Fiorenzuola e la situazione degli abitanti dopo la peste …

icona mediaC’è un bel saggio di Massino Pallastrelli, storico della valdarda, pubblicato interamente in quaderni della valtolla XI del 2009 che riprende uno studio sulla demografia storica  emiliana per estrapolarne i dati fiorenzuolani per cui, secondo i dati del primo gran censimento del 1576 (che un tempo erano detti estimi, un censimento di uomini e proprietà rurali), la popolazione di Fiorenzuola si costituiva di 870 teste e 1473 bocche.
 Per teste si intendono gli uomini compresi fra i 15 i 60 anni; per bocche le donne comprese fra i 5 e i 60 anni e i giovani maschi compresi fra i 5 e i 15 anni. In pratica restano fuori dal conteggio bimbi e bimbe inferiori a 5 anni, e uomini e donne oltre i 60 anni. Continua a leggere “Fiorenzuola e la situazione degli abitanti dopo la peste …”

Il malessere di Fiorenzuola

francesco rossi lun 8 dic 2015, pagina FB
francesco rossi lun 8 dic 2014,  ore 18 circa, pagina FB

Capita in diverse occasioni di partecipare a qualche dibattito sul social  fiorenzuolano “SEI DI FIORENZUOLA SE…” che parlano della scarsa frequentazione del centro fiorenzuolano, soprattutto in fasce preserali.

Capita che poi si finisca a parlare in generale del commercio fisso.

Capita anche che si apprezzino certe iniziative recenti e altre meno, ma questo ci sta. Continua a leggere “Il malessere di Fiorenzuola”

Fiorenzuola: la piazza delle corriere e i dintorni…

web caduti fiore IMG_1580_
la piazza delle corriere, piazza dei caduti non è cambiata molto…

La piazza delle corriere era il nostro centro del mondo, l’ombelico della valdarda, dove ogni mattina, una manciata di corriere scaricavano 200 e forse più ragazzi che andavano a scuola, a lavorare o a gironzolare…si a gironzolare per la città (quando si poteva o si “fugava” da scuola). Continua a leggere “Fiorenzuola: la piazza delle corriere e i dintorni…”

Fiorenzuola d’Arda: archivio storico o museo di carte vecchie?

IMG_1359
Il magnifico ex convento sede del comune e delle biblioteche comunali (da fonti archivistiche)

IL BELL’ARCHIVIO STORICO

Lo scorso anno, nel 2013 per San Fiorenzo, visitammo lo straordinario archivio storico fiorenzuolano.  Ne avevamo già parlato ma lo rifacciamo perché riteniamo vi siano, in questo genere di cose, almeno due fasi.

Una prima è quella della celebrazione, l’altra è quella dell’azione. Continua a leggere “Fiorenzuola d’Arda: archivio storico o museo di carte vecchie?”

Ospedale unico della Valdarda: qualche scricchiolio di troppo?

Fiorenzuola, corteo contro la chiusura dell'ospedale ©Bisa_ilPiacenzaMolto prima che nel 2013 scoppiasse il gran casino attorno all’ospedale di Fiorenzuola noi del blog avevamo avanzato seri dubbi sull’operazione “nuovo ospedale unico della valdarda”.

Non ci convincevano tante cose: la localizzazione in centro storico, la chiusura totale o parziale, durante l’estate, di interi reparti, l’aver mantenuto il pronto soccorso in una situazione allucinante ecc…ecc… Continua a leggere “Ospedale unico della Valdarda: qualche scricchiolio di troppo?”

A Fiorenzuola mi difendo!

corso fiorenzuola donneUn assessora del comune di Fiorenzuola promuove un corso di autodifesa per le donne e, diciamo noi, fa bene. Non è il primo comune che lo fa e non sarà neppure l’ultimo.

Siamo arrivata anche a questo! Furti, aggressioni, violenze contro le donne e le giovani, bullismo contro persone deboli e cose del genere stanno aumentando e ci si organizza.

L’articolo di presentazione dell’iniziativa di “Libertà”¹ inizia così: «Bologna, due giorni fa: una 43enne viene aggredita da un uomo che la blocca e le tappa la bocca per derubarla. Milano, Navigli, cinque giorni fa: una 40enne mentre fa jogging in pieno giorno viene accerchiata da una banda di balordi, spinta contro un muretto, sfregiata con un vetro su ventre e viso...». I casi di aggressione sono quotidiani  e  sono stati raggiunti livelli intollerabili.

Ma l’autodifesa delle donne, pensiamo,  deve essere estesa anche a  morosi e mariti che le considerano “roba loro”, merce da possedere e non esitano ad ammazzarle di botte  e non solo…per gelosia e stupidità, magari in presenza dei figli minorenni.

Ma una donna che impara l’autodifesa potrebbe non distinguere bene la questione e trovarsi nel mercato a Fiorenzuola e assistere a un borseggio, intervenire e  rifilare al delinquentello/a di turno botte da orbi. Immaginate che  gusto vedere una scena simile! Certo un po’ da far west ma se si fa il corso di autodifesa…questo piccolo rischio si deve pur correre. Se a beccarle è  un verme che borseggia una donna , sia esso/a   gitano, straniero  o italiano poco importa…

Ma se a “beccarle” è uno straniero è razzismo? E invece se  a beccarle è un italiano cosa si rischia?

Una cosa è certa nel nostro Paese:  si rischia di più ad essere aggrediti che non ad essere essere aggressori. Rischia di più chi si è fatto svaligiare la casa che non chi lo ha fatto. Chi commette furti e violenza, una qualsiasi forma di violenza o di furto, quando va bene, molto bene, se lo “beccano” (se!!),  paga una volta su 1000. Il resto è impunito,  condonato e assolto per vari motivi  che per noi sono quasi sempre incomprensibili.

Auguriamo tanto successo all’iniziativa² ma in cuor nostro speriamo che questo serva anche a far desistere i violenti e i ladri.

Se non sarà così…W le donne!

¹) l’articolo è firmato da Donata Meneghelli, sul quotidiano Libertà del 07-11-2014.

²) Per iscrizioni e informazioni rivolgersi agli uffici comunali di Fiore per te, Largo Gabrielli n. 4 (dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 13 – martedì dalle 8,30 alle 16,30 e-mail:  info@fioreperte. it)

Fiorenzuola, Cadeo, Castell’Arquato, Lugagnano ecc…: comuni uniti nell’avventura?

schizzo della cartina della provincia di piacenza
schizzo della cartina della provincia di piacenza

LE POCHE CERTEZZE DI UN PAESE…

Nel nostro Paese abbiamo, non è una novità, poche certezze politiche e istituzionali ma per non generalizzare ora ci limitiamo a “discorrere” di quello che interessa: i comuni¹.

Grandi o piccoli che siano, di pianura o di montagna sono e, per noi, restano [i comuni] una delle poche istituzioni alla quale noi tutti, per un motivo o per l’altro, ci rivolgiamo con assiduità. Continua a leggere “Fiorenzuola, Cadeo, Castell’Arquato, Lugagnano ecc…: comuni uniti nell’avventura?”

Mi sum ad Fiurinsöla

cartina-pcps4-3 web 20% copiaMi sum ad Fiurinsöla
me  madar la fa l’urtlana
mi ca sum so fiöla
a gir tuta la smana.
A vendi la so vardura
c’le frösca e a bon marcà
le frösca e ben madura
l’invern e po’ l’està.
—– ritornello—–
A go l’insalata i pundatera
i gurgnaghen, a go ‘l riviot
a go la carotula da fa stracot.
—–(da  ripetere ) —–
e da mateina a sira
cul sul e la tempesta
l’urtlana le la gira
cun la cavagna in testa,
d’Alsen a Castelnov
da Fiurinsöla a Curmagiur
mi tut  im volan ben
mi tut im fan l’unur.
—–ritornello—–
A go l’insalata i pundatera
i gurgnaghen, a go ‘l riviot
a go la carotula da fa stracot.
—–da ripetere—–
(scritta da Clotilde Avanzi)

icona piccolaQuesta è una pagina di cultura popolare Fiorenzuolana  ma potrebbe benissimo riguardare anche altri luoghi della valdarda, dove occorrerebbero alcuni aggiustamenti perchè nei nostri paesi, anche in  quelli più piccoli, la parlata assumeva sfumature diverse. Il senso è che il dialetto andrebbe considerato un po’ di più e forse fatto ripetere, anche come gioco e come aggiunta alle materie culturali nelle scuole. Non si tratta di sostituire l’insegnamento delle lingue nazionali e di quelle utili per il “mondo globale” ma di tener in debito conto la storia delle nostre tradizioni, della cultura popolare e delle nostre “parlate” locali. Non c’entrano le questioni politiche e cose del genere, queste “cose”  dovrebbe essere semplicemente patrimonio di tutti noi , dei nostri figli e dei nostri nipoti. Punto e basta.

Fiorenzuola vale un vascone?

al vascon
al vascon

In tempi di crisi imperante parlare di certe cose, diciamo più leggere, potrebbe far storcere il naso a qualche austero custode della serietà.

Ma noi vogliamo parlare del “vascone” della nostra Fiorenzuola, quello che sta in alto nella curva della via Emilia vicino al ponte dell’Arda. Una torre costruita secondo lo schema usato dal mitico costruttore che a Parigi… ci siamo capiti. Continua a leggere “Fiorenzuola vale un vascone?”

Fiorenzuola d’Arda: la fiera tra si e no…

2014-10-19-fiorenzuola-po-IMG_6845Sabato pomeriggio 18 ottobre, dalle ore 16 alle ore 19 e domenica mattina, per una breve visita, siamo andati a passeggio per la fiera di San Fiorenzo e ci siamo fatti un opinione…complice il bel tempo che ha fatto la sua parte.

QUEL CHE RESTA DIFFICILE DA DIGERIRE… Continua a leggere “Fiorenzuola d’Arda: la fiera tra si e no…”

Fiorenzuola d’Arda: come sarà il San Fiorenzo 2014?

fiorenzuola di sergio valtolla (una delle immagini più diffuse nel web)
fiorenzuola di sergio valtolla (una delle immagini più diffuse nel web)

QUELLO CHE TROVEREMO

Che San Fiorenzo meriti qualche sforzo in più lo affermiamo da tanto tempo.

Nulla da eccepire sulle iniziative che quest’anno con largo anticipo sono previste o già svolte al momento della pubblicazione del nostro post.

Tutto ohhhhh…! Dalle iniziative “istituzionali-religiose” a quelle “culturali”, celebrative e ricreative. Bene il mercatino, bene le iniziative delle diverse associazioni. Continua a leggere “Fiorenzuola d’Arda: come sarà il San Fiorenzo 2014?”

Ospedale di Fiorenzuola: ritorno al futuro?

ospedale fiorenzuola  mag 11 IMG_4977PRIMA DI COMINCIARE A PARLARE DI OSPEDALE…

Neppure per un attimo abbiamo pensato che l’ospedale di Fiorenzuola dovesse chiudere i battenti per sempre. Ora dopo le decisioni istituzionali assunte, con il concorso di tutti i politici locali (sic!), siamo ancor più consapevoli che nulla, in ogni caso, sarebbe tornato ai livelli precedenti, nel bene e nel male. Inutile farci illusioni e raccontar balle.

Non vogliamo ritornare su vecchie  polemiche, spesso sterili, e non siamo da annoverare tra i difensori tout court di quello che era stato fino a pochi mesi fa il nostro ospedale.

I DUBBI E LE PERPLESSITÀ PER IL PASSATO… Continua a leggere “Ospedale di Fiorenzuola: ritorno al futuro?”

Fiorenzuola: correvano gli anni 1836…

fiorenzuola img_1359Fiorenzuola negli Stati di Parma, Piacenza e Gustalla nel periodo tra 1836 e 1840…*

POPOLAZIONE: la popolazione del comune è riconosciuta di 6027 abitanti (16 novembre 1840).

AMMINISTRAZIONE COMUNALE:  Carlo Merosi è nominato a Sindaco (31 maggio 1837). Nomina a Sindaci di Luigi Lucca e di Giovanni Tebaldi (13 giugno 1837). Col 1° [ndr:gennaio] del 1838 Luigi Lucca assumerà per anni 6 le funzioni di Podestà (15 dicembre 1837). Il Maggiore Pier Luigi Pizzamiglio è nominato Commissario comunicativo per restarvi sino a nuovo ordine (29 dicembre 1836). Col terminare dell’anno corrente il Maggior Pizzamiglio cesserà dall’incarico temporaneo di commissario da lui esercitato con lode (15 dicembre 1837).

FILODRAMMATICA: “Vi è approvata una società filodrammatica. Alle unioni della società dovrà assistere il Podesta o un Sindaco da esso delegato per assicurarsi che in quelle riunioni non si trattino cose estranee. Gli Accademici componenti la società presenteranno di 4 in 4 mesi anticipatamente i libri stampati o i manoscritti delle rappresentazioni che intendono produrre, all’Autorità territoriale col mezzo del Podestà per ottenerne l’approvazione. L’Autorità suddetta non permetterà che quelle rappresentazioni nelle quali nulla stavi contro la buona morale, la religione e la politica, e in caso di dubbio dovrà ricorrere alla presidenza dell’Interno. (10 Febbraio 1838). Segue il testo del Regolamento in 59 articoli”.

PRETURA: Nomina a 1° Supplente del Dott. Marco Pennaroli, ed a 2° supplente del Notaio Luigi Maffini (2 maggio 1836). (…)

*(S.Fattorini, Indice analitico ed alfabetico della raccolta generale per gli stati di Parma Piacenza e Guastalla degli anni 1836 al 1840, volume sesto, stampato a Parma nel 1843)

Fiorenzuola d’Arda apre il suo straordinario archivio storico

IMG_1359Straordinario! Non abbiamo altre parole per descrivere quanto sabato scorso abbiamo visitato nel seminterrato del municipio di Fiorenzuola d’Arda. Veramente una lodevole iniziativa promossa dall’assessore alla cultura Augusto Bottioni, coadiuvato dal circolo storico rappresentato da Eugenio Fabris che ci ha accompagnato nella visita guidata.

Un lavoro ben fatto, un recupero ottimo di un patrimonio culturale infinito che ha un valore che travalica i confini del comune di Fiorenzuola e della nostra stessa Regione. Eugenio Fabris da vero esperto (con ottime qualità comunicative e divulgative) ci ha deliziato di particolari, date, riferimenti e aneddoti che ci hanno veramente coinvolti. Continua a leggere “Fiorenzuola d’Arda apre il suo straordinario archivio storico”