A Fiorenzuola mi difendo!

corso fiorenzuola donneUn assessora del comune di Fiorenzuola promuove un corso di autodifesa per le donne e, diciamo noi, fa bene. Non è il primo comune che lo fa e non sarà neppure l’ultimo.

Siamo arrivata anche a questo! Furti, aggressioni, violenze contro le donne e le giovani, bullismo contro persone deboli e cose del genere stanno aumentando e ci si organizza.

L’articolo di presentazione dell’iniziativa di “Libertà”¹ inizia così: «Bologna, due giorni fa: una 43enne viene aggredita da un uomo che la blocca e le tappa la bocca per derubarla. Milano, Navigli, cinque giorni fa: una 40enne mentre fa jogging in pieno giorno viene accerchiata da una banda di balordi, spinta contro un muretto, sfregiata con un vetro su ventre e viso...». I casi di aggressione sono quotidiani  e  sono stati raggiunti livelli intollerabili.

Ma l’autodifesa delle donne, pensiamo,  deve essere estesa anche a  morosi e mariti che le considerano “roba loro”, merce da possedere e non esitano ad ammazzarle di botte  e non solo…per gelosia e stupidità, magari in presenza dei figli minorenni.

Ma una donna che impara l’autodifesa potrebbe non distinguere bene la questione e trovarsi nel mercato a Fiorenzuola e assistere a un borseggio, intervenire e  rifilare al delinquentello/a di turno botte da orbi. Immaginate che  gusto vedere una scena simile! Certo un po’ da far west ma se si fa il corso di autodifesa…questo piccolo rischio si deve pur correre. Se a beccarle è  un verme che borseggia una donna , sia esso/a   gitano, straniero  o italiano poco importa…

Ma se a “beccarle” è uno straniero è razzismo? E invece se  a beccarle è un italiano cosa si rischia?

Una cosa è certa nel nostro Paese:  si rischia di più ad essere aggrediti che non ad essere essere aggressori. Rischia di più chi si è fatto svaligiare la casa che non chi lo ha fatto. Chi commette furti e violenza, una qualsiasi forma di violenza o di furto, quando va bene, molto bene, se lo “beccano” (se!!),  paga una volta su 1000. Il resto è impunito,  condonato e assolto per vari motivi  che per noi sono quasi sempre incomprensibili.

Auguriamo tanto successo all’iniziativa² ma in cuor nostro speriamo che questo serva anche a far desistere i violenti e i ladri.

Se non sarà così…W le donne!

¹) l’articolo è firmato da Donata Meneghelli, sul quotidiano Libertà del 07-11-2014.

²) Per iscrizioni e informazioni rivolgersi agli uffici comunali di Fiore per te, Largo Gabrielli n. 4 (dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 13 – martedì dalle 8,30 alle 16,30 e-mail:  info@fioreperte. it)

Fiorenzuola, Cadeo, Castell’Arquato, Lugagnano ecc…: comuni uniti nell’avventura?

schizzo della cartina della provincia di piacenza
schizzo della cartina della provincia di piacenza

LE POCHE CERTEZZE DI UN PAESE…

Nel nostro Paese abbiamo, non è una novità, poche certezze politiche e istituzionali ma per non generalizzare ora ci limitiamo a “discorrere” di quello che interessa: i comuni¹.

Grandi o piccoli che siano, di pianura o di montagna sono e, per noi, restano [i comuni] una delle poche istituzioni alla quale noi tutti, per un motivo o per l’altro, ci rivolgiamo con assiduità. Continua a leggere “Fiorenzuola, Cadeo, Castell’Arquato, Lugagnano ecc…: comuni uniti nell’avventura?”

Mi sum ad Fiurinsöla

cartina-pcps4-3 web 20% copiaMi sum ad Fiurinsöla
me  madar la fa l’urtlana
mi ca sum so fiöla
a gir tuta la smana.
A vendi la so vardura
c’le frösca e a bon marcà
le frösca e ben madura
l’invern e po’ l’està.
—– ritornello—–
A go l’insalata i pundatera
i gurgnaghen, a go ‘l riviot
a go la carotula da fa stracot.
—–(da  ripetere ) —–
e da mateina a sira
cul sul e la tempesta
l’urtlana le la gira
cun la cavagna in testa,
d’Alsen a Castelnov
da Fiurinsöla a Curmagiur
mi tut  im volan ben
mi tut im fan l’unur.
—–ritornello—–
A go l’insalata i pundatera
i gurgnaghen, a go ‘l riviot
a go la carotula da fa stracot.
—–da ripetere—–
(scritta da Clotilde Avanzi)

icona piccolaQuesta è una pagina di cultura popolare Fiorenzuolana  ma potrebbe benissimo riguardare anche altri luoghi della valdarda, dove occorrerebbero alcuni aggiustamenti perchè nei nostri paesi, anche in  quelli più piccoli, la parlata assumeva sfumature diverse. Il senso è che il dialetto andrebbe considerato un po’ di più e forse fatto ripetere, anche come gioco e come aggiunta alle materie culturali nelle scuole. Non si tratta di sostituire l’insegnamento delle lingue nazionali e di quelle utili per il “mondo globale” ma di tener in debito conto la storia delle nostre tradizioni, della cultura popolare e delle nostre “parlate” locali. Non c’entrano le questioni politiche e cose del genere, queste “cose”  dovrebbe essere semplicemente patrimonio di tutti noi , dei nostri figli e dei nostri nipoti. Punto e basta.

Arda che fai, ci segui?

IMG_2864_tonemapped _Snapseed flare copiaIl nostro torrente Arda da il nome alla valle, una delle maggiori di Piacenza,integralmente piacentina con i suoi castelli, i borghi medievali, le antiche chiese, gli oratori, i vigneti in collina, il grano, il mais, il pomodoro e il latte in pianura, i poderi agricoli del Maestro Verdi con la sua villa a Sant’Agata, i ciliegi di Villanova e Soarza. A un certo punto della sua corsa, quando è già rallentata, la nostra Arda incontra Cortemaggiore, antica capitale dello stato dei Pallavicino, dov’è nata l’Agip supercortemaggiore. Continua a leggere “Arda che fai, ci segui?”

Fiorenzuola vale un vascone?

al vascon
al vascon

In tempi di crisi imperante parlare di certe cose, diciamo più leggere, potrebbe far storcere il naso a qualche austero custode della serietà.

Ma noi vogliamo parlare del “vascone” della nostra Fiorenzuola, quello che sta in alto nella curva della via Emilia vicino al ponte dell’Arda. Una torre costruita secondo lo schema usato dal mitico costruttore che a Parigi… ci siamo capiti. Continua a leggere “Fiorenzuola vale un vascone?”

Fiorenzuola d’Arda: la fiera tra si e no…

2014-10-19-fiorenzuola-po-IMG_6845Sabato pomeriggio 18 ottobre, dalle ore 16 alle ore 19 e domenica mattina, per una breve visita, siamo andati a passeggio per la fiera di San Fiorenzo e ci siamo fatti un opinione…complice il bel tempo che ha fatto la sua parte.

QUEL CHE RESTA DIFFICILE DA DIGERIRE… Continua a leggere “Fiorenzuola d’Arda: la fiera tra si e no…”

Fiorenzuola d’Arda: come sarà il San Fiorenzo 2014?

fiorenzuola di sergio valtolla (una delle immagini più diffuse nel web)
fiorenzuola di sergio valtolla (una delle immagini più diffuse nel web)

QUELLO CHE TROVEREMO

Che San Fiorenzo meriti qualche sforzo in più lo affermiamo da tanto tempo.

Nulla da eccepire sulle iniziative che quest’anno con largo anticipo sono previste o già svolte al momento della pubblicazione del nostro post.

Tutto ohhhhh…! Dalle iniziative “istituzionali-religiose” a quelle “culturali”, celebrative e ricreative. Bene il mercatino, bene le iniziative delle diverse associazioni. Continua a leggere “Fiorenzuola d’Arda: come sarà il San Fiorenzo 2014?”

Ospedale di Fiorenzuola: ritorno al futuro?

ospedale fiorenzuola  mag 11 IMG_4977PRIMA DI COMINCIARE A PARLARE DI OSPEDALE…

Neppure per un attimo abbiamo pensato che l’ospedale di Fiorenzuola dovesse chiudere i battenti per sempre. Ora dopo le decisioni istituzionali assunte, con il concorso di tutti i politici locali (sic!), siamo ancor più consapevoli che nulla, in ogni caso, sarebbe tornato ai livelli precedenti, nel bene e nel male. Inutile farci illusioni e raccontar balle.

Non vogliamo ritornare su vecchie  polemiche, spesso sterili, e non siamo da annoverare tra i difensori tout court di quello che era stato fino a pochi mesi fa il nostro ospedale.

I DUBBI E LE PERPLESSITÀ PER IL PASSATO… Continua a leggere “Ospedale di Fiorenzuola: ritorno al futuro?”

Fiorenzuola d’Arda apre il suo straordinario archivio storico

IMG_1359Straordinario! Non abbiamo altre parole per descrivere quanto sabato scorso abbiamo visitato nel seminterrato del municipio di Fiorenzuola d’Arda. Veramente una lodevole iniziativa promossa dall’assessore alla cultura Augusto Bottioni, coadiuvato dal circolo storico rappresentato da Eugenio Fabris che ci ha accompagnato nella visita guidata.

Un lavoro ben fatto, un recupero ottimo di un patrimonio culturale infinito che ha un valore che travalica i confini del comune di Fiorenzuola e della nostra stessa Regione. Eugenio Fabris da vero esperto (con ottime qualità comunicative e divulgative) ci ha deliziato di particolari, date, riferimenti e aneddoti che ci hanno veramente coinvolti. Continua a leggere “Fiorenzuola d’Arda apre il suo straordinario archivio storico”

Fiorenzuola: un piccolo omaggio dai quaderni della valtolla

ICONA VALDARDA HISTORY-3 (trascinato)Un piccolo omaggio del blog “Quaderni della Valtolla” alla città di Fiorenzuola d’Arda, prossima a festeggiare il patrono San Fiorenzo.

Si tratta di un  piccolo estratto del capitolo “Castello di Fiorenzuola” contenuto nell’opera “Castelli e Rocche del Piacentino” pubblicato nel 1913.

Per leggere clicca qui!

L’ospedale nuovo di Fiorenzuola che fa…chiude? …Gia?

Pare che il nuovo ospedale di Fiorenzuola d’Arda, l’ospedale unico della valdarda , chiuda uno dei reparti eccellenti per l’Estate da metà Giugno alla fine di Settembre  [forse lasciando un “presidio” di 3 letti…cioè un pronto soccorso perdiatrico.

Se la notizia sarà confermata è una vergogna e una presa in giro per tutti noi residenti della valdarda ..in particolare da Fiorenzuola a Morfasso.

Abbiamo atteso per anni il nuovo ospedale, si è chiuso tutto quello che esisteva a condizione che… ….e poi questo è il risultato? Naturalmente tutto è trapelato un minuto dopo le elezioni!

Ora come possono i Sindaci accetare questo assurdo comportamento della AUSL? Ci verranno a dire che i costi….., che le ferie del personale….., che i tagli ministeriali…., che qua e che la …ma son tutte balle!!! Serve serietà e ci si deve render conto che il “bacino” valdarda ha un sacco di bambini che possono anche aver bisogno di cure ospedaliere.

Quest’anno cominceranno a far fare “vacanza” alla pediatria [ un’eccellenza!] poi si dirà che forse anche il tal altro reparto…..e infine a Fiorenzuola e in tutta la valdarda avremo un bell’ospedale di serie C con reparti stagionali.  Un luogo dove non ci vorranno più venire al lavorare i medici [eccetto gli universitari]  perché non vi saranno le condizioni professionali, le strumentazioni diverranno obsolete e via di questo passo.

Da sempre sopportiamo il pronto soccorso sotterraneo [ perché, per fortuna, ci sono operatori che operano con passione..],  ora dovremo sopportare anche la pediatria stagionale? 

Valtolla, Piacenziano e Veleia …finalmente !!

clicca per ingrandire

Abbiamo parlato appena ieri dell’importante progetto finanziato dal ministero in valtolla-valdarda che coinvolge, tra l’altro, i nostri comuni di Lugagnano val d’arda e Morfasso e ci siamo soffermati, in quell’ occasione, sugli scavi relativi al recupero dei resti della nostra antica abbazia della valtolla  promettendo di ritornare sull’argomento per parlare del resto.

Ieri il Sindaco del comune di Lugagnano [capofila di questo progetto denominato “arcus”] ci ha gentilmente inviato il comunicato della conferenza stampa che riportiamo integralmente come allegato in PDF.

Non ci vogliamo ripetere: è un bel giorno, una bella iniziativa che riceve un finanziamento importante per definire meglio un ” assetto turistico” integrato della zona.

Lugagnano è il cuore di vallate naturalistiche, agricole e paesistiche fantastiche, ha alcuni gioielli storico culturali da invidia che possono rappresentare un buon investimento per il futuro turistico locale.

Veleia, inserito in un interessante progetto di recupero già avviato,  è stato recentemente oggetto di un restyling [ancora parziale] della sua area di visita ma ha ancora parecchie carenze che con questo progetto si spera di poter colmare.

Continua a leggere “Valtolla, Piacenziano e Veleia …finalmente !!”

Valtolla: si torna a scavare!

chiesa antica in valtolla

Si torna a scavare alla ricerca dell’antica abbazia della valtolla?

Si riaprono gli scavi tendenti a riportare alla luce i resti della grande abbazia di Valtolla in territorio morfassino ?

Pare proprio di si!

Stanno arrivando parecchi finanziamenti proprio per tale scopo ma nulla è dato sapere di più ( leggi “Libertà ” e “la cronaca”  del 27 Aprile 2011).

Il progetto complessivo che ha ricevuto un cospicuo finanziamento ministeriale coinvolge Lugagnano val d’Arda, Fiorenzuola d’Arda, Carpaneto Piacentino, Morfasso e la Curia piacentina [ interventi per 500.000 € a fondo perduto che diventeranno circa 600.000 con i fondi dei vari comuni ..]. A Morfasso con ogni probabilità si ripristineranno i già avviati scavi, dove sorgeva la grande abbazia di valtolla, a cura di gruppi archeologici locali, esperti e volontari ( ?? ) per portarli a termine con lo scopo di valorizzarne l’area a fini turistici e culturali.

Continua a leggere “Valtolla: si torna a scavare!”

Angelo Carzaniga esploratore della storia della valdarda e della valtolla

clicca per ingrandire

Si è svolta con grande successo la presentazione della raccolta degli scritti sulla valtolla di Angelo Carzaniga, il nostro compianto ricercatore storico, fine scrittore, intellettuale di Castelletto che ci ha lasciato opere fondamentali per la nostra storia locale.

Per saperne di più cliccate sulla sottostante URL…

http://quadernivaltolla.wordpress.com/2011/04/17/carzaniga-angelo/