chiederci come, senza di voi,  avremmo potuto rovinare tanto…”.
E allora, cari amministratori permetteteci un ultimo saluto: “baciamo le mani”.
(Ogni riferimento a cose, persone o fatti è puramente casuale, tutto inventato…frutto della perfida mente di un amante “geloso” della Valdarda alla quale è unicamente dedicata questa lettera).

2015-05-24-no carbonext web 1 LR-3881

La newsletter dell’antica chiesa …è in linea.

StefanoSarika3_FotorSenza una precisa periodicità, generalmente un paio di volte l’anno, viene pubblicato un notiziario a cura degli amici dell’antica chiesa di Sant’Andrea di Castelletto (Vernasca). Ora abbiamo ricevuto e pubblichiamo l’ultima edizione che anticipa gli  eventi 2015  a cura dell’associazione medesima.

SABATO  18 LUGLIO alle ore 10,30

Quest’anno il tradizionale incontro e l’Assemblea generale dell’Associazione Culturale Amici dell’Antica Chiesa di Sant’Andrea si svolgerà Sabato 18 luglio con il seguente programma:

– ore 10,30 ritrovo all’Antica Chiesa di Castelletto di Vernasca
– ore 11,00 Santa Messa con Don Alphonse Lukoki e i parroci di Castelletto

– ore 11,45 Saluto delle autorità
– ore 11,50 Relazione del presidente con la lettura del bilancio e la consegna degli attestati ai “Custodi” dell’Antica Chiesa del 2015.

SABATO 18 LUGLIO alle ore 21,00

incontro “fra la terra e il cielo” presso l’Antica Chiesa di Sant’Andrea in Castelletto con il concerto di Maddalena Scagnelli e il gruppo Enerbia.

VENERDI 31 LUGLIO  alle ore 21,00

si svolgerà presso l’Antica Chiesa di Sant’Andrea in Castelletto di Vernasca, una serata culturale avente per oggetto la lettura e il commento di brani e scene d’amore tratte dalle opere del celebre William Shakespeare considerato il più rappresentativo poeta del popolo inglese.

PER LEGGERE E SCARICARE LA NEWSLETTER CLICCA QUI!

Prato Barbieri: niente niente, tutto tutto…o quasi.

prato barbieri
prato barbieri google earth

Prato Barbieri (circa 900 metri) si raggiunge praticamente da Morfasso (Valtolla), Bettola (valnure), Groppallo via Santa Franca, Gropparello, Carpaneto e Lugagnano via Veleia, San Michele in valchero.  Continua a leggere “Prato Barbieri: niente niente, tutto tutto…o quasi.”

Dissesto e frane: non basta fare, occorre anche mantenere…

2015-03-marco del lest-dissesto...
foto 1-come si presentava l’intervento appena terminato …(2009)

Foto e testi di Marco del lest

Le foto che seguono sono molto eloquenti… si tratta di un piccola briglia in legno di castagno e pietra locale, posta a monte di un tombino stradale.

L’opera è stata costruita nell’estate 2009 nei pressi di Monte Chino di Gropparello ed è un semplice manufatto realizzato con tecniche di ingegneria naturalistica, in cui gli unici materiali di provenienza extracomunitaria (cioè provenienti da territori all’esterno delle Magnifiche Comunità della Val Riglio e della Val Nure) sono il tubo in plastica, i chiodi ed il filo di ferro zincato.

Senza titolo1
foto 2- come si presenta ora lo stesso intervento della foto 1…

 

La briglia ha retto a tutti i fenomeni alluvionali degli ultimi anni ma rischia di non reggere al fenomeno più devastante in assoluto: l’incuria.

Infatti basta vedere le foto successive e si nota come la vegetazione spontanea stia colonizzando tutta l’opera.

Questo indubbiamente è il segnale più eloquente che dimostra il buon funzionamento della struttura, infatti se nascono le piante nella platea significa che questa non è soggetta ad erosione e di conseguenza il torrente non erode le scarpate della strada provinciale.

Ma lasciando sviluppare questa vegetazione a rapido accrescimento (salicone e pioppo tremolo) si avrà lo scalzamento delle pietre della platea e delle traverse in legno dovuto alla crescita delle radici e dei fusti ed il conseguente disfacimento della briglia.

Basterebbe solo un’ora di decespugliatore, qualche colpo di roncola ed un pizzico di buona volontà per scongiurare tutto questo.

Se poi vogliamo proprio strafare potremmo dare una pennellata di impregnante alla staccionata… ma senza esagerare… non vorremmo mai dare l’impressione di amare il nostro territorio presentandolo curato almeno nelle piccole cose…

Senza titolo2
foto 3- ome si presentava…
Senza titolo3
foto 4- come si presenta ora…
Senza titolo4
foto 5-  come si presentava…
Senza titolo5
foto 6-come si presenta ora…
Senza titolo6
foto 7- come si presentava …
Senza titolo7
foto 8- com’è ora…

 

 

 

 

 

 

 

 

Il treno per Bardi ferma a Bacedasco Basso, Vernasca, Castelletto, Pedina…

c_026_x
dal web ferrovia di montagna…

Il treno della linea Alseno-Bardi parte alle ore 6,30 da Bardi ed effettua ile seguenti fermate: Pianazzo di Casali, Settesorelle, Pedina, Castelletto, Vernasca, Bacedasco Basso. Arriva ad Alseno alle ore…. Il treno è alimentato elettricamente nelle zone della “cremagliera” e nel resto dei tratti è trainato da una sbuffante locomotrice alimentata a legna…. L’energia elettrica viene fornita dalla centrale costruita sulla diga di Pedina…
Un tempo, non tanto lontano, fu presentato un progetto per realizzare una ferrovia che dalla Via Emilia, da Alseno avrebbe raggiunto Bardi, lo sapevate?

PER MAGGIORI DETTAGLI CLICCA QUI!

roberto dessi-ferrovie-dimenticate particolare
foto di roberto dessì