Ricominciamo a progettare per la rinascita della valtolla

>> ripreso dal blog ….valtolla country  <<

photo by sergio valtolla
photo by sergio valtolla
la lunga stagione della progettazione per migliorare la qualità della vita in valtolla  è ripartita.

il compito che si trovano ad affrontare le comunità locali elettive ( i consigli comunali) è immane….c’è molto da fare!

le questioni primarie giacciono inevase da troppo tempo e ogni giorno che passa perdiamo qualcosa che difficilmente ritornerà: giovani, collegamenti sempre più precari, smottamenti, luoghi di socialità….siano essi parrochie attive, osterie, negozi, scuole, uffici postali, iniziative culturali, ecc….

I giovani restano se i luoghi sono facilmente accessibili, se vi sono servizi di qualità e non raffazzonati simulacri di questi, lavoro….. e almeno un concreto aiuto per chi lo esercita in montagna…..

Lodevoli le iniziative estive delle varie proloco ma non sufficienti e non sostitutive del ruolo che, invece, debbono svolgere le amministrazioni pubbliche.

Pochissime le iniziative culturali! Niente al confronto con quelle che si svolgono in altre aree del Paese!

La montagna potrebbe divenire, e in questo la valtolla ha molto da dare, un luogo di vita e di divertimento capace di attrarre altri giovani e le famiglie che non hanno problematiche di mobilità.

Pensate, per esempio, al vasto comprensorio che parte da Veleja romana e raggiunge il ” parco provinciale ” ….dalla cultura al divertimento puro, sano, alla gastronomia.

Boschi infiniti, ostelli e piccoli alberghi a buon mercato e molto ben tenuti, trattorie, sentieristica ben traciata, per tutti i gusti, possibilità di canoismo primaverile ma…..vi sono molti ma!

Si ritorna inevitabilmente ad elencare quello che NON va…o che non c’è.

Avremo altri momenti per riparlarne e per levare il grido opportuno.

La valtolla  ( alta valdarda e dintorni) è facilmente raggiungibile da Piacenza in poco più di un ora…da Fiorenzuola in tre quarti d’ora, da Fidenza e Cremona in un ora, da Milano in poco più di un ora e mezzo…… ma poi quanti avessero raggiunto la valtolla che potrebbero fare per impiegare qualche giornata …….a parte passeggiare e fare qualche mangiata??

Quasi nulla! ….Per attirare giovani e famiglie è un pò poco!

Non penso ne a piani neve, ne a tradizionali parchi divertimenti  e nemmeno a mega discoteche.

Penso, invece,  a percorsi avventura ( abbiamo la fortuna che, in zona, opera un importante imprenditore specializzato in questo), a locali dove ascoltare la musica …….la trattoria alpina di Prato Barbieri, il ristorante ranch di Bardetti, il ristorante nettuno di Mignano che qualcosa timidamente organizzano  … e con discreto successo.

Ma fin quando resisteranno da soli?? Fin quando questi giovani imprenditori non molleranno?

Ma allora Soprip, Gal, Piacenza turismi…Socris, e altre ” diavolerie ”  simili perchè sono stati costituiti?? solo per giustificare il lavoro di qualche impiegato? Eppure di contributi pubblici ne beccano… e non pochi.

Le iniziative  vanno ” dinamizzate”, ” animate”, ”verificate” ……non abbimo bisogno di una nuova classe di piccoli burocratini.

A Veleja, nel foro,  vi sono cartelli informativi ” ridicoli” ,” nulli” , pocchisimi reperti esposti nella misera sala museo quando ci scommetto che, a Parma nel museo archeologico proveniente dal sito citato, vi sono migliaia di reperti nelle cantine.

A Castelletto vi è una piccola chiesa antica assolutamente sconosciuta…nemmeno un cartello segnaletico…neanche l’ombra…poi sul luogo nulla …..nulla che informi sulla sua storia.

Le lodevoli iniziative degli amici dell’ antica chiesa di sant’ Andrea di Castelletto che hanno fatto moltissimo sono assolutamente, o quasi, dimenticate dalla comunità pubblica.

L’oratorio di Mignano…un gioiello…chi lo conosce? Eppure è stato ristrutturato.

Perchè i ritrovamenti funerari ” longobardi ” dell’oratorio citato , insieme ad altre meraviglie della nostra storia locale non sono valorizzate in un nuovo padiglione posto nell’area archeologica di Veleja?

Politici, per favore, non cominciamo con i campanilismi!

Inutile e sterile sarebbe voler lasciare tutto nel comune di ritrovamento…significherebbe creare il nulla…mentre abbiamo bisogno di realizzare un centro che funga da grande attrattiva.

Da  qui i rimandi verso altri siti citati ( da inserire nel circuito medioevo antico ) opportunamente resi fruibili.

queste sono solo ” pillole ” di un possibile piano turistico per la valtolla….pillole!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...